Pd, cassa integrazione |per i dipendenti siciliani - Live Sicilia

Pd, cassa integrazione |per i dipendenti siciliani

Teresa Piccione

Otto dipendenti scrivono a Epifani e contestano il tesoriere Teresa Piccione

Il caso
di
26 Commenti Condividi

PALERMO – Il taglio del finanziamento pubblico ai partiti colpisce Il Pd siciliano, che mette, a partire dall’1 luglio, i propri dipendenti in cassa integrazione: lo denunciano otto dipendenti del partito in una lettera al segretario nazionale Guglielmo Epifani ed ai vertici nazionali e regionali dei Democratici di cui l’ANSA è in possesso. Nella lettera inviata oggi, gli otto lavoratori denunciano che il 30 maggio, la tesoriera regionale per la Sicilia Teresa Piccione “ignorandoci totalmente riuniva il comitato di tesoreria”, e, “nonostante la cautela dei componenti, con un gesto di imperio metteva ai voti la proposta di cassa integrazione al 50%”, che veniva approvata. “Non possiamo essere noi – prosegue la lettera – a pagare le spese di una amministrazione che ci ha portati fino a questo punto. I nostri stipendi sono dignitosi, ma nulla di più; qualche altro, invece, usufruisce di compensi ben più elevati”. I dipendenti chiedono la convocazione della direzione regionale “per discutere e fare chiarezza su come sono state gestire le risorse. Possiamo tutti testimoniare che attività politica se ne è fatta ben poca, le campagne elettorale che si sono succedute sono state fate veramente sotto tono”. E chiedendo ai vertici del partito di “non versare più un euro al partito regionale” e di “istituire un fondo di garanzia”, diffidano la tesoriera regionale “a prendere qualsiasi iniziativa che non sia concordata”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

26 Commenti Condividi

Commenti

    La Piccione oltre ad avere due poltrone, consiglio comunale e parlamento nazionale, di fatto nn previsto dallo statuto del pd, e’anche tesoriere del partito e gestisce in questo modo una questione delicata come quella della cig!!!! Mah!

    Si sono mangiati l’impossibile e ora a pagarne sono i dipendenti, senza dignità

    in puro stile democristiano in chiesa può, entrare e uscire a piacimento chi vuole
    ma i soldi vengono gestiti solo dalla piccione e da lupo senza rendere conto a nessuno e da 4 anni che fa il segretario da tre tutti chiedono le dimissioni ma lui sta sempre là insieme ai suoi amici ha realizzato il partito virtuale ha nominato i capi dei circoli motu proprio che non hanno neanche la sede scegliendo il capo del circolo e il tesoriere in ogni circolo, com’è che la piccione fa il deputato nominato e il consigliere comunale e anche il tesoriere non c’è nessun altro che possa fare o il deputato o il consigliere comunale o il tesoriere non chiedetemi più i soldi della tessera perché è ora di finirla con le furbate lupo vedi di farti da parte insieme alla congrega perché non è cosa vostra fare politica la politica è un altra cosa che piccole ripicche e sotterfugi dovete solo vergognarvi!

    Perche non rendicontano tutte le spese????

    Bilancio partito PD: borse firmate, vestiti, viaggi e alberghi di lusso, massaggi e bella vita. Beh, qualcuno all’interno del partito, non solo ha scoperto l’amore, ma anche la vita da nababbo.

    La Piccione…

    Cosa ha prodotto in 5 anni di Consiglio Provinciale?

    E cosa ha prodotto in un anno di Consiglio Comunale?

    E cosa non produrrà da parlamentare?

    Meditate gente, meditate.

    Palermità, la domanda da porsi è questa: ma cosa ha prodotto il PD dalla sua nascita?

    Lupo e Piccione andatevene a casa voi e la vostra congrega. Liberate il Pd della vostra inopportuna presenza.

    Ma come dovrebbero dimagrire i partiti se poi ci lamentiamo di ogni decisione che cerca di contenere le spese ? Poi questi lavoratori hanno un incarico fiduciario e non è corretto rivolgersi alla stampa.
    QUAL’E’ la COLPA DELLA PICCIONE ? I SACRIFICI NON LI VUOLE FARE MAI NESSUNO
    VERGOGNA
    PER QUANTO RIGUARDA IL DOPPIO INCARICO NE HAI PIENAMENTE DIRITTO ED AIUTI CON LA TUA ESPERIENZA IL CONSIGLIO COMUNALE E FAI DA RACCORDO CON IL PARLAMENTO
    E POI CHI DOVREBBE PRENDERE IL SUO POSTO, qualche INDAGATO DEL CIAPI o simili
    VAI AVANTI E NON TI FARE INTIMIDIRE

    TUTTI COMMENTI INTERESSATI A FARE SCORRERE LA LISTA DELLE COMUNALI E FAVORIRE GLI ATTACCHI A LUPO UNA PERSONA PERBENE
    QUALCUNO SI DOVREBBE VERGOGNARE

    pensa a te e ai tuoi compari..che ne avete cose da nascondere

    X Laura,
    Qui nn si sta parlando di politica ma di 8 persone che rischiano il proprio posto di lavoro per una gestione scellerata. Che fine hanno fatto tutti i soldi dei rimborsi elettorali, a cosa sono serviti? Chi li ha gestiti? Perché devono pagare sempre e solo i lavoratori? Parli di rapporto fiduciario ha ragione ma lo stesso vale per datori di lavoro, mentre dall’ articolo si evince che la “colomba” sembra aver deciso tutto in autonomia, e questo lo chiami rapporto fiduciario? Ammettiamo che purtroppo tu nn avrai certamente di questi problemi ma a questo punto te lo auguro di vero cuore, oppure posso pensare a questo punto che devi qualcosa alla “colomba” e per questo ti schieri dalla sua parte! Non ho mai votato e mai voterò a sinistra dove si sbandiera sempre questo falso moralismo e questa difesa dei lavoratori (solo a parole), e questa ne è dimostrazione. Povera italia questi nn sanno gestire una segreteria politica e volevano governare il paese.
    Solidarietà ai lavoratori

    Ma di cosa vi lamentate, quando ci sono lavoratori che non percepiscono stipendio da oltre 7 mesi e non hanno cassa integrazione per gli altri periodi di messa in mobilità in quanto la Regione Sicilia non ha dato soldi all’INPS I tempi sono magri per tutti , un consiglio, rivolgetevi ai politici PD che vi hanno messo a quel posto sono sicuro che da buoni compagni metteranno mano a parte del loro stipendio a Vostro favore.

    ma aiuta cosa?? in consiglio comunale è quasi sempre ASSENTE!
    e poi la figura barbina in occasione del regolamento sulle unioni civili.
    ITIVINNI A CASA!!

    Laura i sacrifici non devono farli chi lavora come dipendente nel partito…ma chi grazie proprio ai dipendenti è diventato un deputato o un consigliere e assessore etc etc….prima come esempio dovrebbero sacrificarsi loro. Dovrebbero solo ringraziarli i dipendenti che si spendono prprio per i “potenti”. VERGOGNATI TU

    Chissà se questa è la stessa persona che e conosco………..vergognati tu

    Ma questa è la stessa laura che conosciamo? Che tristezza che sei vergognati tu

    Luisa, hai forse goduto di qualche privilegio e ti nascondi dietro il nome di Luisa? Luisa, dai tempo e vedrai lo scandalo che travolgerà l’ex uomo di chiesa spogliato e obnubilato…. Anche l’Opus dei lo prenderà a calci nel sedere… Siamo spettatori in attesa di vedere giustizia

    L’indagato del Ciapi, per la Piccione andava bene quando la faceva votare per le primarie. Con il patto che se votata si dimetteva dal consiglio comunale. Vergognati tu la Piccione e Lupo.

    “Non è corretto per i lavoratori rivolgersi alla stampa”!! invece è corretto spendere e spandere e poi licenziare. I sacrifici perché non li facevano loro usando i loro portafogli!!!! inutile sei sempre tu!

    ed i tantissimi soldi delle primarie?

    Cara Laura, guardi che la persona che salirebbe in comune a Palermo, è una grande persona perbene e non è indagato da nessuno. Stia attenta che partono le querele, dato che sappiamo chi sei!

    oggi i dipendenti del pd gridano allo scandalo.Nessuna solidarieta’ Per i licenziati della cgil, mai nessuno dico nessuno che ha sollevato il problema e ora vorreste solidarieta’ per i vostri problemi? Vi risolvera’ i problemi epifani, ve lo auguro…….Ai licenziati cgil non li ha MAI voluti incontrare.

    ma organizzate una mega rissa pubblica e picchiatevi di santa ragione! Mi viene da vomitare a pensare che quelli che scrivono i commenti insultandosi sono compagni di partito o di stanza..

    Roman, dice delle cose che fanno riflettere. Uno di quelli seduti nella stessa stanza per caso…. è lei?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.