Pd, Cracolici: "Il partito è stato mortificato della sua classe dirigente" - Live Sicilia

Pd, Cracolici: “Il partito è stato mortificato della sua classe dirigente”

"Dal 26 settembre si aprIrà la sfida per cambiare tutto", è il monito del deputato regionale.
CENTROSINISTRA
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – “Nella composizione delle liste per le elezioni nazionali, in particolare con la scelta di alcuni capilista che non rappresentano la Sicilia, è stata mortificata la dignità del Partito Democratico siciliano. È stato compiuto un grave errore, tutto questo è accaduto con le ipocrisie della classe dirigente nazionale e con i complici silenzi e l’accondiscendenza della classe dirigente regionale. Ecco perché il mio impegno in questa campagna elettorale è rivolto anche a quello che succederà dal giorno dopo le elezioni: dal 26 settembre si apre una sfida, dobbiamo cambiare il nostro partito nelle fondamenta”. Lo ha detto Antonello Cracolici, parlamentare regionale del Pd, intervenendo nel corso di una iniziativa elettorale a Palermo.

“Dobbiamo costruire un nuovo Pd siciliano e nazionale – ha aggiunto – dobbiamo costruire un Pd con la testa e con il cuore nei territori, che non sia mai più un partito pensato come una sorta di ‘azienda centralizzata’ con filiali in giro per l’Italia”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Massimo rispetto per tutti i candidati alla Presidenza della Regione Sicilia, ma spero tanto che i siciliani mettano alla prova Cateno De Luca.

    Un vaffa gigante ci sta tutto

    Detto da uno che sta all’assemblea regionale da quando aveva i calzoni corti fa un certo effetto…

    Solo per dire all’on. Cracolici che in Italia non risulta esserci una legge o un credo religioso che obblighi un cittadino a votare per forza il Partito Democratico. In una vera democrazia quale ritengo sia ancora quella italiana un elettore aprendo la scheda elettorale può constatare che non esiste il solo simbolo del PD ma tanti altri che è libero di contrassegnare in base al proprio convincimento politico o solo per voglia di cambiare rispetto a scelte del passato. Certe cose anche se scontate è bene ogni tanto precisarle.

    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahhahahahahahahahahahahahahahahahha

    Ma in tutto questo tempo che cosa ha fatto???vecchio lupo….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.