Pescatori sequestrati in Libia: 150 mila euro per le loro famiglie - Live Sicilia

Pescatori sequestrati in Libia: 150 mila euro per le loro famiglie

L'assessore regionale Bandiera: "Un gesto per alleviare le criticità che queste persone devono affrontare"
IL CASO
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – Su proposta del governo regionale l’assemblea siciliana ha destinato 150 mila euro in favore delle famiglie dei 18 pescatori di Mazara del Vallo e degli armatori dei due pescherecci Medinea e Antartide imbarcazioni fermate dai libici. Le risorse finanziarie destinate, derivano da una rimodulazione di fondi del dipartimento Agricoltura. Lo dice la Regione siciliana. “In un momento così delicato e snervante, per le famiglie coinvolte, abbiamo scelto la via della concretezza” dice l’assessore regionale Edy Bandiera “al fine di alleviare le criticità che stanno attraversando non solo le famiglie dei pescatori ma anche gli armatori”. Alle famiglie dei pescatori sequestrati andranno 100mila euro. Ai due armatori, proprietari delle imbarcazioni, sono destinati, complessivamente, 50 mila euro a parziale ristoro per i danni economici determinati dal sequestro delle barche, in termini di perdita del pescato, di carburante e di costi necessari per realizzare la battuta di pesca compromessa dal sequestro. “Su questa vicenda – ha concluso Bandiera – il governo Musumeci mantiene alta l’attenzione e con questo intervento concreto ha voluto manifestare piena vicinanza alle famiglie dei pescatori e agli armatori. Continuiamo con forza a chiedere al governo nazionale di impegnarsi fattivamente, per far sì che i nostri marittimi possano tornare immediatamente a casa e poter riabbracciare, finalmente, i propri familiari”. (ANSA).

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Noi non abbiamo un Ministero degli Esteri, questo pensa solo a parlare e parlare senza prendere decisioni, è vergognoso quello che sta avvenendo e nessuno parla se lì ci fosse un figlio di o un politico si sarebbe smosso il mondo. E poi que tratto di mare dev’essere pattugliato dalla Marina Militare e non permettere a questi predoni di approfittarne

    riportate i cittadini a casa

    D’altronde abbiamo come ministro degli esteri di maio ….. cosa pretendere. Povera gente e povere famiglie… uno stato imbelle

    Però abbiamo Governo e Ministri che pensano a come fare sbarcare immigrati e clandestini…..lasciando in balia del nulla i poveri ITALIANI. Una vergogna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.