Ok alla stazione sciistica| "Salvi i fondi comunitari" - Live Sicilia

Ok alla stazione sciistica| “Salvi i fondi comunitari”

Il progetto per il nuovo impianto sciistico a Piano Battaglia

Regione, Provincia e primi cittadini delle Madonie trovano l'accordo in commissione Ambiente all'Ars sullo sblocco di tre milioni di euro provenienti dall'Unione europea per i lavori d'ammodernamento della stazione sciistica. Il deputato Pd: “Scongiurato il rischio di perdere i fondi il prossimo 31 dicembre".

piano battaglia, parla ferrandelli
di
12 Commenti Condividi

PALERMO – Quando tutto sembrava destinato ad un ennesimo spreco in salsa siciliana si è segnato il cosidetto gol in zona ‘Cesarini’. Il nuovo impianto sciistico di Piano Battaglia si farà e si farà con i fondi provenienti dall’Unione Europea. Il protagonista della vicenda è proprio il noto impianto sciistico delle Madonie, struttura d’elite negli anni ’70 e ’80, che nell’ultimo decennio ha registrato un drastico calo delle presenze a causa del mancato ammodernamento della stazione. Per risolvere questo problema, dopo la definitiva chiusura dell’impianto datata 2006, nell’ottobre del 2012 l’allora Giunta della Provincia di Palermo, presieduta da Giovanni Avanti, diede il via libera al bando per il rifacimento degli impianti di risalita dal costo complessivo di 4 milioni di euro, di cui 3 milioni e 50 mila finanziati dalla Regione grazie ai fondi comunitari e 950 mila euro a carico di privati che si aggiudicherebbero anche la concessione degli impianti fino a un massimo di 30 anni.

Fin qui tutto bene. Peccato che proprio da quell’ottobre del 2012, mese in cui lo stesso presidente Avanti stabilì in 365 giorni il termine massimo per la costruzione dei nuovi impianti, ritardi e continui rinvii hanno ostacolato qualsiasi via libera nel comprensiorio madonita. Nemmeno l’interessamento dell’Ente Parco delle Madonie e di varie associazione costituitesi nel frattempo (Pro Piano Battaglia e Madonie per citarne alcune) riuscirono a sbloccare i lavori di realizzazione di una nuova seggiovia e di uno skilift. Il primo bando, risalente al 16 marzo 2013, venne infatti completamente disertato mentre solo a luglio scorso qualcosa iniziò a muoversi.

L’appalto viene assegnato a settembre alla Piano Battaglia Srl, una partecipata della Finotello Srl azienda leader negli impianti sciistici in Piemonte ed unica a partecipare al bando, che si prende l’onere di costruire una seggiovia biposto (Mufara) da 750 persone l’ora e uno skylift monoposto (Mufaretta) con le attrezzature accessorie e tutti gli impianti tecnologici. Quando tutto sembra puntare dunque ad un felice epilogo dell’iter burocratico spunta però il ricorso di Mediterranea Ambiente, associazione ambientalista di Messina preoccupata dall’impatto sull’ecosistema che la costruzione dell’opera avrebbe portato. Superato anche questo ostacolo l’Urega (Ufficio regionale per l’espletamento di gare per l’appalto di lavori pubblici) convoca due commissioni per sbloccare la situazione entro l’ultimo termine stabilito, quello del 31 dicembre 2013, pubblicando però solo una comucazione di rinvio a data da destinarsi delle operazioni di gara.

L’intricata matassa, ingigantita dalle ragionevoli paure e lamentele dei proprietari delle strutture ricettive presenti a Piano Battaglia, si trascina dunque stancamente fino ai giorni nostri, per la precisione a due settimane proprio dal fatidico 31 dicembre. “La Provincia chiese una proroga di uno o tre mesi per scongiurare la perdita di quei fondi – ci dice Andrea Di Piazza, che negli ultimi anni ha curato l’informazione online su Piano Battaglia (www.pianobattaglia.it) con una relativa pagina facebook – ma non sappiamo se esista in realtà la documentazione relativa a questa richiesta. L’attuale impianto ha superato ormai i trent’anni d’operatività e dal 2006 non è praticamente più in funzione. Gli albergatori e in genere i proprietari d’attività del comprensorio vorrebbero capire che intenzioni ha la Regione nei confronti di Piano Battaglia”.

Ad unirsi alla denuncia è infine anche il consiglio comunale di Petralia Sottana con una seduta d’emergenza convocata sabato scorso. “Mancano ormai pochi giorni – ha affermato il primo cittadino Santo Inguaggiato – al 31 dicembre, data in cui verranno ritirati i fondi europei. Ecco perchè seguiremo con grande apprensione quella che rappresenta un’occasione d’oro per la nostra stazione sciistica”. Il rinnovo dell’impianto di Piano Battaglia, volano da sempre dell’economia della zona, rappresenterebbe infatti una boccata d’ossigeno per una serie di strutture ricettive storiche come il Rifugio Marini, l’Ostello della Gioventù, il Ristoro dello Scoiattolo, la Baita del Faggio e l’albergo Pomieri.

A portare una schiarita nella vicenda è stata però l’odierna audizione in commissione Territorio e Ambiente dell’Ars richiesta da Fabrizio Ferrandelli. Proprio il deputato del Pd, dopo le richieste presentate dai tantissimi operatori della zona e dai sindaci dei comuni limitrofi proprio a Piano Battaglia, ha posto all’ordine del giorno il salvataggio degli importanti fondi comunitari: “Alla riunione erano presenti tutte le parti interessate – ha detto Ferrandelli -, l’assessore al Turismo Michela Stancheris, quella al Territorio Maria Lo Bello e il Commissario straordinario della Provincia di Palermo Domenico Tucci oltre ovviamente alla rappresentanza degli amministratori madoniti e di alcune associazioni ambientaliste. La volontà comune è quella di portare avanti i lavori per Piano Battaglia insediando, già dalla prossima settimana, una commissione interdipartimentale nei vari assessorati affinchè entro il 31 dicembre si presentino tutte le carte in regola per lo sblocco definitivo dell’impianto”.

“L’assegnazione dei lavori e la costruzione del moderno impianto di risalita – conclude Ferrandelli – porterà un indubbio vantaggio ad una zona turistica che possiede ben 15mila posti letto e che purtroppo, negli ultimi anni, ne ha sfruttati solo il 30 percento. Il tavolo di oggi ci ha dato la certezza della copertura finanziaria per l’importante struttura delle Madonie e quindi anche dal punto di vista burocratico-amministrativo ci aspettiamo che vada tutto per il meglio. Voglio sottolineare l’ostinazione di chi vive in quel territorio nel non perdere un finanziamento del genere e la grande mano fornita dal presidente della commissione Ambiente Trizzino nel raggiungimento di questo risultato”. Piano Battaglia sembra dunque aver ricevuto le risposte che merita, seppur con la scadenza del 31 dicembre ormai dietro l’angolo. Un sospiro di sollievo per gli operatori del turismo che potranno veder rifiorire quella che, vent’anni prima, era la metà preferita dai palermitani nel periodo invernale.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    Ogni tanto una bella notizia! BENISSIMO!

    si ma nel concreto,alla femminina cosa faranno di buono?non vorrei perdermi in commissioni interdipartimentali……. !vediamo se ferrandelli ha seriamente voglia di fare o vuole solo visibilita’. a tiro lungo si vedono i cavalli vincenti !

    ….se i cittadini madoniti avessero bloccato ad oltranza l’autostrada qualche mese fa adesso forse sarebbe tutto a posto…. è risolleverebbe l’economia di tutta l’area e forse servirebbe a riattivare anche l’ospedale che sta morendo… sarebbe bello poter sciare vicini a casa!!…

    Ferrandelli non ci deludi mai!!!! X te la politica è amore e passione!!!! Così si fa, sulle cose, sul territorio!!!!!

    Una buona notizia, in questi ultimi due giorni avevo cercato di contattare Stefania Petix per un servizio su “Sttriscia la Notizia”. Spero non c’è ne sia più bisogno. Per le Alte Madonie avere gli impianti di risalita sarebbe come la manna dal cielo. Comunque bisogna gia iniziare ad aprire l’assistenza Ortopedica, dopo l’azzeramento del Reparto da parte dell’Aps Palermo.

    UNA LUCE SI RIAPRE SU PIANO BATTAGLIA………………di Franco Scancarello

    Quando nel Febbraio del 1991, da assessore provinciale all’impiantistica sportiva, ho stappato la bottiglia di spumante per la riapertura della stazione sciistica di PIANO BATTAGLIA, dopo oltre un decennio di inattività, non pensavo ci sarebbe più stato un periodo di chiusura degli impianti. Già allora avevamo programmato gli interventi necessari per rilanciare lo sci in Sicilia e invogliare i siciliani a programmare la settimana Bianca nell’incantevole cornice di Piano Battaglia , cuore del PARCO DELLE MADONIE.
    Gli operatori di Piano Battaglia ricordano ancora con nostalgia quella Domenica, qualcuno tra i più entusiasti purtroppo ci ha lasciati di già, penso a Mimmo Mogavero.
    Per i più giovani consiglio di consultare la stampa dell’epoca e il numero Speciale della RIVISTA PALERMO che, il compianto direttore Michele Russotto, ha dedicato all’evento.
    PIANO BATTAGLIA rimane una risorsa di tutta la CITTA’ A RETE MADONIE TERMINI CEFALU’ e il lavoro di squadra degli ultimi giorni lo dimostra.
    Abbiamo il dovere di continuare la battaglia per chi ci ha sempre creduto e ancora ci crede, per chi ci vuole investire e per noi stessi. Vorrei che entro un anno sparissero tutti i cartelli VENDESI che oggi si trovano affissi nelle strutture della stazione sciistica.
    AUGURI A TUTTI E IN BOCCA AL LUPO

    In realtà ci siamo sentiti un po’ soli nel denunciare le scorrettezze riscontrate in questi mesi, nei confronti del progetto Piano Battaglia. Sicuramente Città a rete Madonie-Termini ha dimostrato grande interesse per la località, come dimostra il finanziamento dell’anello di fondo. Tuttavia si è riscontrato un amaro disinteresse degli abitanti delle Madonie nei confronti di questi impianti di risalita, che sicuramente porterebbero sviluppo e occupazione. Adesso comunque non è tempo di sedersi sugli allori, ma di continuare a monitorare la situazione, fino all’aggiudicazione dell’appalto. Devo ammettere che la proroga ottenuta, se da un lato mi lascia sperare, da un altro lato mi preoccupa. non poco.
    http://www.pianobattaglia.it

    Bene hanno segnato il De Profundis dell’area di Piano Battaglia, da tempo immemorabile campo di guerra durante la stagione invernale, ancora una volta ha vinto lo strapotere della spartizione del denaro, per non dire altro, a discapito dell’ambiente, fare invece un centro, più adatto di Sci di Fondo o di Sci Nordico,, no vero, non ci sarebbero voluti tutti questi soldi, con la neve un anno si e un anno no, ma a chi la volete dare a bere.

    Mah! Se non vedo operai al lavoro e tempi certi per la consegna, non credo a nulla.
    Se mai si avverasse andrebbero immediatamente perfezionate tantissime cose sulla viabilità, sui posteggi, sull’ordine, sulla sicurezza, sulla pulizia ecc. ecc.
    Sullo “sviluppo e occupazione”….parliamone, come sul disinteresse dei madoniti.

    ma tutti questi “profondi conoscitori” dei Piano Battaglia e delle sue immani problematiche, esistevano nel 1982? Quando si saliva a piedi con sci in spalla in cima allo sparviero?
    Per sapere chi siamo e dove andiamo, bisogna almeno sapere da dove veniamo.
    Un gruppo su feisbuch non basta.

    ma cosa c’entra turiddubellomo? ancora con questa storia dell’età? mi sembrano critiche ridicole, lei che invece nel 1982 c’era, come ha combattuto? cosa ha fatto di concreto per il rilancio della località? aldilà delle domande non commenterò oltre queste stupide affermazioni, già per altro lette altrove, e soprattutto scritte nell’anonimato.

    Spero sia vero. La provincia non avrebbe fondi sufficienti per attivare questi impianti turistici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *