Pif: "Palermo è della mafia| per colpa di Andreotti" VIDEO - Live Sicilia

Pif: “Palermo è della mafia| per colpa di Andreotti” VIDEO

Ospite del programma condotto da Daria Bignardi, il regista de "La mafia uccide solo d'estate" parla di Andreotti e delle sue "colpe enormi", tra cui quella di aver abbandonato Palermo a Cosa nostra.

LE INVASIONI BARBARICHE
di
6 Commenti Condividi

Ospite de “le Invasioni Barbariche”, Pierfrancesco Diliberto – in arte Pif – parla di cosa ha rappresentato per lui la figura di Giulio Andreotti, “un simbolo che ha delle colpe enormi” tra cui quella di “aver abbandonato Palermo alla mafia”. “Il mio incubo – rivela il regista de “La mafia uccide solo d’estate” – è di fare un figlio e portarlo in una scuola intitolata ad Andreotti, magari. Io lo vorrei portare in una scuola intitolata a Calogero Zucchetto? Chi è? Un poliziotto di 27 anni che andava in giro a cercare mafiosi. Ma visto che la mafia è molto brava a trovare talenti, anche più di ‘X Factor’, l’ha fatto fuori. Io voglio dirle queste cose e voglio dirle con ogni mezzo. Sono testimonial della Telecom ma ho chiesto e ottenuto di fare un museo che racconti tutte le persone che hanno agito contro la mafia”.

GUARDA L’INTERVISTA DI PIF


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Bravo Pif, finalmente qualcuno che dice la verità, tutti questi incensi per un uomo torbidissimo!!!!

    Complimentia Pif x avere detto quello che tanti non hanno il coraggio di ammettere.

    Quindi tali affermazioni vogliono dire che Palermo è rimasta paralizzata al 1992 alla prima repubblica con uno dei suoi massimi esponenti in Andreotti, alle stragi di Capaci e via D’Amelio, all’arresto di Riina.
    Di conseguenza se Palermo è della mafia, gli ultimi 20 anni, senza Andreotti, senza Riina sono serviti solo a guardarsi in dietro e non in avanti.

    Bravissimo, il film e’ meraviglioso ma quante scuole lo hanno proiettato? Mi auguro che la sensibilità verso questo argomento aumenti e che i giovani possano rendersi conto che ciascuno di loro può lottare una mentalità che purtroppo per alcuni è’ solo fatalismo!

    Bravo Pif!! Adesso facciamolo vedere ai ragazzi nelle scuole….

    anche senza Andreotti Palermo, la Sicilia tutta è in mano alla mafia. Il problema non è l’individuo Andreotti, o Berlusconi o Renzi, il problema è il sistema italia, che nel tempo mantiene imperturbabili le strette relazioni con il sistema mafioso siciliano e meridionale in generale. Il problema è l’italia in quanto tale. Sono una sola cosa, sin dal 1861, e questo è chiaro come il sole. Negare ciò significa precludersi un futuro senza la mafia. Non ammettere questa evidenza storica significa essere corresponsabili dell’attuale sfascio socio-economico della terra di Sicilia. Fin quando non metabolizzeremo questa evidenza non ne usciremo vincenti. È l’italia, costruita sul patto con la mafia, che ipocritamente ti fa credere di combatterla, ma che ha bisogno per sopravvivere dell’appoggio della mafia stessa. L’italia senza la mafia crollerebbe, e vale anche il contrario.
    È la mafia che ci ruba il futuro? Rispondo di sì, ma per consustanzialità è anche l’italia che ci condanna alla miseria economica ed al degrado morale.
    Osservate questo:
    http://www.orizzontescuola.it/news/poeti-e-autori-del-sud-cancellati-dalle-indicazioni-del-ministero-pino-aprile-questo-%C3%A8-un-paese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.