Porto di Palermo, la Regione mette in vendita i bacini di carenaggio - Live Sicilia

Porto di Palermo, la Regione mette in vendita i bacini di carenaggio

L'importo complessivo a base d'asta è di circa 3 milioni di euro
IL BANDO
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – La Regione siciliana mette in vendita i bacini di carenaggio da 19 e 52 mila tonnellate che si trovano nello specchio d’acqua del Porto di Palermo. Inutilizzati da oltre dieci anni, obsoleti, al centro di una guerra di carte bollate con il raggruppamento di imprese che doveva ristrutturarli e fuori dal progetto della Regione che li voleva “fondere” in un solo grande bacino da 90 mila tonnellate, le due infrastrutture sono ormai da ostacolo alla navigazione delle navi da crociera in entrata e uscita dal Porto.

La vendita all’asta sarà gestita dall’Autorità di sistema portuale del mare di Sicilia occidentale (Adsp), per conto della Regione siciliana. Il lotto sarà unico. Una volta effettuata la vendita, il bacino da 19 mila tonnellate dovrà essere rimosso entro 45 giorni dalla stipula del contratto, mentre il bacino più grande entro 75 giorni.

L’importo complessivo a base d’asta è di circa 3 milioni di euro (3.077.750), e sarà aggiudicato con il criterio del miglior prezzo di vendita. Il termine di presentazione delle domande di partecipazione è alle 10 del 22 febbraio 2021. Le richieste sono gestite in modalità telematica sulla piattaforma e-procurement dell’Adsp. Le offerte saranno aperte un’ora dopo il termine di scadenza del bando, alle 11 del 22 febbraio 2021. (ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Potrebbero eventualmente comprarli, ma ad un prezzo di molto inferiore a quello della base d’asta considerata anche la vetustà e le spese di rimozione e trasporto, alcuni demolitori navali che si trovano sulle coste della Turchia o del Bangladesh dove vengono smontate anche grandi navi da crociera o da trasporto a fine carriera per venderne poi l’acciaio ricavato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *