Prodi si ferma |a 100 voti dal Colle - Live Sicilia

Prodi si ferma |a 100 voti dal Colle

Il Professore non ce la fa a passare il quarto turno: 395 voti non bastano per raggiungere la maggioranza assoluta. Tutto rinviato domani alle 10, per la quinta seduta.

 

IL QUARTO TURNO
di
1 Commenti Condividi

ROMA – Romano Prodi non passa al quarto turno per le elezioni del dodicesimo presidente della Repubblica. Nessuna novità dall’aula di Montecitorio dove le Camere sono riunite da due giorni nel tentativo di trovare un accordo, che ancora non è arrivato. L’abbassamento del quorum a 504 non è bastato: Pd e Sel non sono riusciti a far eleggere il candidato designato questa mattina dal segretario del Partito democratico Pierluigi Bersani.

Soltanto 732 votanti a questo turno: Pdl e Lega si sono tirati indietro, perché “questo voto non è democratico”, secondo Silvio Berlusconi. Cresce invece il consenso per Annamaria Cancellieri, candidata di Scelta Civica. Il fronte compatto del Movimento 5 stelle non ha lasciato spazio al centrosinistra: 213 i voti per Rodotà, che cresce rispetto al numero dei parlamentari dell’M5S.

Il Professore però potrebbe restare il candidato del Pd per il Colle, nonostante il passo falso di oggi. Tutto rinviato a domattina alle 10, con la quinta votazione per l’elezione del dodicesimo presidente della Repubblica.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Solo Rodotà puo’ salvare il PD dalla fogna in cui si sta cacciando. Lo hanno capito in molti, ma non gli zar che vivono in un mondo a parte e che continuano con inciuci e trovate alla Gatto Silvestro. Non sono un grillino, ma non capisco il terrore che Rodotà incute ai vecchi politicastri: paura che non si possa corrompere? Dopo tante nasate un minimo di buon senso non starebbe male…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *