Fondi Ue, Provenzano:| "Non bisogna perdere un solo euro" - Live Sicilia

Fondi Ue, Provenzano:| “Non bisogna perdere un solo euro”

Le parole del ministro per il Sud

Catania
di
1 Commenti Condividi

CATANIA – “Non lo dico con polemica. Al governatore della Sicilia, Nello Musumeci, ho dato disponibilità a lavorare insieme per evitare che un solo euro di fondi europei venga perduto. I siciliani non meritano di pagare due volte il costo delle inefficienze”. Lo ha detto il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, a margine di un convegno della Cgil a Catania. Il ministro ha rilasciato anche un’intervista al quotidiano ‘La Sicilia’: “La manovra rispecchia l’accordo di governo e inviterei tutti a ripassarlo, quell’accordo – ha affermato -. Tutte le idee e le proposte possono essere utili, ma nel quadro di un programma che va rispettato. Capisco che il respiro di sollievo che ha tirato l’Italia per il mancato baratro in cui ci stava portando una manovra che si faceva carico delle scellerate promesse di Salvini è durato poco, ma dobbiamo ricordarci da dove veniamo”.  Provenzano definisce “di sinistra” la legge di bilancio. “In questa manovra, contrariamente a quanto si temeva due mesi fa, non c’è né aumento dell’Iva, né tagli sociali per sei miliardi. Invece ci sono: aumento degli stipendi, abolizione del super ticket, abbattimento delle rette degli asili nido, piano casa e misure per il Sud”.

Per Provenzano “è anche legittimo il dibattito nel governo. C’è chi vuole alzare la soglia del contante e chi vuole alzare gli stipendi ai lavoratori, io sono orgoglioso di far parte della seconda metà”. Quanto a Maria Elena Boschi, che ha definito il Pd “il partito delle tasse”, “sono convinto che da parte di chi è seduto in Parlamento grazie al Pd ci sarebbe bisogno di maggiore rispetto per questa comunità”. “Nella manovra ci sono due norme che anticipano i contenuti del Piano per il Sud. La prima misura è un rafforzamento della clausola del 34% e cioè degli investimenti nel Mezzogiorno che siano proporzionali alla popolazione di riferimento, per consentire le risorse di coesione siano davvero aggiuntive”, spiega il ministro. “L’altro tema è la semplificazione delle procedure di riprogrammazione di tutte le risorse previste per il Sud e non spese negli ultimi anni”.

(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    A parte che secondo me questo governo cerca di far vedere le cose negative in positive di questo governo, a partire dal contante e il pos che non farà altro che peggiorare i conti dello stato perchè la gente odia essere controllata e preferisce comprare, non ip piu’ con lo scontrino ma diversamente, e a nulla valgono le storielle della lotteria con scontrini, poi sta cosa di limitare ai poveracci il contante è assurda perchè i ricchi già usano il pos, comunque altro discorso, i Fondi UE come sono gestiti, sono una presa per i fondelli, o meglio partono questi fondi per fare per dire statuine, e tutti si mettono a fare statuine, non è che fanno in modo di creare ina filiera di lavoro specializzato, uno per dire fa le giacche, uno i pantaloni , un altro i capelli, insomma diversificare sino ad avere un prodotto finito quando realizzi progetti in fotocopia che concludi? Comunque è davvero il partito delle tasse perchè nel momento in cui il diesel viene equiparato come prezzo alla benzina e tolti alcuni sgrafi fiscali ai trasportatori, visto che in italia la merce viaggia piu’ o meno per l’80% su ruote, avremo un aumento dei prezzi dell’80% quindi anche se non tocchi l’IVA ci distruggi con i prezzi, poi le altre misure, gli stipendi ma se dai solo circa 40 euro in busta sono agli impiegati ufficiali di stato, e agli autonomi che date? NIENTE eppoi anche se date con quei prezzi alle stelle con 40 euro che ci fai?, ci comprerei solo la carta igienica e la si utilizza e sapete come. Comunque come mai noi siamo avanti con questa specie di sdedatura elettronica di tutti gli italiani dopo la Svezia rispetto a tutti gli altri paesi europei? è strano quando si tratta di cose positive non le applicano subito, quelle negative, SEMPRE ED IMMEDIATAMENTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *