Quando i nazisti |bruciarono i libri - Live Sicilia

Quando i nazisti |bruciarono i libri

Migliaia di libri in cenere, immolati per l'ideologia nazista: in occasione dell'anniversario del rogo dei libri ritenuti pericoli per la propaganda di Hitler, Gustavo Corni ha tenuto una lezione a cielo aperto a Berlino.

10 maggio 2013
di
0 Commenti Condividi

BERLINO – Ottantanni dividono la società europea moderna dall’orrore del nazismo e proprio oggi a Berlino Gustavo Corni, uno degli storici del nazismo più rinomati di sempre, ha tenuto una lezione per commemorare l’incendio di migliaia di libri che avvenne nella capitale tedesca nel 1933 e che assunse i tratti dell’annientamento simbolico dell’uomo.

Il 10 maggio 1933 è ricordato come il giorno in cui avvenne il più grande oltraggio alla cultura, ad opera del nazista Goebbles – responsabile dell’organizzazione della propaganda contro l'”arte degenerata” –  ad Opernplatz, piazza di Berlino in cui venne criminalizzata la libertà di pensiero. Heinrich Heine, Karl Marx, Adorno, Walter Benjamin, Herbert Marcuse, Max Horkheimer, Paul Klee, Wassili Kandinsky, Piet Mondrian, Albert Einstein, Sigmund Freud sono solo alcuni dei nomi di una lunga lista di intellettuali, filosofi, artisti e scienziati del tempo i cui scritti vennero ridotti in cenere in un grande rogo sotto gli occhi di tantisime persone riunite nelle piazze come spettatori di una aberrante violenza psicologica. Da allora questa violenza contro la cultura viene ricordata ogni anno come monito a non ricadere nel buio dell’intelletto.

(A cura di L.R.)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *