Raffadali, orrore e confessione: omicidio, gli attimi terribili - Live Sicilia

Raffadali, orrore e confessione: omicidio, gli attimi terribili

I verbali del papà poliziotto che ha ucciso il figlio e gli ultimi retroscena
IL DELITTO
di
2 Commenti Condividi

RAFFADALI (AG) – “Per favore, consegnate il mio distintivo e la mia pistola al Questore. So di aver commesso un atto di enorme disvalore che non mi perdonerò mai. Ho ucciso mio figlio.” Gaetano Rampello, 57enne assistente capo della Polizia di Stato di Raffadali, ha appena ucciso il figlio ventiquattrenne – Gabriele Rampello – scaricandogli addosso l’intero caricatore della pistola di ordinanza. Poi si è adagiato su una panchina alla fermata dell’autobus, poco distante dal cadavere del giovane, e ha atteso lucidamente l’arrivo dei carabinieri che aveva chiamato. LEGGI ANCHE Gli ultimi attimi di vita di Gabriele

Raffadali, orrore e confessione

Una caccia al killer finita ancora prima di cominciare. In breve tempo una decina di militari dell’Arma lo hanno circondato e fermato. “Adesso vi racconto tutto, ho avuto un corto circuito”. Ed è qui che bisogna riavvolgere il nastro di una giornata di lucida follia e tornare alla serata precedente quando il poliziotto viene svegliato nel cuore della notte da una telefonata del figlio: “Uomo di merda mi devi fare la ricarica, subito. 50 euro”.

L’appuntamento

I due si danno appuntamento per l’indomani quando Rampello, libero dal servizio, prende il bus da Catania e ritorna a Raffadali dove ha appuntamento con il figlio in piazza Progresso. Ed è lì che si incontrano intorno le undici e mezzo del giorno seguente e ne nasce subito un litigio. Il padre porge trenta euro al ragazzo che reagisce male afferrando il portafoglio togliendogli gli ultimi quindici euro custoditi nel borsello. La miccia che fa esplodere la furia omicida del poliziotto. Comincia a sparare senza fermarsi poi rimette con cura l’arma nella fondina e chiama il 112.

Il video

L’intera scena è stata filmata da una telecamera fatta installare proprio in Piazza Progresso dall’amministrazione comunale che proietta live 24 ore su 24 le immagini via web. Dopo il fermo dei carabinieri, ripreso da un cellulare con immagini divenute in breve virali, la confessione in caserma: “Gli davo 600 euro al mese ma non gli bastavano mai, mi picchiava e minacciava sempre per i soldi”.

Rampello è un fiume in piena e racconta al sostituto procuratore Chiara Bisso la difficile evoluzione del rapporto con il figlio spesso violento anche nei confronti della madre. Una vita, quella di Gabriele, caratterizzata secondo la narrazione del padre da eccessi, cattive amicizie, abusi e violenze.

Un profondo malessere, come ha sottolineato il procuratore di Agrigento Lugi Patronaggio, acuiti dal grave isolamento provocato dalla pandemia e non adeguatamente contenuti da un sistema socio-sanitario-assistenziale non sempre pronto ad erogare idonei servizi alla collettività.”


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    D’altronde in Italia sei hai un figlio tossico e completamente fuori di testa non lo puoi neanche obbligare a curarsi contro la sua volontà .. che però è ormai completamente “irragionevole” .
    Siamo il solito piccolo paese … legalizzare la prostituzione offende i cristiani .. e le strade , i siti on line sono pieni di prostitute ; legalizzare la mariuana è contro la salute .. ogni angolo di strada vendono di tutto ; obbligare persone che – a seguito di dipendenze – hanno perso la ragione è contro le libertà individuali .. e poi succede questo . Onore a te sfortunato padre

    ha sbagliato pero uno fa sacrifici per i figli e vedersi trattato cosi no

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *