Raid vandalici nelle scuole palermitane, i dirigenti: "Istituti sotto attacco" - Live Sicilia

Raid vandalici nelle scuole palermitane, i dirigenti: “Istituti sotto attacco”

Arriva la richiesta di una maggiore protezione
PALERMO
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Le scuole di Palermo prese di mira dai vandali e dai ladri. Prima la scuola Pio La Torre in via Nina Siciliana, dove ragazzi sono entrati per tre volte di fila danneggiando e rubando, poi la scuola Giotto, adesso anche la scuola Leonardo da Vinci in via Serradifalco dove di raid ce ne sono stati sei da luglio ad oggi. L’ultimo la scorsa notte quando sono sparite dall’istituto diverse apparecchiature elettroniche a cominciare dai pc e i mixer dell’aula informatica.

“Si deve sapere che in questo mese di agosto le scuole sono sotto attacco – dice la dirigente Giovanna Genco dirigente della Leonardo Da Vinci – Abbiamo paura di poter essere presi di mira ancora. Ormai vandali e ladri conoscono bene la strada. Hanno distrutto porte e finestre e adesso ci hanno privato anche di un’attrezzatura importante per le attività didattiche. Le scuole nel periodo estivo andrebbero tutelate ancora di più, altre scuole della nostra zona sono state prese di mira, non siamo i soli”.

Dopo i primi tre episodi i genitori degli alunni hanno protestato davanti alla scuola per chiedere maggiore sicurezza. Dopo l’ultimo episodio è intervenuta la polizia che ha eseguito i rilievi. “Chiediamo maggiore protezione. Non c’è allarme che tenga – aggiunge la dirigente – l’allarme suo e loro entrano lo stesso indisturbati. Per noi tutto questo è sconfortante”


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Visto che pagate i professori per tre mesi senza lavorare (e quando lavorano fanno 15 ore settimanali) fategli fare i turni di notte a protezione delle scuole .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.