Rapina un'anziana in corso Tukory | In manette un uomo di 59 anni - Live Sicilia

Rapina un’anziana in corso Tukory | In manette un uomo di 59 anni

Antonio Amico

Antonio Amico, 59 anni, pregiudicato, si è reso responsabile di diversi colpi nella zona della stazione centrale. L'ultimo ai danni di una pensionata di 87 anni, minacciata con un coltello e strattonata. Il rapinatore, con grande agilità, era scappato con la sua collana d'oro.

Palermo
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – A cinquantanove anni atletico e veloce come un ragazzino. La vittima, una pensionata di 87 anni, l’aveva decritto così agli agenti del commissariato Oreto-stazione, che si sono messi ben presto sulle sue tracce. Si tratta di Antonio Amico, pregiudicato finito in manette per rapina aggravata: nella zona di corso Tukory ha seguito e bloccato l’anziana che si trovava in compagnia della sua badante, avevano appena effettuato delle commissioni.

Tornando a casa ed entrate nel palazzo in cui la pensionata abita, è avvenuta l’aggressione. Amico avrebbe infatti seguito le due donne per diversi metri, per entrare subito dopo in azione lontano da occhi indiscreti. Ha sorpreso alle spalle la vittima e nemmeno la badante è riuscita ad impedirgli di agire: impugnando un coltello e minacciando le due, ha infatti strattonato l’anziana e le ha strappato la collana d’oro.

Una fuga immediata quella dell’uomo, dopo la quale ha fatto perdere le sue tracce. La vittima, finita a terra e dolorante, ha lanciato l’allarme al 113 ed ha chiesto aiuto. Ha quindi fornito una dettagliata descrizione del rapinatore, fornendo un particolare importante, quello della particolarità agilità dell’uomo, già conosciuto dagli agenti del commissariato. Le indagini hanno permesso di individuare il 59enne, che è così finito in manette con l’accusa di rapina aggravata. Per lui si tratterebbe dell’ennesimo colpo messo a segno nella zona compresa tra la stazione centrale, corso Tukory e via Roma.

Un’area dalla quale, ultimamente, i residenti hanno lanciato l’sos: non si sentono al sicuro. Il timore è dovuto principalmente all’escalation di furti e rapine che vede come vittime, la maggior parte delle volte, anziani e turisti. Proprio come in questo caso. Una situazione che ha reso necessario il potenziamento dei controlli da parte della Questura di Palermo, con volanti e agenti in borghese che sorvegliano la zona fino a tarda notte, con particolare attenzione ai luoghi di principale interesse turistico e alle strutture alberghiere.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    ma dico una cosa, a questa gentaglia non capita mai niente di brutto, cioe’ che so magari mentre scappa un cornicione si stacca e gli cade sulla testa ammazzandolo sul colpo o un’albero si spezza e lo schiaccia morendo sempre sul colpo, almeno si risparmierebbero i costi dell’ambulanza e dell’ospedale no invece no, anche la salute molto buona hanno ,infatti scappava e correva come un ragazzino, MAIALE INDEGNO DI VIVERE

    vabbé ora Pannella fa lo sciopero della fame perché in cella stanno stretti ed esce subito subito!!!!

    Questo maiale, ha rubato tutta la vita. La sua figura atletica è dovuta a una lunga carriera di borseggiatore, rapinatore, predatore, al punto che il suo fisico si è adeguato alle emergenze (la fuga). Questo è il momento di questa categoria, che insieme ai colleghi immigrati godono di privilegi e protezione da parte delle nostre istituzioni. Mi sono chiesto sempre qual’è lo scopo da parte delle autorità di trattare con i guanti bianchi questi criminali? Sicuramente motivi politici, vogliono essere buoni con tutti per non perdere i voti alle prossime elezioni.

    Egregia Signora Questore ed Egregia Signora Prefetto di Palermo cortesemente potreste dire al Sindaco di fare installare un sistema di videosorveglianza di pubblica sicurezza con telecamere nascoste installate nei lampioni dei pali della luce ed installate nei pali dei marciapiedi che sorreggono i cartelloni pubblicitari ed installate nei pali che sorreggono i semafori in tutti i quartieri di Palermo(ossia nelle principali vie di tutti i quartieri di Palermo)per contrastare in modo efficace l’emergenza sociale degli scippi e delle rapine dilaganti?Basterebbe che il Sindaco Orlando facesse una Ordinanza Comunale per fare un dimezzamento del suo stipendio da Sindaco e per quello di tutti gli Assessori Comunali e di tutti i consiglieri Comunali,compresi quelli che sono dalla sua parte,e tanto quelli che sono dalla sua parte sono in maggioranza numerica rispetto a quelli politicamente contro di lui quindi sarebbe una cosa fattibile per trovare i soldi necessari per fare installare un sistema di Video Sorveglianza di Pubblica Sicurezza(tanto non avrebbero problemi economici e riuscirebbero lo stesso a vivere più che dignitosamente anche se si dimezzassero i loro stipendi).La sicurezza urbana è una questione fondamentale per la Democrazia e per tale motivo quando l’emergenza della Sicurezza perdura nel tempo diventa una incuria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.