Regolamenti, ricorsi e ordinanze |La movida "invischiata" nel caos - Live Sicilia

Regolamenti, ricorsi e ordinanze |La movida “invischiata” nel caos

Foto d'archivio

Il consiglio di giustizia amministrativa rimette in discussione le regole della vita notturna in città.

Palermo
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Sì alla musica all’esterno dopo gli orari stabiliti, ma solo se acustica e senza amplificazione, mentre all’interno dei locali si potrà suonare tranquillamente senza preoccuparsi che i suoni si sentano anche per strada. Resta invece il divieto dell’amplificazione esterna, a qualsiasi orario e in qualsiasi circostanza a meno di specifiche deroghe, così come vanno rispettate le norme nazionali sui decibel e le disposizioni regolamentari sugli orari. La movida palermitana si risveglia così dopo l’ordinanza con cui il Cga, ossia il Consiglio di Giustizia amministrativa, ha accolto parzialmente il ricorso di sei locali contro il regolamento votato dal consiglio comunale a novembre del 2015.

Una vicenda che si trascina da mesi e a cui non si riesce, ancora, a mettere un punto fermo. Il Cga ha infatti accolto la sospensiva, dopo che il Tar l’aveva negata, ma soltanto per alcuni commi del regolamento voluto dal sindaco Orlando e chiesto a gran voce anche dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza: per la precisione si tratta dei commi 3 e 5 dell’articolo 6 che vietano (o meglio vietavano, vista la sospensione) la musica (anche acustica) all’esterno dopo la mezzanotte e che dalla strada si sentisse cosa avveniva dentro il locale. Il che significava, per intenderci, chiudere porte e finestre anche d’estate o non poter suonare una chitarra senza le casse. Secondo il Consiglio manca una chiara indicazione dei decibel da non poter superare; il Comune la Polizia municipale dovranno quindi adeguarsi e continuare a eseguire i controlli secondo la nuova versione del regolamento, almeno finché il Tar non si pronuncerà nel merito, probabilmente entro la fine dell’anno.

Sta di fatto, però, che il rischio che si generi il caos fra gli esercenti è elevato e che i vigili dovranno attenersi scrupolosamente alle nuove disposizioni per evitare possibili ricorsi contro le multe. Quest’estate trascorrerà così, pertanto, con tanti punti interrogativi: il Comune potrebbe ricorrere contro la sospensiva del Cga, il Tar dovrà pronunciarsi nel merito entro l’anno e, in base alla sentenza, sarebbe possibile un nuovo ricorso da parte di Palazzo delle Aquile o dei ricorrenti.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    E’ mai possibile che in 4anni di permanza nell’amministrazione comunale non
    sono in grado di scrivere una ordinanza rispettosa delle legge per dare dignita’, a
    coloro che gestiscono attivita’ di intrattenimento notturno e ai giusti diritti di chi
    vuole riposare la notte? Eppure hanno un codazzo di esperti,avvocati,amministrativi.
    loro stessi, i politici che ci rappresentano sono capaci,di qualita’,i migliori che la citta’
    puo’ offrire,leggete i loro curricula,e vi accorgerete della performance, eppure come
    mai con”cotanto senno” ancora non sanno scrivere un regolamento?

    Musica all’interno, avete idea cosa dobbiamo sopportare noi residenti con la musica che si propaga all’interno e le vibrazioni che fanno tremare i mobili di casa compreso i letti naturalmente.
    Chi permette tutto ciò è semplicemente un criminale che vive fuori dal mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *