Riparte l'iter burocratico | della metropolitana leggera - Live Sicilia

Riparte l’iter burocratico | della metropolitana leggera

L'assessore alla Mobilità, Tullio Giuffrè

L’annuncio è stato dato oggi dall’assessore Giuffrè e dal sindaco Orlando. Attraverserebbe tutto l’asse longitudinale della città, da via Oreto fino a Mondello. Si lavora al progetto preliminare del primo stralcio.

palermo, NUOVA GRANDE OPERA
di
34 Commenti Condividi

PALERMO – È ripartito ufficialmente, a vent’anni dalla sua prima trattazione, l’iter burocratico per la costruzione a Palermo della Mal, la metropolitana automatica leggera, che attraverserebbe tutto l’asse longitudinale della città da via Oreto fino a Mondello. L’annuncio è stato dato dall’assessore alla Mobilità, Tullio Giuffrè, e dal sindaco, Leoluca Orlando, durante la conferenza stampa di presentazione del Piano Urbano del Traffico. Nei giorni scorsi sindaco e assessore hanno incontrato a Roma i tecnici del Ministero delle Infrastrutture per capire quali siano le procedure che mancano al completamento dell’iter di approvazione del progetto preliminare, che stabilirà con esattezza costi e caratteristiche dell’opera.

Va chiarito che la Mal è sì una sorta di metropolitana, un po’ come quella che a Palermo esiste già, ma si differenzia da quest’ultima perché dotata di convogli più piccoli e leggeri rispetto ai classici vagoni ferroviari. In più, la Mal è elettrica e automatica, cioè comandata a distanza, e viaggia su gomma anziché su rotaia. Una bella notizia anche per i monumenti del capoluogo poiché l’impatto delle vibrazioni sarà nettamente inferiore. L’infrastruttura è interamente sotterranea ed è divisa in due stralci: una linea che va dall’Oreto alla Stazione Notarbartolo e un’altra che da Notarbartolo arriva a Mondello.

Per il momento la progettazione preliminare riguarda soltanto il primo stralcio, mentre per la seconda linea non c’è ancora alcun progetto. Difficile quantificare i costi in questo momento: se si volesse attualizzare la cifra prevista dalla bozza elaborata nel 2004 dalla giunta Cammarata si parlerebbe di circa due miliardi, presumibilmente a valere sulla prossima programmazione europea. “Il percorso della prima linea – spiega Giuffrè a margine della conferenza stampa – sarà il seguente: partenza da via Oreto, poi Stazione Centrale, piazza Borsa, Teatro Massimo, via Maqueda, via Ruggero Settimo, via Libertà fino a piazza Croci per poi arrivare alla Stazione Notarbartolo. Da lì partirà la seconda linea – continua l’assessore – che proseguirà lungo via Sciuti, via Empedocle Restivo, viale Strasburgo, via Lanza di Scalea fino a piazza Bolivar e poi via dell’Olimpo fino a Mondello”. La durata dei lavori dovrebbe attestarsi intorno ai cinque anni.

 

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

34 Commenti Condividi

Commenti

    Stesse parole dette da cammarata dieci anni fa. Lo dico io che non e cambiato niente orlando=cammarata

    Se si riuscisse davvero a realizzare la metropolitana oltre all’anello ferroviario,il tram e il passante,Palermo finalmente avrebbe una rete dei trasporti degna di questo nome !!

    Che bellezza, dopo il tram, l’anello e il passante ferroviario, arriva la Mal, la metropolitana automatica leggera.
    Ma dove? Sulla luna?
    Qui l’unica cosa che arriverà sarà qualche nuova tassa per circolare in auto (tipo ZTL), mentre il biglietto del bus già sale a € 1,40!

    La madre dei cretini è sempre incinta… E a noi ci pigliano sempre per i fondelli

    se l’attuale sindaco, visto che il progetto originario del tram parte proprio dalla sua prima investitura, avesse tralasciato quella maldestra e fallimentare (vedrete, vedrete) idea per fare posto alla metropolitana, in linea con tutte le città europee, a maggior ragione che lo sviluppo urbanistico di palermo è stato assai selvaggio e quindi senza quei vialoni che caratterizzano tutte le città in cui il tram può tranquillamente circolare, già godremmo i frutti di tale scelta. e penso che moltissime persone avrebbero abbandonato l’auto per usufruire di un più vantaggioso mezzo di trasporto. E invece no, teccà, u’ tram, casino e inutilità a non finire.

    gia’se fosse vero dovrebbe arrivare a STAZIONE PALERMO CENTRALE,non solo a NOTABARTOLO,dovrebbe arrivare alla STAZIONE PALERMO CENTRALE DOVE C’E’PIU’AFFLUSSO, ma l’altro problema che vedo solo chiacchiere

    Salvo, ma leggere gli articoli prima di fare brutte figure con commenti senza senso no, eh?
    La linea passerà anche dalla Stazione Centrale, visto che scendo lungo via Oreto.
    La sport preferito di tanti palermitani. Fare uscire fiato dalla bocca senza avere alcuna idea di ciò di cui stanno parlando.

    Questa città non ne azzecca una il passante bloccato per malaprogettaziine il tram che sulla circonvallazione non ci passerà mai l’anello che manco un ingegnere laureato con 88 lo avrebbe mai progettato….

    Scusa, ma mi sembra che non sai di cosa stai parlando. In primo luogo il tram c’è in tutte le città europee e in molte città italiane(Messina, Milano, Firenze, Roma, Torino, Venezia, Padova, Cagliari, Sassari, Napoli solo per citarne alcune). Un chilometro di linea tranviaria costa si e no 1/10 di un chilometro di metropolitana, il cui costo di realizzazione è giustificabile solo laddove esistono flussi di traffico importanti.

    I 15 chilometri di linee tranviarie costeranno circa 300 milioni di euro. La metropolitana costerà qualcosina come 2 miliardi di euro, per circa 17 chilometri di tracciato(peraltro non tutti sotteranei).

    Informarsi prima di parlare sarebbe più saggio.

    Il passante ferroviario non è bloccato per mal progettazione e il tram sulla circonvallazione ci passerà. Ripeto: informarsi prima di parlare sarebbe più saggio.

    E quindi? Credi che sia un unicum in Italia e in Europa il biglietto ad 1,40 euro?

    In Italia si legge poco e quel poco che si legge viene letto male.

    E l’anello sarà un enorme opportunità per raggiungere il centro.

    Dove c’e’ scritto STAZIONE DI PALERMO CENTRALE???

    Con il passante ferroviario, l’anello e i tram risolverebbe in gran parte i problemi del traffico a Palermo con la possibilità di chiudere alle auto buona parte del centro storico ….ma come al solito leggo le solite critiche di alcuni palermitani che non producono assolutamente niente ( tanto a loro non andrà’ mai bene nulla)

    si è vero il tram c’è in molte città italiane…ma è un residuato degli anni 70. citami una città che non ha mai avuto rete tramviaria che lo crea o lo ha creato negli anni 2000…è una infrastruttura obsoleta che, chi ce l’ha, o la mantiene o la toglie per far posto alle metropolitane. E’ una boiata pazzesca specialmente in una città come palermo che è fatta da assi viari piccoli e stretti e dove non esistono ne parcheggi sopraelevati ne sotterranei…

    Il percorso della prima linea – spiega Giuffrè a margine della conferenza stampa – sarà il seguente: partenza da via Oreto, poi Stazione Centrale, piazza Borsa, Teatro Massimo, via Maqueda, via Ruggero Settimo, via Libertà fino a piazza Croci per poi arrivare alla Stazione Notarbartolo. Da lì partirà la seconda linea – continua l’assessore – che proseguirà lungo via Sciuti, via Empedocle Restivo, viale Strasburgo, via Lanza di Scalea fino a piazza Bolivar e poi via dell’Olimpo fino a Mondello”. La durata dei lavori dovrebbe attestarsi intorno ai cinque anni.

    E vuoi vedere che a fare i lavori sará la stessa impresa del raddoppio ferroviario, del passante e del tram?

    Assolutamente no. Firenze e Messina si sono dotate di una linea tranviaria pochi anni fa. Nel capoluogo Toscano sono in progetto altre due linee tram. Idem Venezia – Mestre, Padova, Cagliari e Sassari. Cosenza ne sta progettando una. Milano e Roma stanno ampliando la loro rete. Smettiamola col dire che il tram è una cosa antiquata, perché è una sciocchezza. E di altri esempi ce ne sono a dozzine fuori dall’Italia, in tutto il continente europeo. La metropolitana ha dei costi importanti, che come ho già detto sono giustificabili solo in determinate situazioni.

    E’ una sciocchezza dire inoltre che Palermo ha assi viari stretti. Basta girare un po’ per L’italia per rendersene conto. Palermo pur essendo cresciuta in modo disordinato, ha assi viari molto ampi.

    Salvo, se non sei in grado di leggere, torna a scuola, invece di insistere con questa magra figura.

    Ho vissuto 10 anni a bologna. Non esiste la metropolitana. Solo autobus. In ogni fermata ci sono gli orari di arrivo e nella stragrande maggioranza delle volte gli autobus sono puntuali o tardano di un paio di minuti. Per chi non la conoscesse è una città con strade larghe ma anche tante strade strettissime. perché funziona? secondo me perché:
    1) gli orari presso le fermate permettono ai cittadini, qualora la cosa si dovesse verificare troppo spesso, di segnalare il mancato passaggio ma anche di organizzare i propri spostamenti. Di conseguenza vengono usati da tutti. Pensate a un lavoratore di Palermo che ha un appuntamento. prenderà mai i mezzi pubblici????
    2) le corsie preferenziali sono tutte (o quasi) monitorate da telecamere automatiche e quindi le multe sono assicurate
    3) i vigili non “girano” e basta. Ogni qualvolta vedono una minima infrazione si fermano (senza fischiare prima per avvertire) e multano
    4) gli autisti degli autobus se vedono un’infrazione sul loro percorso chiamano, con il proprio cellulare, i vigili e questi intervengono immediatamente
    Mi fermo qui ma ci sarebbero tanti altri motivi. Tutti dettati dal buon senso e dal rispetto verso gli altri………

    E’ incredibile come la gente si precipiti a commentare, senza argomentare la critica ma soprattutto senza nemmeno leggere l’articolo!

    Ogni assessore che si riapetti deve dare una manciata di milioni ai progettisti … Di opere che non si faranno mai … Che schifo

    Visto che alle 18.00 mentre scrivo ci sono 12 “non-mi-piace”, sarei curioso di sapere dagli stessi votanti se la divergenza è dovuta al fatto che ritengono orlando non uguale bensì peggio di cammarata…

    ma che cretinata di fermate sono queste? invece di servire le zone dove non esistono ne autobus ne tantomeno il passante ferroviario si costruiscono le fermate a ridosso di quelle del passante ferroviario e del tram. Ma non sarebbe megglio invece che da viale stasburgo (che ha le fermate belgio e francia del passante ferroviario a 100 metri) da notarbartola tagliare fino alla stadio e poi andare a mondello?. Sarebbe troppo intelligente!!!!!!! ma no!!!!!!!!!! tanto quest’opera si fara’ fra 25 anni !! ancora c’e’ tempo per un progetto intelligente!!!!!!!!! comune provincia regione andate a vendere luppini ca ci fati chiu’ fiura!!!!!!

    unnavemu na lira. u vuliti capiri. io ormai non so nemmeno quante multe ho collezionato!! penso siano piu’ di q00. ma se lavoro 2 giorni a settimana e sono nullatenente mi volete dire come le pago? per me possono aspettare che finisca il mondo!! mi ponnu livari sulu u pitittu na stu minutu! magari se vinco alla lotteria le pago!!!!!!!

    Ho un sospetto..ma non è che con ‘sta fantasia della metropolitana leggera ci vogliono bloccare l’iter dell’anello ferroviario? Le interferenze sotto p.zza castelnuovo sarebbero insormontabili…A proposito comunque gli abitanti dei palazzoni di via Amari (camera di commercio etc) sanno che le loro fondamenta saranno inevitabilmente lesionate dagli scavi?

    Aspettavamo Giuffrè per parlare della metropolitana leggera automatica dopo venti anni!! Ma dove é stato negli anni passati, quando l’amministrazione Cammarata presentava il progetto integrato del trasporto pubblico di massa, di cui faceva parte anche la MAL oltre al TRAM ,PASSANTE FERROVIARIO e l’ANELLO FERROVIARIO??? Balle su balle!! Ed i palermitani possono credere che Giuffrè sia il Messia del Trasporto Pubblico a Palermo???

    purtroppo per voi leggo e viaggio, anche tanto. e ai tanti gaudenti per il tram dico che:
    Il tram è oramai un mezzo di trasporto antidiluviano, le grandi città europee, cito a caso Londra (in ordine di apparizione della Metrò) se non Parigi, se non Madrid, e decine di altre città dove l’idea di sfruttare il sottosuolo per una mobilità sostenibile è stata preponderante rispetto alla vetusta idea di un surrogato di treno, costoso, ingombrante, generatore di infiniti problemi e guai.
    E se non bastasse, le esperienze negative di Padova, di Mestre, di Messina (che idea straordinaria !!!!!) in Italia, la dicono lunga sulla reale consistenza del mezzo tram. La stessa roma ha ridotto le esistenti linee tramviarie degli anni 50-60 relegando alle periferie l’utilizzo di tali mezzi.
    Non si capisce poi come , se nelle altre città quali Milano il tram è perfettamente integrato alla pavimentazione stradale peraltro più ostica ( basolatii vari etc….) il tram di palermo è stato sviluppato con una sorta di percorso-bunker, isolato dal resto della pavimentazione con veri e propri manufatti blindati, mancorrenti, e non so perchè non abbiano deciso pure di proteggere il suo cammino con cavalli di frisia e mine anti-uomo. Quasi che il tram avesse dovuto avere originariamente i germi del felice regresso propalati da un orda di ciarlatani no-brain dei nostri giorni. Sui viali, beh, il tizio che mi contesta questa mi a affermazione vada a farsi un giro per le altre città con rotella metrica in mano per valutare ed affermare che le strade di palermo, vere trincee, sono più agevoli che quelle di altre città dove il tram continua a sussistere. Forse in nome di una cara idea si riesce pure a chiudere gli occhi e far finta che la palermo felicissima del 2013 sia una immensa piazza d’armi senza strettoie e restrizioni. Non parliamo poi delle difficoltà a un già congestionatissimo traffico che questi percorsi blindati con queste immense zone di rispetto apporteranno. Già….

    Un discorso senza ne capo ne coda. Peraltro se ti fossi informato bene, sapresti che pure a Parigi c’è il tram ed è in fase di espansione(sono previste 4 nuove linee tranviarie). Secondo me te al massimo hai visto Villabate a Ficarazzi, altro che Parigi e Londra.

    Per intenderci, la multinazionale Bombardier, fornirà e sta fornendo convogli tram alle città di:

    Berlino, Basilea, Brema, Dresda, Dortmund, Essen, Francoforte, Cracovia, Lispsia, Bruxelles, Ginevra, Marsiglia, Milano, Palermo, Porto, Strasburgo, Alicante, Zurigo, Valencia, Dessau, Graz, Ausburg, Innsbruck, Linz, Lodz.

    Solo in Europa. Naturalmente tutte città di coglioni che non hanno seguito i pareri del signor Pineddu.

    Firenze e Cagliari sono ultime realizzazioni in ambito tram.
    E meno male che pineddu ha viaggiato molto 😀

    Giufrè… un nome una garanzia….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *