Sanità, no a nuovi commissari | Razza: "Presto i nuovi manager” - Live Sicilia

Sanità, no a nuovi commissari | Razza: “Presto i nuovi manager”

I giudici amministrativi “chiudono” a uno spoils system in Asp e ospedali. Ma indicano tre strade. Ecco quali sono.

IL PARERE DEL CGA
di
13 Commenti Condividi

PALERMO – Il governo regionale non può sostituire gli attuali commissari nella Sanità siciliana con altri commissari, ma dovrà nominare i nuovi direttori generali di Asp e Ospedali. Lo spiega il Consiglio di giustizia amministrativa con un parere attraverso il quale risponde ai quesiti sollevati dall’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza. Il componente della giunta Musumeci, infatti, aveva chiesto ai giudici amministrativi chiarimenti sulla legittimità delle nomine compiute dal governo Crocetta nella scorsa estate.

Quei commissari, di fatto hanno proseguito, a parte alcuni “spostamenti” da una struttura all’altra, il lavoro svolto nelle vesti di direttore generale. Nel frattempo, infatti, era intervenuta una norma approvata dall’Ars che impediva al governo di scegliere nuovi direttori.

Una situazione così complessa da spingere appunto l’esecutivo regionale a chiedere un parere al Consiglio di giustizia amministrativa. Parere che, di fatto, ha varato una fattispecie “ibrida”: un po’ commissario, un po’ direttore generale. Con una avvertenza: quegli incarichi sarebbero dovuti decadere nel momento in cui lo Stato avesse corretto il decreto che aveva portato a una prima pubblicazione dell’elenco, viziato da dubbi di Costituzionalità. “Tale modifica legislativa – spiegava il Cga nel maggio dell’anno scorso – compete allo Stato. Da tale quadro si desume che un ulteriore limite temporale implicito della nomina dei commissari è legato all’entrata in vigore della nuova disciplina statale. Ove poi non dovesse esservi un adeguamento della legge statale entro il 18 settembre 2017, o comunque tale adeguamento necessitasse di un ulteriore periodo temporale di adeguamento, comunque, secondo una esegesi costituzionalmente orientata, la durata del commissariamento non potrà mai eccedere quella della nomina ordinaria dei direttori generali”.

Nel frattempo, la modifica del governo nazionale è arrivata. E con essa, anche la pubblicazione dell’elenco nazionale degli idonei. Ma non è detto che il governo Musumeci possa o debba pescare da lì per la nomina dei nuovi direttori generali. Il Cga, infatti, nel suo parere indica tre possibili strade al governo regionale: procedere “subito alla nomina dei direttori generali, dunque secondo il regime transitorio, attingendo all’elenco regionale siciliano esistente” (anche se non aggiornato viene considerato ‘valido’); procedere, “ancora secondo il regime transitorio, a detta nomina, previo aggiornamento – ben possibile sinché non sia costituito l’elenco nazionale – dell’elenco regionale; attendere “la costituzione dell’elenco nazionale, ossia il completamento della riforma, e nominare il direttore attingendo dall’elenco nazionale, ciò che, nel frattempo, comporta la sopravvivenza sino a tale momento dell’incarico di commissario”.

E così, intanto i commissari restano al loro posto. Ma il governo regionale adesso potrà indicare i nuovi manager. C’è anche l’elenco nazionale da cui attingere. E in assessorato sono convinti che tutte le procedure possano concludersi in un paio di mesi.

Razza: “Nominiamo i nuovi direttori”

“La pubblicazione dell’elenco nazionale dei direttori generali e il parere reso dal Cga mi consentono di proporre alla Giunta di Governo l’avvio delle procedure per la nomina dei nuovi direttori generali del sistema sanitario regionale”. Lo ha detto l’assessore alla Salute Ruggero Razza, dopo la pubblicazione del parere da lui richiesto al Consiglio di Giustizia amministrativa sul rinnovo dei vertici delle Asp e delle aziende sanitarie. “Per rispetto del Consiglio non sono voluto intervenire fino alla materiale pubblicazione del parere, nonostante fossimo consapevoli della necessità, con la pubblicazione dell’elenco nazionale, di procedere come tutte le Regioni italiane ai bandi di selezione dei manager, come ha fatto la scorsa settimana il Piemonte”, ha aggiunto. “La sostituzione dei commissari – ha osservato Razza – residuale rispetto alla nomina dei direttori generali, è oggi superata dal nuovo contesto normativo legato all’attuazione della riforma Lorenzin e quella dell’avvio delle procedure di nomina non è l’unica conseguenza dell’entrata in vigore dell’elenco nazionale: i nuovi commissari delle Asp di Caltanissetta e di Enna e quello dell’azienda Papardo di Messina, saranno infatti scelti da quell’elenco. Così la Sicilia sarà, assieme al Piemonte, la prima regione in Italia ad applicare le nuove regole”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

13 Commenti Condividi

Commenti

    Ma che hanno paura???!!!! Che fanno???!!!! Mi sembra armiamoci e partite….tutti aspettano le elezioni

    E CAMBIAMOLI STI DIRETTORI??

    Prima debacle del nuovo assessore.

    Hanno portato la sanità siciliana a livelli più bassi di quelli del terzo mondo.
    E stanno ancora lì?
    Mandateli a casa per favore.

    Beh,non credo che possiamo aspettarci una autonomia e decisioni autoritarie, non me ne vogliano, ma dopo l’Ass. Russo, non si e’ visto niente che abbia lasciato un segno di rinnovamento, solo polemiche e tagli.
    Adesso, convinti di un governo di dx ( il governatore viene da AN ex MSI…) troviamo una sudditanza inaspettata nei confronti dei nuovi organismi nazionali e….anche di casa….
    Risultato: contratti bloccati, assunzioni abbandonate, caos visite, amministrazioni deserte….

    Via tutti i nominati dal precedente governo Crocetta.

    Questo Assessore Razza come un Micciche qualunque. Musumeci altra delusione. Siete tutti incapaci di governare la Sicilia . Tutti. Aspettate il 4 marzo per fare nomine ? Ma fate ridere poveri noi

    Utilizzando un albo farlocco? Mah!… cose che solo in Sicilia… I competenti davvero dove sono? Repulisti a regola d’arte!

    leggo commenti per partito preso. l’albo è nazionale ed è stato pubblicato la settimana scorsa. che qualcuno escluso possa pensare ad un ricorso è pure legittimo. in ogni caso la procedura prevede un concorso, non è che domani arriva mago merlino e sistema tutto. Alla fine il percorso lo ha delineato un organismo giudiziario. ci potrebbe essere un’altra soluzione che peraltro una volta si adottò: sorteggiare tra gli iscritti all’albo le posizioni da assegnare, Del resto l’albo costituisce garanzia per la qualità dei manager. Per quanti non dovessero accettare , si mette la clausola di non ulteriore possibilità di partecipazione ad eventuali nuovi incarichi che potrebbero insorgere nel tempo.

    PER FORTUNA dopo l’assessore Russo non si è visto niente che abbia lasciato un segno… il “Risultato” di adesso è l’epilogo di qualcosa che è iniziato proprio con Russo

    Non vi allarmate… nel linguaggio politico in genere, ed in quello siciliano in particolare, “Presto” significa “sicuramente entro la fine del decennio”.

    Quindi “no a nuovi commissari presto i nuovi manager” vuol dire, in pratica “si a vecchi commissari”

    Credo sia giusto dare fiducia all’Ass. Razza che finora, su questa vicenda, ha dimostrato correttezza e rispetto della legalità, chiedendo un parere al CGA, aspettando e rispettando il parere reso dai giudici amministrativi e l’uscita dell’elenco nazionale.
    Bisogna adesso dargli il tempo di avviare e completare le procedure necessarie per selezionare dall’albo nazionale i nuovi D.G. delle Aziende siciliane , come ha detto che farà, nel rispetto dei criteri di correttezza, trasparenza e legalità, considerato che il possesso dei titoli e requisiti in capo ai candidati è stato già accertato a livello nazionale con l’inserimento nell’elenco.

    Bla bla bla….pareri,risposte,approvazioni,elenchi… e’ chiaro che con questa precisazione ,che tutti abbiamo già letto sopra…si dissolve ogni carica politica dal governatore in giù….e ci si chiede ….ma chi governa???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *