Sanità, sbloccati 343 milioni | Ma scoppia la polemica - Live Sicilia

Sanità, sbloccati 343 milioni | Ma scoppia la polemica

Regione e Sanità. Il Cipe sblocca 343 milioni per la copertura del debito della Sicilia. E al Nord protestano. Ma Russo controbatte: "Denigrazione".

LA COPERTURA
di
10 Commenti Condividi

Il Cipe ha sbloccato oltre 343 milioni per la copertura del debito sanitario della Regione Siciliana. Lo annuncia la presidenza del consiglio spiegando che si tratta di una quota delle risorse residue del Fondo coesione e sviluppo.

Zaia: “Una rapina”
“Meno male che li chiamano tecnici: un governo che prende 343 milioni dalle casse delle regioni del Nord e li trasferisce agli sprechi siciliani, al dissesto di un governo regionale dimissionario, allo sconcio di un territorio che invece di essere commissariato viene riempito di regalie, ad una sanità dalla quale molti scappano per farsi curare da noi, non è un governo di tecnici ma di Papà del Carnevale”. Luca Zaia, presidente del Veneto, non è certo tenero con la decisione del Cipe di destinare 343 milioni per coprire i debiti della sanità siciliana. “Ricordiamo a tutti, qualora ce ne fosse bisogno, che le regioni del Nord mantengono il resto del Paese. E’ un primato – fa presente Zaia – che molti in Italia considerano con supponenza, quasi che governare bene, offrire servizi da dignitosi a ottimi, e senza creare voragini finanziarie sia da considerare non la normalità ma un’anomalia. Noi ci accontentiamo di pretendere che il frutto del nostro lavoro non venga dissipato, spesso inutilmente. Ricordo piuttosto che alla migliore sanità d’Italia, tra le migliori d’Europa e del mondo e che non ha debito alcuno, verranno scippati 900 milioni in tre anni. Non chiediamo che il Governo ci premi – conclude il presidente del Veneto – ma che non sia il mandante e l’esecutore di una rapina”.

Russo: “Monti dica la verità”
“Faccio appello alla serietà del Presidente del Consiglio Mario Monti affinché dica una definitiva parola di verità sui conti della sanità siciliana che in appena quattro anni è riuscita nell’impresa di azzerare il mostruoso deficit che questo Governo aveva ereditato e chiarisca, a chi forse non vuole comprenderlo, che i soldi stanziati dal Cipe spettano di diritto alla Sicilia. Il presidente metta fine, con i dati dei ministeri dell’Economia e della Salute, a questa scandalosa e vergognosa campagna di denigrazione che i siciliani non tollerano piu'”. Lo ha detto l’assessore per la Salute della Regione siciliana, Massimo Russo. “I signori governatori del nord – ha aggiunto Russo – tacciano e piuttosto che attaccare la Sicilia con dichiarazioni irresponsabili e razziste, si occupino dei loro scandali”.

 

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    che schifo! stefano cirillo come presidente del ex-san raffaele di cefalù prende 120.000 euro l’anno. Ma vi sembra normale! e poi non sappiamo come fare… mandatelo a zappare… come sempre lo ha messo lombardo li!

    Non capisco. Sono quattro anni che Massimo Russo ci racconta di avere annullat il deficit della sanita’ siciliana. E allora? Ci ha raccontato sempre delle grosse balle? La sanita’ siciliana e’ stata distrutta da Russo e Lombardo e ora scopriamo che il buco e’ rimasto. E Russo si presentera’ candidato presidente della regione …. Al peggio (Lombardo) non c’e fine ( Russo). Forza Grillo !!!

    Bravo Lombardo ah ah ah ahahahahhaaahahahhahahahahahahha

    Zaia piuttosto che pontificare in malafede sul Popolo Siciliano pensi agli scandali dei ladrocini che travolgono la Lega ed il suo mentore Bossi e non faccia finta che le risorse che spettano alla Sicilia come risorse dovute dallo Stato siano sottratte chissà a chi..
    Piuttosto le regalie che Formigoni e Lega si concedono derivano da quelle casse dello Stato che avrebbe dovuto puntualmente trasferirle ad amministratori virtuosi come Massimo Russo che a sua volta li avrebbe impegnate per far funzionare il sistema.
    Se la Sicilia avesse la fortuna di avere Massimo Russo Presidente per la Sicilia sarebbe la Rinascita.

    Per una sola volta devo plaudire Russo. Bravo !

    Un po’ di chiarezza su questi conti della sanità siciliana non guasterebbe: ma chi può farla? Certamente non il benefciario che cercherà in ogni modo di giustificare la richiesta di stanziamenti aggiuntivi. L’unico soggetto credibile è quello che eroga lo stanziamento e lo fa, suppongo, in base a dei criteri trasparenti. Dunque il CIPE dirami una nota chiarificatrice che serva a tutti noi per comprendere i termini della questione.

    che lombardo sia il presidente più immobile che abbiamo mai avuto non ci sono dubbi, ma non è strano che Monti abbia sbloccato quei fondi che chiediamo da anni (che stranamente Berlusconi & Miccichè non riuscivano a fare) e non credo proprio qualcuno possa accusarlo di fare regalie, qualcuno potrebbe ancora spiegarmi come mai durante le elezioni in lombardia-piemonte-veneto vi siano arrivati miliardi e non milioni di €uro da suddividere a diverse società sanitarie private ed ancora come mai la regione LOMBARDIA si sia accollata l’aumento dei contratti dei dipendenti delle stesse? Caro Giacomo potresti trasferire sempre da quelle parti anzi se fai richiesta credo che il grillo ti ospiti nella sua casetta o invitarti per un fine settimana a fare un falò in qualche spiaggietta

    Un plauso a Russo,risposta esemplare basata sui fatti

    Leggo che molti lettori cadono nella trappola mediatica dell’assessore Russo, il quale da quattro anni si incensa per la “riduzione del deficit”. Il cosidetto “deficit” è la differenza tra quanto speso e quanto assegnato in bilancio, cioè un dato “relativo” e non “assoluto. Se Russo è riuscito a farsi assegnare più soldi da Lombardo, ecco che spunta la riduzione del deficit. Russo sino ad oggi si è ben guardato dal fornire i dati “assoluti” cioè i bilanci della sanità degli ultimi cinque anni. Se lo farà, allora potremo giudicare il suo operato ( a parte la sanità affondata) dal punto di vista economico finaziario. Se non lo farà, che si rititri in convento.

    Russo è il migliore amministratore che abbiamo avuto in Sicilia negli ultimi 50 anni. Il resto è solo propaganda nordista ignorante!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.