Tonnara di Scopello, vincono i proprietari: no al libero accesso

Tonnara di Scopello, vincono i proprietari: no al libero accesso

Il Cga boccia le ordinanza del Comune di Castellammare del Golfo
LA SENTENZA
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – No al libero accesso alla tonnara di Scopello. Il Consiglio di giustizia amministrativa conferma l’illegittimità delle ordinanze del Comune di Castellammare del Golfo.

Con la sentenza emessa ieri si conclude l’annosa vicenda che vede contrapporsi da anni l’amministrazione comunale e i proprietari della tonnara. Un gioiello che toglie il fiato, in provincia di Trapani.

Il Comune, con un’ordinanza del 2015, ritenuta illegittima in primo grado dal Tribunale amministrativo regionale della Sicilia e adesso in appello dal Consiglio di giustizia amministrativa, aveva disposto che “l’accesso al demanio marittimo ed al mare nella baia antistante i faraglioni di Scopello è libero e gratuito”.

I giudici amministrativi di secondo grado hanno accolto le tesi dei proprietari, Rosa Maria Ruggieri e Leonardo Foderà, patrocinati dagli avvocati Michele Cimino, Salvatore e Luigi Raimondi.

Oltre a rappresentare che la strada che il Comune pretendeva di aprire al pubblico è interamente di proprietà della tonnara, i proprietari hanno dimostrato che la stessa è sottoposta a vincolo con decreti dell’assessore regionale dei Beni culturali ed ambientali del 1984 e del 2020.

Il Consiglio, prima di decidere, ha chiesto una verifica all’ufficio del Genio civile di Catania che ha confermato la tesi dei proprietari. No al libero accesso, ma a numero chiuso e a pagamento.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    La proprietà privata è sacra. Certi Comuni capitanati da Sindaci dilettanti allo sbaraglio pensano d essere i padroni del mondo a cui sono preposti.

    Indubbiamente la proprietà privata e sacra ma il mare è di tutti ma apparte questo ci sono andato quando quasi nessuno conosceva il posto poi per mia scelta personale da quando fanno pagare il biglietto e tutto il resto ho deciso che ne potevo fare a meno.

    Anche io vado alla tonnara da più di 30 anni e devo dire che è rimasto un posto meraviglioso proprio perché si paga. Certo ora per una famiglia tra costo di parcheggio ed entrata è impegnativo, però non deve essere intesa come una giornata in spiaggia, ma come un ingresso ad un museo.
    Per la spiaggia c’è tutto il resto della Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *