Sea Watch3, gip archivia l'inchiesta su Carola Rackete - Live Sicilia

Sea Watch3, gip archivia l’inchiesta su Carola Rackete

La comandante della nave venne arrestata nel 2019.
AGRIGENTO
di
10 Commenti Condividi

AGRIGENTO – Il gip di Agrigento, Alessandra Vella, ha archiviato l’inchiesta a carico di Carola Rackete, la comandante della nave Sea Watch3 che, nel luglio del 2019, venne arrestata per resistenza o violenza contro una nave da guerra. La Procura di Agrigento aveva chiesto non processare la comandante tedesca e il gip, che già non aveva convalidato l’arresto, ha chiuso il caso. (ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    peccato doveva essere condannata. se un italiano si permette di fare una cosa simile alle forze dell’ordine viene subito arrestato come giusto che sia. lei raccomandatissima viene assolta.

    bisogna rifare tutta la magistratura eliminando i magistrati di sinistra

    la magistratura si Vergogni

    Lo stato di necessità delle Ong, poiché quello di Carola Rackete non era altro che la necessità di piegare la volontà di uno Stato alla volontà di un’organizzazione che direttamente o indirettamente sembra molto contribuire al commercio di carne umana, dunque, in forza di un’interpretazione ideologica della legge, diventa prioritario nei confronti delle esigenze di uno Stato democraticamente eletto e governato. Adesso, forse viene più facile capire del perché ad Agrigento e provincia i centri di accoglienza crescono come funghi, anche se in quei centri, a leggere la cronaca nera, un giorno sì e l’altro pure, le ribellioni, le fughe e gli atteggiamenti malavitosi sono diventati la norma. Da adesso in poi, Agrigento, oltre a essere in tutto il mondo conosciuta per la sua Valle dei Templi e la sua potente mafia, potrà cominciare a sperare di farsi un nome anche per le sue creative sentenze. Palamara docet.

    Se chiunque con patente nautica, ripetesse la stessa manovra di accostamento alla banchina fatta dalla “capitana” , rischiando di schiacciare una imbarcazione più piccola, verrebbe “spatentato” ! Non aggiungo altro per pudore! Guardate il filmato della manovra fatta!

    Bella gente nel palazzo di Giostizia di Agrigento.

    FONTE ADNKRONOS:
    “Carola Rackete, era accusata di resistenza a pubblico ufficiale e violenza a nave da guerra, un reato previsto dall’articolo 1.100 del Codice di Navigazione”.
    UN REATO CHE ESISTE, CHE E’ CHIARO E CHE NON LASCIA SPAZIO DI MANOVRA AD INTERPRETAZIONI ARBITRARIE DI NESSUNO, COMPRESO I MAGISTRATI.
    ALCUNI MAGISTRATI STENTANO A CAPIRE, CHE SONO DEI VINCITORI DI CONCORSO, QUINDI DIPENDENTI PUBBLICI, CHE AMMINISTRANO LA GIUSTIZIA.
    TRADOTTO SONO DEGLI ESECUTORI DI VOLONTA’ ALTRUI, IN QUESTO CASO GOVERNO E PARLAMENTO, PILASTRI DI UNO STATO DEMOCRATICO.
    QUESTO CASO ANDREBBE DISCUSSO IN MODO APPROPRIATO, PRIMA ANCORA AL CSM, IN PARLAMENTO, E DEDICARCI IL TEMPO NECESSARIO, TANTO E QUANTO VIENE DEDICATO AL DISEGNO DI LEGGE ZAN.
    QUALORA, GOVERNO E PARLAMENTO RISCONTRASSERO DEGLI ABUSI, DI ADOTTARE I RELATIVI PROVVEDIMENTI.
    UNA GIUSTIZIA CHE OPERA IN QUESTO MODO E’ UN PROBLEMA SERIO. PRIMA LO SI AFFRONTA, MEGLIO E’ PER TUTTI.

    La riforma della giustizia è proprio la vera emergenza nazionale. Così non si può continuare. Il popolo è messo in confusione.

    Vergognaaaa dei magistrati di sx!
    Un ministro alla gogna e questa assolta!
    Da oggi questa sentenza ci dice che possiamo forzare i posti di blocco e mettere in repentaglio la vita dei militari
    Vergigna

    Vergognaaaa dei magistrati di sx!
    Un ministro alla gogna e questa assolta!
    Da oggi questa sentenza ci dice che possiamo forzare i posti di blocco e mettere in repentaglio la vita dei militari
    Vergognaaaa….. Dove sei Presidente della Repubblica????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *