Sfondano la vetrina del negozio| Presi col maxi bottino: tre arresti - Live Sicilia

Sfondano la vetrina del negozio| Presi col maxi bottino: tre arresti

In manette pure un minorenne. Il colpo da 25 mila euro ai danni di una rivendita di cellulari.

PALERMO
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Con due grosse leve di ferro hanno scardinato gli infissi del negozio, poi hanno sfondato la vetrata, riducendole in frantumi. Quello della banda “spacca-vetrine” è stato un maxi colpo ai danni di una rivendita di cellulari, da cui i malviventi sono riusciti a scappare con refurtiva per 25 mila euro. La fuga è però durata poco: i carabinieri del nucleo Radiomobile sono infatti arrivati in via Marchese di Roccaforte subito dopo l’allarme e sono riusciti ad incastrare la banda.

Hanno individuato un 29enne, Antonio Rizzo, che era giunto sul posto con dei complici che a bordo di due auto avevano caricato la merce rubata. Anche altri due giovani sono così stati immediatamente rintracciati. Si tratta di Girolamo Filippone, 18 anni e di un 17enne.

All’interno di una delle macchine è stata successivamente trovata la refurtiva: ventiquattro telefoni cellulari che sono stati restituiti al titolare del negozio. Nelle auto, anche gli arnesi utilizzati per sfondare la vetrina, che sono stati sequestrati. L’arresto dei due maggiorenni è stato convalidato. Nel dettaglio, per Filippone è stato disposto l’obbligo di dimora, per Rizzo si aggiunge l’obbligo di firma. Il 17enne è invece stato trasferito al Malaspina ed è in attesa della convalida.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Cosa dice il “sindaco”?
    Ah, sì: “palermo, la città più sicura d’Italia”.
    Eccome no.
    Sicurissima.
    Avrebbe detto il grande Totò: “orlando, ma mi faccia il piacere”.

    Mi raccomando metteteli subito in libertà vanificando il lavoro dei CC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *