D'Agostino: "Con Forza Italia un percorso chiaro e trasparente" - Live Sicilia

D’Agostino: “Con Forza Italia un percorso chiaro e trasparente”

Il punto sull'intesa e sulle prossime mosse in vista del voto.
L'INTERVISTA
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Un percorso comune in vista dei prossimi appuntamenti elettorali. Nicola D’Agostino, capogruppo di Italia Viva- Sicilia Futura all’Ars spiega così il senso dell’operazione Nazareno 3.0 andata in porto a Sala D’Ercole la scorsa settimana. E sul modello di gioco vincente da applicare in vista delle amministrative di Palermo traccia un identikit: una coalizione ampia guidata da un candidato di ispirazione centrista. D’Agostino non si sbilancia invece sulla corsa alla guida della Regione e aspetta le evoluzioni del quadro nazionale che potrebbero riservare non poche sorprese.

Onorevole, rompiamo il ghiaccio. Qual è il senso dell’operazione dei gruppi “fratelli” di Forza Italia e Sicilia Futura all’Ars? 

 Lo abbiamo chiarito nel comunicato stampa congiunto con il collega Calderone di Forza Italia. I due gruppi parlamentari iniziano una collaborazione su temi e obiettivi condivisi. Siamo d’accordo pure affinché si avvii un processo di integrazione che ci veda condividere future azioni politiche, soprattutto le amministrative e le regionali del prossimo anno. Compreso il fatto che ci si ritrovi candidati nella stessa lista.

Come risponde a chi dice che è solo un modo per rendere indolore per i renziani il vostro passaggio in Forza Italia?

Non ne capisco il senso. È un percorso politico chiaro e trasparente. A qualcuno non piace e prova a mettere zizzania. Nulla di nuovo

Restate all’opposizione di Musumeci?

Lo abbiamo già chiarito nel comunicato. Rimaniamo all’opposizione e continuerà ad essere costruttiva e responsabile, come lo è da quattro anni.

Andrete al vertice del centrodestra previsto per lunedì?

Nello spirito dell’accordo sottoscritto, sarà Micciché a rappresentare una linea comune

Secondo lei qual è lo schema di gioco vincente per le amministrative palermitane?

 Una coalizione forte ed autorevole che si riconosca in un candidato sindaco moderato e di estrazione centrista che aiuti Palermo a rialzarsi e a trovare la strada per il riscatto e la modernità. Serve ampia convergenza su una figura carismatica, in quel caso ci saremo e non ne faremo una questione di blocchi contrapposti 

E per le regionali?

Per le regionali mi pare ancora troppo presto. Ma se l’idea su Palermo funziona e nel frattempo a Roma si definisce lo schema politico per il futuro con Draghi ricandidato presidente del consiglio, avremmo un quadro in cui tutto è ipotizzabile


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    In quanti partiti in quante coalizioni ha militato il Sig. D’Agostino?Dal sito dell’Ars leggo:Mpa, Misto più volte, Sicilia Democratica Partito dei Democratici Arcipelago Sicilia Partito dei Siciliani Sicilia Futura, PDR Sicilia Futura PSI. Credo che aggiungere ulteriori commenti sarebbe superfluo. Evidentementemente Miccichè ha scelto con cura con chi allearsi.

    BRAVISSIMO, COMPLIMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *