Siciliani farmaco-dipendenti | L'Isola in testa ai consumi - Live Sicilia

Siciliani farmaco-dipendenti | L’Isola in testa ai consumi

Per quanto concerne il consumo di farmaci a livello regionale, in regime di assistenza convenzionata, la Sicilia ha il valore più alto con 1.110 dosi giornaliere ogni mille abitanti.

Dati Osmed
di
6 Commenti Condividi

ROMA – E’ la Sicilia la Regione che registra il maggior consumo di farmaci nel 2012, mentre la Provincia autonoma di Bolzano e la Liguria si collocano tra le regioni con i minori consumi. Il dato è contenuto nel Rapporto realizzato dall’Osservatorio sull’impiego dei medicinali (OsMed) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa). Per quanto concerne il consumo di farmaci a livello regionale in regime di assistenza convenzionata, il valore più alto, con 1.110 dosi giornaliere ogni 1000 abitanti, si riscontra dunque in Sicilia. Seguono il Lazio (1.097,3 dosi), la Sardegna (1.082,5) e la Puglia (1.081,9). Al contrario, il valore di consumi più basso è registrato dalla Provincia autonoma di Bolzano (743,1 dosi giornaliere ogni mille abitanti), seguita dalla Provincia autonoma di Trento (864,9), dalla Liguria (881,9) e dalla Valle d’Aosta (896,1).

Il maggiore incremento del consumo di farmaci si riscontra in Sardegna e in Lombardia (+2%). Dall’altro lato, le maggiori riduzioni nei consumi si sono verificate in Liguria (-2,5%) e in Basilicata (-2,2%). Un ‘capitolo’ a parte riguarda gli antibiotici. Il Rapporto segnala infatti come per questa categoria di farmaci il consumo è stato caratterizzato da un gradiente Nord-Sud. La Campania (31 dosi giornaliere per 1.000 abitanti), seguita dalla Puglia (27,8) e dalla Calabria (26,6) continuano ad essere le Regioni con il maggior consumo di antibiotici, mentre l’utilizzo meno elevato è stato registrato nella P.A. di Bolzano (12,6 dosi giornaliere per 1.000 abitanti), in Liguria (14,3) e in Friuli Venezia Giulia (14,6). Quanto alle categorie terapeutiche più prescritte, i farmaci cardiovascolari rimangono al primo posto in termini di consumo (516 dosi giornaliere per mille abitanti) e di spesa farmaceutica totale sia pubblica che privata (4.350 milioni di euro). Al secondo posto per consumo (e per spesa) si collocano i farmaci dell’apparato gastrointestinale e metabolismo, seguiti dai farmaci del sangue e organi emopoietici, dai farmaci per il sistema nervoso centrale e quelli dell’apparato respiratorio. I farmaci antineoplastici e immunomodulatori rappresentano la terza categoria terapeutica in termini di spesa farmaceutica complessiva (3.323 milioni di euro).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    I numeri, se raccolti con criterio scientifico, non mentono mai. Bisogna solo saperli leggere…
    E poi ci chiedono di pagare nuove tasse, quando i fronti di inefficienza della spesa sono così palesi.
    Guarda caso, tutte le sperimentazioni di monitoraggio della spesa farmaceutica (a livello nazionale, non solo locale) sono rimaste tali: sperimentazioni.
    Forse perché i risultati non sono piaciuti a produttori, politici, medici e farmacisti…

    Suggeriamo all’assesore alla salute, al fine di lasciare ad altri questo triste primato, di prendersi come consulente il prof. Achille Caputo.

    sicilia lazio sardegna puglia… ma chi lo avrebbe mai detto??

    I siciliani, un popolo malato e bisognoso di cure. E poi dicono che la vita al sud è più salutare rispetto al freddo e inquinato nord. A parte gli scherzi, sono solidale con tutti i medici curanti. Anche loro devono mangiare e quindi devono sfornare malati e ricette a raffica, pena la diminuita considerazione delle case farmaceutiche. Ne consegue che non hanno nessun interesse a curare la gente.

    no… questo primato, come tutti i primati negativi dell’italia, spetta alla sicilia….

    inquinato nord?? scava nei campi agricoli siciliani… sotto mezzo metro trovi uno strato di amianto e scorie radioattive da paura!!!
    non se ne parla per pena…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *