"Sotto choc, è stato un incubo | Sono entrati con le chiavi" - Live Sicilia

“Sotto choc, è stato un incubo | Sono entrati con le chiavi”

Parla la donna rapinata in casa con il nipote. I banditi sono entrati con le chiavi: "E' stato un incubo, siamo sotto choc".

Parla la donna rapinata in casa
di
4 Commenti Condividi

“Sto male. Sto male. Mio nipote è sotto choc, stamattina non è voluto venire a casa mia”. Parla la nonna di 70 anni che mercoledì pomeriggio si è vista piombare in casa quattro rapinatori. Assieme a lei c’era il ragazzino di dieci anni: “Gli ho gridato ‘per favore, per favore non fateci del male’ e ho abbracciato forte forte mio nipote. È stata la mia forza, la mia vita, il mio sostegno. Gli ho messo la mano sul petto, il cuore gli andava a mille. Era spaventato, non parlava. E mi guardava negli occhi. Senza di lui mi sarebbe venuto l’infarto. Io soffro di aritmia”.

Per fortuna i quattro rapinatori non hanno fatto del male a nonna e nipote: “Mi dicevano di stare tranquilla che sapevano chi eravamo e non ci avrebbero fatto niente”. L’incubo è durato mezz’ora: “Ci hanno fatto mettere in un angolo, hanno controllato tutti i cassetti e prima di andare via ci hanno chiuso nello stanzino”.
Non è la prima volta che la famiglia del titolare della panineria subisce una rapina: “Una volta chi hanno fermato in ascensore, altre tre volte sono entrati in casa. Ma stavolta lo hanno fatto mentre c’eravamo noi. Così non si può più andare avanti”.

L’irruzione è stata silenziosa. I rapinatori avevano le chiavi. Anche su questo la donna è convinta di avere una spiegazione: “Siamo convinti che hanno preso le chiavi in negozio. Le hanno prese, sono venuti e poi le hanno riposate. Mio marito le ordina in un certo modo. Ha i segnali per riconoscere le chiavi e invece erano tutte mischiate. Qualcuno le ha prese dal negozio.”


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Tranquilli, quando li prenderanno (forseeeee) dopo una settimana saranno di nuovo fuori a fare il loro bravo mestiere. MA SE PER CASO SI REAGISCE E GLI FAI UN Pò DI MALE LA GIUSTIZZZZZIA ITALIANA, A TE PERSONA PER BENE, TI SBATTE IN CARCERE E BUTTA LE CHIAVI.
    Mi piacerebbe essere contraddetto da qualche GIUDICE.
    Grazie

    …è davvero così,ma quale giudice può contraddirti……la giustizzzia funziona solo x punire la gente x bene…..!!!!

    allora ragazzi questi bastardi nn li prenderanno mai perke a me è successo la stessa cosa solo ke nn c ero in casa, ho fatto la denuncia ai carabinieri intanto erano quasi seccati ke stavo facendo la denuncia…….. poi gli dicevo ki poteva essere stato gli dai io gli indizi e loro lo sapete ke mi hanno risp?salvatore è inutile ke fai la denuncia tanto la refurtiva nn e i ladri è difficile ke li troviamo e io ho pensato ke cavolo faccio la denuncia se gia ci si deve occupere di trovare i ladri mi dice cosi?per i carabinieri o meglio per certi carabinieri specialmente ke fanno servizio nei paesini sn noie queste cose. quindi il pesce fa puzza dalla testa…………

    li prenderanno hanno fatto un errore le chiavi , sapevano dove andare la cerchia si restringe i nostri investigatori sono abili saranno assicurati , alla giustizia ,purtroppo mamma giustizia è larga di maniche , e presto saranno fuori , anche in presenza d gravi reati c’è il sequestro di persona rifletta , chi deve !!!!! .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.