Stesso lotto di vaccino: verifiche su un secondo decesso - Live Sicilia

Stesso lotto di vaccino: verifiche su un secondo decesso

Si tratta del poliziotto Davide Villa, 50 anni. Ecco i particolari.
CORONAVIRUS
di
0 Commenti Condividi

CATANIA – Vaccini, c’è un secondo decesso, insieme a quello del militare Stefano Paternò di 43 anni, che la magistratura sta esaminando con attenzione. È quello del poliziotto Davide Villa, 50 anni, ucciso da una grave trombosi sorta alcuni giorni dopo il vaccino Astrazeneca, poi sfociata, con la somministrazione di eparina e alcuni giorni di ricovero, in emorragia cerebrale. Un destino terribile, quello dei due uomini in divisa, stesso vaccino, stesso lotto, come ha verificato LiveSicilia confrontando i codici di somministrazione e stessa sorte: il decesso. Ovviamente al momento non è possibile affermare che ci sia una correlazione tra i due casi o tra la somministrazione del siero e le morti. Sul decesso di Paternò indaga la procura di Siracusa.

Dodici giorni di dubbi

In totale, dall’inoculazione del vaccino al decesso di Davide Villa, sono trascorsi 12 giorni, non pochi. Ma il poliziotto ha iniziato a stare male dal giorno successivo al vaccino, erano i sintomi della trombosi.

La sofferenza

Un malessere strano, comunicato più volte al fratello Fabrizio, fotografo di rilievo internazionale.

Le condizioni del poliziotto, in servizio all’Anticrimine, uno dei reparti di eccellenza di Catania, sono peggiorate giorno dopo giorno, fino a quando si è fatto visitare dal medico di famiglia che lo ha invitato, d’urgenza, ad andare in pronto soccorso. Ad accompagnarlo è stato proprio il fratello Fabrizio.

La cura

Davide Villa sta molto male, ha una “trombosi venosa profonda”, che sfocerà, dopo alcuni giorni di cura con eparina, in emorragia cerebrale. Villa è morto 12 giorni dopo il vaccino, ma gli inquirenti e i vertici dell’Asp, stanno verificando quando abbia iniziato ad accusare i primi sintomi della trombosi, perché il campanello d’allarme sarebbe proprio questo. E la trombosi è una delle possibili reazioni avverse.

La verifica: identico lotto di vaccino

LiveSicilia ha confrontato il codice del lotto di vaccino somministrato a Stefano e Davide, è lo stesso. Nessuna certezza, è bene sottolineare, che esista una correlazione tra i decessi e il vaccino Astrazeneca e spetta solo agli inquirenti stabilire ogni cosa. Davide Villa è stato sottoposto all’autopsia, sono in corso anche indagini genetiche per valutare possibili patologie pregresse, ma resta un vuoto incolmabile in tutta Catania.

LEGGI ANCHE:

I dati (bassi) degli eventi avversi dopo i vaccini

Trapani, il maresciallo morto: non c’entra il vaccino

Vaccini, non è il momento del panico


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.