Strappo dei moderati: pronto La Via | E c’è chi pensa a Nino Caleca - Live Sicilia

Strappo dei moderati: pronto La Via | E c’è chi pensa a Nino Caleca

Castiglione (Ap) annuncia: “A giorni il nostro candidato”. In pole l’eurodeputato catanese.

Verso le regionali
di
46 Commenti Condividi

PALERMO – Lo strappo arriva dai “moderati”. “Tra pochi giorni presenteremo il nostro candidato” ha annunciato il sottosegretario di Alternativa popolare Giuseppe Castiglione. E tutte le strade portano a Giovanni La Via. Già nel weekend, più probabilmente i primi giorni della prossima settimana, potrebbe arrivare l’ufficialità.

A dire il vero, lo stesso Castiglione precisa che i nomi in ballo tra i centristi sono ancora diversi. Tra questi, quello di Gianpiero D’Alia, maggiormente gradito al Partito democratico e quello di Dore Misuraca. Ma da Ap arrivano ulteriori conferme sul nome di La Via. “Si tratta – dice ad esempio il deputato regionale Piero Alongi – di un candidato stimato sia dal centrodestra che dal centrosinistra”. E l’apprezzamento per l’eurodeputato arriva anche da altri fronti, come nel caso del siracusano Vincenzo Vinciullo: “Ma prima dobbiamo concordare i programmi, i nomi verranno in seguito. Certamente, quella di La Via è una candidatura autorevole: ha lavorato bene da assessore e da europarlamentare ed è certamente un politico capace”. Insomma, tutte le strade portano lì. E il nome di La Via, forse non a caso, è stato citato dai moderati dell’altra parte del campo: il leader di Cantiere popolare Saverio Romano ha fatto riferimento al politico catanese come uno dei quattro nomi credibili su cui anche il centrodestra può lavorare, insieme a quelli di Armao, Musumeci e Lagalla.

Se davvero fumata bianca ci sarà, la candidatura di La Via verrà “offerta” alle altre forze politiche. “A chi ci sta”, insomma, fanno sapere tra gli alfaniani. Anche se il dialogo, oggi, appare possibile solo con la coalizione del centrosinistra. Le chiusure di Meloni e Salvini a un riavvicinamento tra Alfano e Berlusconi, infatti, hanno spinto il Ministro degli Esteri a riallacciare i contatti col Pd. Contatti auspicati dai Dem, che lavorano da tempo, tramite lo sforzo del segretario regionale Fausto Raciti, al “mantenimento” dello schema politico attualmente a sostegno del governo Crocetta, con l’aggiunta dell’esperienza di Orlando, anche a costo di “offrire” agli alleati la possibilità di indicare il candidato presidente. Alleati che potrebbero però iniziare ad abbandonare il progetto, viste  le chiusure dei bersaniani di Articolo 1 e di Sinistra Italiana, che hanno detto “no” a una coalizione con Alfano, dopo l’incontro proprio col sindaco di Palermo che dal canto suo ha riproposto la candidatura di Fabrizio Micari. Anche questa, a dire il vero, è gradita ad ambienti centristi, ma non scalda il cuore del Partito democratico e degli alleati di Sicilia Futura.

E così, il nome di La Via potrebbe finire per mettere d’accordo Pd e moderati. Con prospettive anche imprevedibili. Quanto ampia potrebbe essere la capacità “inclusiva” del candidato centrista? Questo è il punto. Che è stato affrontato, nei giorni scorsi, quando tra i colloqui dei leader dei partiti è saltata fuori una proposta “estrema”: quella di un candidato che potrebbe mettere insieme le forze politiche che si rifanno al Partito popolare europeo e quelle progressiste. Per intenderci, la grande coalizione che andrebbe da Forza Italia al Pd, passando per i centristi. Un influente dirigente di uno dei partiti moderati avrebbe anche avanzato un nome: è quello di Nino Caleca, avvocato oggi componente della Commissione paritetica per i rapporti tra Stato e Regione, già assessore del governo Crocetta dal quale è andato via polemicamente, e assai gradito anche a Sicilia Futura e all’area del Pd che fa capo a Davide Faraone e al ministro Luca Lotti, vicinissimo al segretario nazionale Matteo Renzi. Ma al momento quella di Caleca, che assicura di non aver ricevuto alcuna “chiamata”, pare poco più di una suggestione. I tempi infatti non rendono semplice l’operazione: l’ipotesi che il Pd e Forza Italia possano convergere in un governo di larghe intese a Roma dopo le elezioni politiche, infatti, è ancora tutta da vedere. Così, prima bisogna pensare alla Sicilia. Il tempo però stringe e le coalizioni sono ancora in alto mare. Lo “strappo moderato” potrebbe costringere tutti a far presto.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

46 Commenti Condividi

Commenti

    Mi convinco sempre di piu’ che Lagalla ha il giusto profilo per un governo di larghe intese. La Via bravo ma = Alfano. Dalia = Casini e ci sono gia’ bastati gli anni della valorizzazione. Caleca persona per bene ma manca di appeal. Armao simpatico ma litigioso

    La Via mi sembra un nome buono. Profilo competente e moderato. Potrebbe essere gradito anche a forza Italia. Caleca è sconosciuto ai più, ed ha fatto parte del governo crocetta. Ci vuole un cambio altrimenti vincono i cinque stelle!

    Lavia può essere l’uomo che mette d’accordo tutti. E l’esperienza a bruxelles è utilissima per i fondi europei !

    Ogni giorno un nuovo candidato ,se si continua così entrano tra i “possibili” :
    Il posteggiatore di p.zza politeama e
    Toto’ il panellaro.
    non ci lamentiamo se la gente non vota più :non c’è neppure ne stile ne un criterio logico/politico per scegliere un candidato:si legge il nome di una persona che da 3/4 anno ha sognato di candidarsi e finalmente può dire:io mi sono candidato !!!!!!
    Complimenti …lei ha vinto perché si e’ candidato !! Bravo

    Io mi convinco sempre più che bisogna cacciare la politica colonialista dall’isola. Tutta la partitocrazia italiana e i finti sicilianisti.

    Misuraca = Cittadini

    E ti sei scordato che Lagalla = Cuffaro

    Sarebbe importante che Lagalla ci dica con chiarezza se è di centrodestra o di centrosinistra.
    Se è grillino o leghista.

    Lagalla appare l’unica strada da seguire

    Il miglior candidato…serio ed sutorevole…che parla di programmi è Lagalla!

    La “drammatica” scelta dei nomi da candidare indica il vuoto lasciato in questi anni dalla politica. Proporre La Via significa dare una risposta concreta, mettere al primo posto competenza e serietà. Non a caso piace a tutti, e anche Forza Italia-al momento ricattata da Salvini e Meloni- potrebbe convergere sul nome dell’eurodeputato catanese.

    ecco perché Nello Musumeci li batterà tutti e sarà Presidente della Regione…. non ce nè uno superiore a lui….

    La Via? direi un ottimo candidato, molto rispettato da tutti i partiti, compreso Forza Italia. Un ottimo elemento, che conosce benissimo la macchina europea. Quello che mio avviso serve alla nostra isola.

    Ottima analisi dott.Sabella… spero che alla fine sia una persona preparata che conosca bene la macchina complessa come la comunità europea, ma sopratutto un politico che in sicilia sono scomparsi. D’Alia un ottimo politico, ma La Via lo vedo più adatto ad.un.incarico del genere. Lo seguo da un po’ e devo dire che ha falto molto a Bruxelles. Non dimantichiamo che ha presieduto una delle commissioni più importati al parlamento. Dove è stato capace di.riceve apprezzamenti anche dai verdi, non cosa semplice. Ma spero che non perdino.più tempo. I tempi sono molto limitati! M5 è già in campagna elettorale.

    Penso che il miglior candidato sia Nello Musumeci. Bisogna mettere da parte chi ha già dimostrato di aver fallito in politica, vedi : Saverio Romano e Gianfranco Micciche’…

    Lagalla non dà alcuna garanzia elettorale.non è mai stato candidato nemmeno al consiglio comunale ed è sconosciuto nella sicilia orientale. Ci sono candidati molto più autorevoli di lui, che non sarebbe male come assessore, ma assolutamente non è indicato come candidato Governatore.

    ha il difetto di essere alfaniano e questo lo rende invotabile.

    L’unico programma è quello di candidarsi.

    considerato lo spessore di questi nomi ,potrebbero tirare a sorte non cambierebbe nulla,sempre perdenti sono

    Forza La Via….. Già ha dimostrato quanto vale e cosa sa fare…..

    La Via é l’unico candidato che può veramente intercettare un consenso trasversale, inclusa Forza Italia. E poi é esperiente e molto competente!

    La cosa che mi fa impazzire, e quando vedo gente che lascia commenti senza senso. Facciamo un analisi, vedo molti commenti positivi su Lagalla. Persona sicuramente perbene, ma ha fatto mai una campagna elettorale? é stato mai eletto da qualcuno? conosce la macchina amministrativa di una pubblica amministrazione? forse non è chiaro a molti. Ma la Sicilia, ha bisogno di un politico che conosca benissimo anche la macchina amministrativa. Chiunque esso sia! Signori politicanti !!! Sveglia, non possiamo perdere più’ tempo. Scegliete un politico bravo, che sappia dialogare con tutte le parti politiche, e che sappia sopratutto guidare la nostra regione….oggi distrutta…. da i nomi che circolano… Musumeci? ha già perso due volte…. ma finiamola…. Gianpiero D’Alia? ottimo politico, ma da sottosegretario non ricordo nulla di concreto….Armao? ottimo professore, ma nulla di più’…..La Via? fino a qualche anno fa sconosciuto… ma negli ultimi anni, ho apprezzato molte sue iniziative…. dicono sia molto preparato… attenzione… non lasciatevi influenzare dai titoli… ma da quello che questa gente potrebbe offrire alla nostra regione…

    A me La Via sembra un nome che finalmente può andar bene anche a Forza Italia. Competente, esperto e un profilo indubbiamente necessario per risollevare le sorti della Sicilia

    La via sarebbe un candidato capace che potrebbe dare speranza alla
    Nostra terra. Secondo me potrebbe mettere insieme doverse aree politiche (compresa forza Italia). Abbiamo bisogno di un presidente capace con esperienza in Europa ed autorevole e, l on. la Via potrebbe essere la persona giusta

    Magari fosse il prof La Via. Lo
    Seguo su Facebook ed oggettivamente ci rappresenta egregiamente in Europa. E’ arrivato il momento di mettere le sue competenze a sevizio della nostra terra da presidente della regione. Spero sia lui il
    Candidato perché,guardandomi attorno, vedo solo il buio

    La via mi piace. Bravo e competente. Non capisco invece l insistenza di la Galla (da mesi in campagna elettorale e nessuno converge su di lui). I suoi incontri nelle varie città con 4 gatti, che visto il numero sparuto, soffrono per non potersi mettere in fila per 3 con il resto di uno. Insomma, la Sicilia ha bisogno di ub candidati di spessore e, per quel che mi riguarda, la via potrebbe esser colui che potrebbe sistemare la nostra terra.

    La Via ottimo profilo

    Certamente tutti nomi spendibili alla causa ” stravince M5S ”
    L’improvvisazione in politica rischia di fare danni irreparabili più di quelli già esistenti.
    Non si può arrivare a ridosso all’elezione regionale con questa confusione frutto di pochezza politica e di Vergogna civile.

    Finalmente un nome spendibile. La Via può andare bene. Finitela di litigare ed iniziate la campagna elettorale.

    Prima dobbiamo concordare i programmi.

    come molti di voi hanno già scritto penso che Lagalla sia l’unico nome spendibile, uomo di grande spessore culturale nonché l’unico che sta girando il territorio e sta parlando di programma…

    misuraca no, per favore

    La Via , il candidato di Bronte….. Ho detto tutto. È giunto il suo momento, ora che gli altri non possono più dar lustro delle loro argute menti….

    Perché, fino ad ora che ha fatto per migliorare la vita alle nostre famiglie?
    Tanto per sapere il perché di tutti questi tifosi, capire ed e entualmente votarlo consapevolmente.
    Che sia alfaniano, lo condanna a priori.

    è cuffariano………………stop

    Voterò sicuramente, qualora si dovesse candidare, Giovanni La Via. Mi piacerebbe che personaggi come Miccichè, Crocetta e Saverio Romano andassero in pensione.

    Ma come mai in tutti questi nomi di candidati non c’è il gRANDE cROCETTA ??? … il suo megafono non funziona? … la Sicilia che riparte ???

    In questo momento straordinariamente difficile per la nostra Sicilia non possiamo permetterci ulteriori salti nel buio o scommesse tutte da verificare.
    Leggo tanti nomi di persone veramente per bene su cui sarebbe necessaria tanta prudenza e pudore specie se si esprimono opinioni in termini strettamente politici.
    A mio avviso esiste una sola opzione che coniuga l’esperienza, la competenza ed indiscutibili doti di serietà, moralità ed umanità mi riferisco al Prof. Giovanni La Via.

    Spero che le forze politiche sane e responsabili per una volta la smettano di guardare ai propri interessi di bottega e decidano di regalare al popolo siciliano una candidatura capace di affrontare i problemi di questa splendida terra.

    La Via potrebbe essere un buon candidato ma purtroppo per lui il partito e chi lo rappresenta “è pisci mottu”!

    Conosce pure,e bene,Alfano e Castiglione,e non è handicap da poco.Fidati.

    Potresti elencare qualcosa ?

    Magari aprendo qualche altro Cara e qualche centinaio di Spar ?

    Già alla frase larghe intese arrizzano i cairni. Va bene così, vadano avanti così, bene movimento 5 stelle

    Non lo sa nemmeno lui, questo è il problema.

    Molto bene avanti così, se non ci fosse in ballo la pelle dei siciliani si potrebbero trovare anche spunti comici. L’unica soluzione è azzerarli tutti quanti, politicamente ovviamente.
    Aria e facce nuove, gente che non ha paura, spezzare le catene dei privilegi e delle raccomandazioni, il vero schifo di questa terra.
    Ci vuole un anno zero, sul serio.
    Io voto 5 stelle.

    lagalla ex assessore di cuffaro personaggio confuso e disorientato confonde la destra con la sinistra e viceversa; la via alfaniano ex assessore di cuffaro; d’alia un irriconoscente che deve tutto a toto cuffaro senatore grazie a totò, ma appoltronatosi a Roma con renzi e a Palermo con crocetta; dore misuraca alfaniano ed ex assessore di cuffaro.
    Personalmente ritengo questi personaggi INVOTABILI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.