Superbonus, si valuta proroga ma il ministro avverte: "Insostenibile" - Live Sicilia

Superbonus, si valuta proroga ma il ministro avverte: “Insostenibile”

L'incentivo per la ristrutturazione delle abitazioni sarebbe molto costoso per lo Stato
I PARTICOLARI
di
1 Commenti Condividi

ROMA – Una nuova rateizzazione e rottamazione delle cartelle esattoriali potrebbe essere possibile già a partire dai prossimi mesi. A dirlo è il ministro dell’Economia Daniele Franco durante l’audizione sulla Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza. “Stiamo valutando se un’ulteriore spalmatura degli oneri possa essere considerata”. Ma, chiarisce: “Famiglie e imprese devono tornare a pagare le cartelle dell’agenzia delle Entrate, possiamo di nuovo spostare e diluire per questa fase, ma bisogna gradualmente tornare a una situazione di normalità”.

Il Superbonus 110%

Poi il ministro ha lanciato un avvertimento: “Sul lungo periodo il Superbonus del 110% non è sostenibile per i conti pubblici”. Quindi ok alla proroga con la prossima legge di bilancio ma le agevolazioni non dureranno in terno. I bonus, spiega Franco, sono stati “molto importanti per far ripartire il settore delle costruzioni ma dobbiamo ricordare che sono uno strumento molto costoso. Se ciascun italiano fa domanda, l’effetto sui conti e sul debito è stratosferico“. L’edilizia va sostenuta ma “non può crescere a dismisura“.

“Dobbiamo tenere a mente che il deficit deve scendere, l’avanzo primario deve tornare e bisogna ridurre il debito che libera risorse”: insomma, “dobbiamo tornare gradualmente verso una politica di bilancio più prudente”, conclude il ministro.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ma certo che è insostenibile.. classica iniziativa da grillini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *