Il Palermo si sveglia tardi| Lapadula beffa i rosanero - Live Sicilia

Il Palermo si sveglia tardi| Lapadula beffa i rosanero

Apre Suso al 15' poi il pareggio dI Nestorovski quindi il gol dell'ex Pescara all'82'.

SERIE A, 12^ GIORNATA
di
17 Commenti Condividi

PALERMO – La luce in fondo al tunnel si inizia ad intravedere, anche se la strada da fare è ancora molta. La via imboccata dal gruppo di De Zerbi contro il Milan inizia a dare i suoi risultati anche se il punteggio finale porta ancora una volta ad una sconfitta. Contro i rossoneri di Montella il 2-1 condanna i padroni di casa allo zero ancora nella casella dei punti conquistati al ‘Barbera’ con il gioco che specialmente nella prima frazione di gioco ha latitato ad esprimersi. Nella ripresa l’ex tecnico del Foggia ha mischiato le carte in attacco, inserendo Diamanti e il giovane Lo Faso, e qualcosa si è finalmente intravisto. Fra i tanti dubbi permane la certezza Nestorovski, al sesto gol in campionato, sulle reti del macedone di sicuro dovrà fondarsi la corsa salvezza dei siciliani.

SBLOCCA SUSO I rossoneri dopo una prima fase di studio approfittano dell’ennesimo errore difensivo dei padroni di casa che vede protagonista Josip Posavec. Il croato non s’intende con Aleesami su in cross in area rosanero con la sfera che finisce sui piedi prima di Bonaventura e successivamente di Suso che con la porta praticamente spalancata deve solo ribadire in rete per il vantaggio rossonero. Gli uomini di De Zerbi non riescono ad imbastire azioni degne di nota cercando conclusioni velleitarie quasi sempre dalla distanza senza che Donnarumma venga mai seriamente impegnato. La palla nei piedi dei rosanero sembra scottare con il retropassaggio che sembra la soluzione obbligatoria con Posavec che al termine dei primi 45’ tocca più palloni di Nestorovski. Il primo tempo si chiude con i ragazzi di Montella avanti senza particolari sforzi.

PARI NESTOROVSKI Nella ripresa De Zerbi inserisce Lo Faso e Diamanti per gli spenti Embalo e Sallai e il gioco dei rosa ne giova in qualità. Il pari rosanero arriva al 71’ in virtù di un’imbeccata proprio dell’ex Bologna per Nestorovski che da implacabile uomo d’area supera Donnarumma con un potente sinistro sul proprio palo. Il gol dona nuove forze ai padroni di casa che con Bruno Henrique hanno la più ghiotta chance per portarsi in vantaggio con la sfera che però esce fuori.

DECIDE LAPADULA La reazione del Milan è veemente e si affida al talento dell’ex Liverpool Suso. Lo spagnolo impegna severamente Posavec in due occasioni con il croato che risponde in maniera super al numero 8. Il giovane portiere deve però capitolare a dieci minuti dallo scadere su un colpo di tacco fortunoso quanto bello del neoentrato Lapadula che devia proprio una conclusione di Suso e lo spiazza. Il match si chiude praticamente lì, adesso la pausa per le nazionali e i rosanero che sono attesi dalla trasferta di Bologna per tornare a macinare punti.

IL TABELLINO

Marcatori: Suso 14′, Nestorovski 71′, Lapadula 82′.

PALERMO: 1 Posavec; 15 Cionek, 4 Andelkovic, 5 Rajkovic, 19 Aleesami; 10 Hiljemark (Quaison 85′), 14 Gazzi (cap.), 25 B. Henrique; 11 Embalo (Lo Faso 56′), 30 Nestorovski, 20 Sallai (Diamanti 55′). A disp: 55 Marson, 68 Fulignati, 2 Vitiello, 6 Goldaniga, 18 Chochev, 24 Bouy, 28 Jajalo, 89 Morganella, 97 Pezzella. All: Roberto De Zerbi.

MILAN: 99 Donnarumma; 20 Abate (cap.), 29 Paletta, 13 Romagnoli, 2 De Sciglio; 33 Kucka, 73 Locatelli, 80 Pasalic; 8 Suso, 70 Bacca (Lapadula 80′), 5 Bonaventura. A disposizione: 1 Gabriel, 35 Plizzari, 4 R. Ely, 7 L. Adriano, 10 Honda, 14 M. Fernandez, 15 Gomez, 16 Poli, 17 Zapata, 23 Sosa, 31 Antonelli. All: Vincenzo Montella.

ARBITRO: Paolo Silvio Mazzoleni (Bergamo).

NOTE Ammoniti: De Sciglio 25′.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

17 Commenti Condividi

Commenti

    tranquilli adesso zamparino vende ai venezuelani, o ai ciarlatani ahahaha, e arriveremo secondi ahahah, forza resche che ancora non e finita ahahah. mi rendo conto che Luna e altri non dicevano fesserie grazie presidente.

    Due uomini di sport che hanno fatto grande il Catania: Montella e De Zerbi. Continuate così!

    Con il milan vinciamo! Grazie ancora presidente.

    Un solo uomo, che ha reso felice Palermo: Ninuzzu

    pulvirenti al posto di zamparini….lui sa come si vincono le partite….

    Ridi ridi Accattino. Quando fallirete piangerete

    CONSIDERAZIONI MATEMATICHE
    1. Mancano 07 giornate al termine del Girone di Andata;
    2. Mancano 26 giornate al termine del Campionato 2016-2017.
    3. Alla giornata odierna (12° Turno) il Palermo ha ancora 6 punti.
    4. La quota salvezza la ipotizziamo a 42 punti.
    5. Il Palermo deve fare 36 punti nelle 26 giornate che restano (86% di punti da fare),
    Ebbene:
    – si fa fatica a ipotizzare un cambio di rotta tipo quello fatto dall’Atalanta;
    – è ormai del tutto evidente che Posavec non è ancora adeguato per la categoria perchè responsabile di troppe papere in una squadra che segna con il contagocce;
    – Zamparini lascerà la squadra esattamente dove l’ha trovata: cioè in Serie B.
    – Per rientrare dai debiti usufruirà del paracadute (20 milioni).
    – E’ altresì inutile esonerare De Zerbi poichè la squadra neon è da Serie A seppur volenterosa.

    forza ragazzi non fatevi prendere dalla paura, prima o poi i risultati daranno ragione al piu grande che dico al piu grandissimo che dico al migliore dei presidenti ahahahahahah, zamparino se vuoi davvero fare qualcosa di intelligente cosa per te molto difficile esserlo, vai viaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    Cari cugini se continuate così non vi basterà più nemmeno la tanta vergogna della quale siete già ricoperti.

    Vi state comportando come da ultimi in classifica, ah scusate già lo siete…..Ah Ah Ah Ah

    Cuginiiiiiii…….PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!

    Luna, che squallore, viene da vomitare a leggere i suoi commenti

    tra te, santo, agatino, turi, nello, che differenza c’è?

    degno compare di luna, anche per l’italiano, complimenti.

    Meglio in B e con vergogna che falliti e con infamia.

    Secondo me le ultime quattro non superano i 33/34 punti
    Il problema che abbiamo la squadra più scarsa da quando facciamo la serie A
    Con un portiere che invece di farti guadagnare punti li fa perdere dovrebbe fare una bella esperienza in lega pro

    Santo Nello Turi, tre liotri un solo deficiente. Per vergogna non siete secondi a nessuno. Alla fine, i conti si fanno alla fine, Noi ci salviamo, voi fallite, credeteci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.