Tornano i concorsi alla Forestale, ok dell'Ars alla legge - Live Sicilia

Tornano i concorsi alla Forestale|Via libera dell’Ars alla legge

Dopo oltre venti anni
IL PARLAMENTO REGIONALE
di
16 Commenti Condividi

PALERMO – Via libera a nuovi concorsi nel corpo Forestale della Regione Siciliana. Lo prevede una legge approvata dall’Assemblea regionale siciliana che consente di reclutare nuovo personale. Il testo è denominato ‘Norme per il funzionamento e i compiti del Corpo Forestale della Regione Siciliana’. La legge “consentirà finalmente di integrare un organico ormai sotto dimensionato – sottolinea l’assessore regionale al Territorio Toto Cordaro – adeguandolo alle reali esigenze di una capillare salvaguardia del nostro patrimonio naturale “.

“Abbiamo lavorato in commissione e durante il dibattito d’aula per migliorare un testo di legge che prevede nuovi concorsi – dice Giuseppe Lupo, capogruppo Pd all’Ars -. Questa legge – aggiunge – consentirà al Corpo Forestale della Regione di rafforzarsi e di integrare il proprio organico per esercitare al meglio le proprie importanti competenze”.

Voci positive anche da parte della maggioranza: “Finalmente il Corpo Forestale della Regione potrà rimpinguare il proprio organico e reclutare nuovo personale attraverso i concorsi – sottolinea Eleonora Lo Curto, capogruppo Udc . Abbiamo fatto una buona legge che servirà a potenziare tutte le attività che questo personale svolge in Sicilia. Abbiamo apprezzato l’impegno e la dedizione del personale del Corpo Forestale durante l’emergenza Covid-19 con interventi in tanti ambiti, dai porti, ai mercati, al controllo del territorio. Dopo venticinque anni di carenze di organico, ora si potrà rafforzare un comparto che tra l’altro, come attività fondamentale, ha anche la repressione degli incendi boschivi”.

“Esprimo piena soddisfazione per la norma approvata oggi in Aula in merito allo sblocco delle assunzioni nel Corpo Forestale della Regione Siciliana – afferma Carmelo Pullara, capogruppo dei Popolari e autonomisti -. Dopo tantissimi anni di immobilismo, ben 25, finalmente il Parlamento siciliano approva una legge che consente l’innesto di personale nel comparto non dirigenziale. Bisogna dare risposte concrete ai siciliani, siamo nella direzione giusta”. Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente della commissione Affari istituzionali di Palazzo dei Normanni, Stefano Pellegrino: “Sin dalle prime valutazioni in Commissione è parso evidente che la carenza di organico in dotazione al corpo forestale arreca criticità, in particolar modo ai distaccamenti territoriali, in cui il personale non riesce a coprire il controllo del territorio – dice -. Ciò amplifica le problematiche per la gestione e il contrasto agli incendi boschivi. Per tale motivo, dopo tanti anni di stallo, finalmente sarà possibile tornare ad assumere anche in questo comparto regionale, dimostrando un’inversione di marcia rispetto al passato”.

Disco verde, con la sola astensione del Movimento cinque stelle, anche per altre due norme: la prima concede l’adeguamento dell’indennità mensile pensionabile attesa da anni dagli agenti in divisa e che sarà concretamente corrisposto alla fine della prevista contrattazione sindacale. L’altra consente di utilizzare, attraverso l’istituto del comando, i guardia parco dei Nebrodi nella campagna antincendio in provincia di Messina. “Anche qui – aggiunge Cordaro – si tratta di far fronte a un organico insufficiente, ridotto a sole 31 unità, di cui soltanto ventisei operative. Quella di oggi può essere considerata una giornata storica perché, oltre a sbloccare dopo trent’anni procedure di assunzione, ridà dignità a un Corpo che riveste una funzione essenziale e che, con la presenza dei suoi uomini, contribuisce ad innalzare il livello di sicurezza in ogni angolo della nostra Isola”.

Soddisfatti anche i sindacati. “Finalmente! La norma approvata oggi all’Ars che prevede lo sblocco dei concorsi per il Corpo forestale era attesa da tempo perché assolutamente necessaria”. A dirlo sono Gaetano Agliozzo, Paolo Montera ed Enzo Tango, segretari generali rispettivamente della Fp Cgil, Cisl Fp e della Uil Fpl della Sicilia. “La chiedevamo da tempo – proseguono i sindacalisti – perché non era più pensabile lasciare ancora in carenza di organico un corpo che, non solo ha combattuto in prima linea per il contrasto al Covid-19, ma che svolge quotidianamente compiti fondamentali per la salvaguardia del nostro territorio, dal servizio antincendio alla lotta al bracconaggio, dal controllo dei pascoli all’antifrode boschiva”. “Esprimendo il nostro apprezzamento per l’obiettivo raggiunto oggi, rinnoviamo al governo regionale la nostra disponibilità al confronto per il percorso da seguire da qui in avanti, così da giungere a un pieno rilancio del Corpo forestale”, concludono Agliozzo, Montera e Tango.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

16 Commenti Condividi

Commenti

    Riunificate la Forestale come era prima ed era più efficiente di oggi

    si come no riassumiamo x nomina diretta altri 25000 nullafacenti che stanno a fumare e bere caffè al bar un giorno si e l altro pure e ricattano i politici x il loro voto ad ogni tornata elettorale

    Sentivamo davvero il bisogno di nuovi forestali in Sicilia dal momento che quelli che abbiamo, il cui numero supera quello del Canada, evidentemente non bastano.
    Le clientele continuano e la peggiore politica
    continua a sperperare i soldi del contribuente.

    purtroppo e’ cosi e non sara’ facile cambiare questo sistema la colpa e’ nostra abbiamo una sola arma il voto e li che casa l’asino.

    Tra qualche giorno publicheranno anche i nomi dei ‘vincitori’ del concorso????

    spero che utilizzino gli stessi parametri che vi sono nelle pubblicazioni dei concorsi nelle forze armate, solo questo per avere una scrematura decente, in ogni caso sono utili sul territorio specie quello montano, pero’ se il corpo si deve occupare anche di antincendio, il Personale a terra degli Addetti allo spegnimento oramai è di una certa età ed anche come unità insufficienti, quindi si dovrebbe rimpinguare anche quel comparto

    certo come no,,,,,,,,,inforniamo sto stipendificio regionale a spese nostre ,,,,,,,,,tanto poi state tutti a fumare e bere caffe al bar ,,,,,,,,grazie parassiti della sicilia la colpa comunque non è vostra ma di chi vi assume esclusivamente x il vostro voto alle prossime elezioni

    be sicuramete saranno raccomandati…… non credo….

    Ad Ottobre ci sono le elezioni, si faranno dare il voto dietro una promessa di lavoro, la storia si ripete, d’altronde comandano sempre gli stessi partiti..

    I Forestali in divisa non hanno nulla a che spartire con quelli che impropriamente (braccianti agricoli stagionali) confondete con canadesi ecc. Lasciate stare Salvini e Giletti, della loro artefatta bugia ne abbiamo le scatole piene.

    ci sono elezioni a breve?

    Salvini dice che ci sono troppi forestali in Sicilia è il suo alleato Musumeci ne vuole assumere altri? ahaha

    salvini si sa difende sempre tutto quello che gli fa comodo

    Giacinto,Ivan e Paolo, di sicuro seguite Giletti, che non distingue gli operai stagionali con le Guardie Forestali

    rangers63 sono tutti raccomandati non difenderli,

    che schifo , che vergogna. assumere ancora forestali che si sa sono loro stessi a dare fuoco ai boschi x guadagnare di piu’ . potrebbero assumere infermieri medici insegnanti . ma siamo in sicilia e’ la mentalita’ del clientelismo non cambiera’ mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.