Tra gli indagati | l'ex rosanero Sagramola - Live Sicilia

Tra gli indagati | l’ex rosanero Sagramola

Rinaldo Sagramola

Nell'indagine anche l'ex ad rosanero: ci sarebbe un presunto giro di biglietti e di favori tra Giacchetto e i politici. Sagramola: "Nessun reato, dare biglietti a chi investe in pubblicità è una prassi".

I biglietti ai politici
di
4 Commenti Condividi

PALERMO– C’é anche l’ex amministratore delegato del Palermo calcio, Rinaldo Sagramola, tra gli indagati nell’inchiesta della Finanza su appalti truccati, truffe e corruzione, che oggi ha portato a 17 arresti. Secondo gli inquirenti, Fausto Giacchetto, mente dell’organizzazione e manager dell’ente di formazione Ciapi, avrebbe acquistato spazi pubblicitari dal Palermo calcio fatturando cifre superiori a quelle pagate. Parte del denaro sovra fatturato sarebbe servito a ripagare gli abbonamenti per la stagione calcistica in tribuna vip, che poi il manager avrebbe girato a politici amici per ingraziarsene i favori. “Per me – ha detto durante l’interrogatorio l’ex ad rosanero – Giacchetto era un imprenditore privato che collaborava con la Regione Siciliana e, pertanto, non lo ritenni mai come un pubblico ufficiale. Inoltre, si diceva fosse un soggetto abbastanza noto nel mondo della comunicazione palermitana e che, nel suo lavoro, riusciva a gestire, per i piani di comunicazione, consistenti somme di danaro per conto di diversi enti pubblici. Quindi mi comunicava le disponibilità finanziarie del Ciapi per i vari progetti di comunicazione e, sulla base di questi budget, la società rosanero destinava appositi spazi. Dopo avere concordato l’oggetto, la durata ed il prezzo con Giacchetto, presso la sede dell’Us Città di Palermo, pervenivano i relativi ordini”. Così Sagramola spiega anche la vicenda biglietti: “Per le stagioni calcistiche 2008/2009, 2009/2010 e 2010/2011, l’Us Città di Palermo spa ha rilasciato tutta una serie di abbonamenti e di biglietti omaggio in favore di Fausto Giacchetto nell’ambito della cessione di spazi pubblicitari in favore del Ciapi. Lui acquistava pubblicità, quindi quando mi chiedeva biglietti o ingressi omaggio glieli accordavo autorizzando la biglietteria, perché speravo che con il tempo questi investimenti pubblicitari da lui promossi, per conto di diversi enti pubblici, aumentassero, ma non è stato così. Devo ammettere che il riconoscimento di tagliandi omaggio in favore di partner commerciali è una prassi alquanto diffusa e che, il più delle volte, è contrattualizzata. In questo caso l’accordo era solo verbale e ribadisco era finalizzato ad ottenere maggiori investimenti pubblicitari”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    abbonamenti stadio? un classico

    “Secondo gli inquirenti, Fausto Giacchetto, (…), avrebbe acquistato spazi pubblicitari dal Palermo calcio, fatturando cifre superiori a quelle pagate….”

    io che, premetto, di prassi commerciale (e non parliamo di fiscale) ne mastico poca mi domando: li acquistava e quindi riceveva fattura dal Palermo Calcio o li vendeva sti spazi pubblicitari dal momento che, da quanto si legge, sembrerebbe che li fatturasse?

    Sono malpensante qualora mi venisse in mente che questa considerazione un pò bislacca sia del giornalista dell’ANSA piuttosto che degli inquirenti?
    Forse il Palermo calcio sovrafatturava le prestazioni pubblicitarie a favore del CIAPI ed il Sagramola in quanto A.D. è indagato per emissione di Fatture per Operazioni Inesistenti?!!!

    “Parte del denaro sovrafatturato sarebbe servito”.

    Il Denaro sovrafatturato?

    Forse si voleva scrivere che il denaro con il quale venivano pagate le prestazioni pubblicitarie sovrafatturate sarebbe servito per ripagare gli abbonamenti che servivano a questo cervello fino per ingraziarsi i politici?

    Ma ste considerazioni incomprensibili erano scritte nella comunicazione notizia di reato o è tutta farina del sacco di chi le scrive?

    Volevo capirne qualcosa ma dopo aver letto l’articolo dell’ANSA rimango un pò perplesso.

    Ovviamente anche se non lo leggo, immagino che le fatture gonfiate che riceveva il CIAPI, venivano portate all’incasso dell’Europa.
    Insomma, se ho compreso bene tra le righe dell’articolo, con i fondi dell’europa piuttosto che la formazione di tanti giovani che vogliono imparare qualcosa per guadagnarsi un pezzo di pane venivano pagati gli abbonamenti che il giacchetto regalava ai politici……… E bravo il project manager, un benefattore per i ricchi ed un ladro di futuro per i poveri….. Rubare il futuro a chi è costretto a lasciare la propria terra in cerca di lavoro per il ludus dei potenti è un crimine che grida vendetta! Meno panem per chi non ne ha e più circensem per chi un abbonamento su putissi accattari……… Affamare gli affamati a vantaggio degli avvantaggiati.
    VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA e questa terra muore, VERGOGNA VERGOGNA

    Ma favori di che? Siamo marci dentro e geneticamente corrotti.
    Analizziamo i “vip” che hanno goduto dello stadio negli ultimi 10 anni e scopriremo altri corrotti.

    la faccia di questo non mi è mai piaciuta…chissà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.