Tragedia nel reparto Covid del 'Cervello', stanotte un suicidio

Tragedia nel reparto Covid del ‘Cervello’, stanotte un suicidio

Cosa è successo.
0 Commenti Condividi

PALERMOE’ una storia tremenda che sconvolge tutti: i familiari, i medici, gli infermieri e la grande comunità dell’ospedale ‘Cervello’. Stanotte un uomo si è suicidato all’Unità di Terapia intensiva respiratoria Covid del nosocomio, lanciandosi dal terzo piano. Ci sono delle indagini in corso. ​Lo specifichiamo per tutti quelli che hanno lì un proprio caro: la famiglia è stata informata.

Il paziente, 64 anni, ieri sera sarebbe stato un poco agitato, in ospedale si sono presi cura di lui. Stanotte, durante il ricovero di un altro paziente, l’evento tragico che ha gettato nel massimo sconforto la dottoressa di guardia, una professionista molto apprezzata, e tutto il personale. Il clima di queste ore in corsia è drammatico: tra lacrime e dolore per una comunità che è sottoposta a una incredibile pressione ormai da più di un anno. E c’è una famiglia distrutta a cui va il nostro abbraccio.

“Nelle prime ore del mattino un paziente ricoverato in terapia subintensiva respiratoria per malattia da SARS CoV2 si è suicidato defenestrandosi dal 3 piano – ecco la nota dell’ospedale -. La tragedia si è consumata in pochi secondi nonostante la prontezza degli operatori sanitari il cui intervento non ha potuto scongiurare il triste epilogo. La direzione strategica esprime vivo cordoglio ai famigliari. Sul punto sono in corso le valutazioni di rito delle autorità preposte. Nel massimo rispetto della dolorosa vicenda umana e della privacy delle persone coinvolte l’azienda non fornirà altri particolari”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *