Trapani, la Sea Eye è in porto: 800 migranti pronti a sbarcare - Live Sicilia

Trapani, la Sea Eye è in porto: 800 migranti pronti a sbarcare

Si avvicina a Lampedusa anche la Ocean Viking.
IMMIGRAZIONE
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – La nave Sea Eye 4 con oltre 800 migranti a bordo è entrata nel porto di Trapani dove farà scendere le persone tra cui 200 minorenni molti bambini sotto ai 10 anni e 5 donne incinte. I migranti sono stati recuperati nello specchio d’acqua tra Libia e Sicilia in diversi interventi. La macchina dell’accoglienza organizzata dalla prefettura è pronta per le prime visite con tamponi e l’identificazione.

Alcune delle persone salvate hanno trascorso 5 notti sulla nave. Il medico dell’ospedale di bordo la tedesca Daniela Klein ha curato oltre 200 persone per varie esigenze mediche”.

“La nostra dottoressa di emergenza e l’intero equipaggio hanno realizzato cose inimmaginabili negli ultimi giorni: oltre 800 persone soccorse non solo hanno portato la nave stessa, ma tutti a bordo, al limite della sua capacità. È imperativo che i soccorsi possano ricevere cure mediche a terra. Siamo quindi incredibilmente sollevati che il Sea-eye 4 possa ora dirigersi verso un porto sicuro e che le persone siano portate in salvo dopo molti giorni di incertezza”, afferma Harald Kischlat, membro del consiglio di amministrazione di German Doctors e.V.

“Una nave tedesca sta per lasciare in Sicilia più di 800 clandestini. Domanda: i ministri dell’Interno e degli Esteri hanno chiesto a Berlino e Bruxelles di farsi carico di questi immigrati o per loro va bene così?”. Così Matteo Salvini commentando la notizia della nave Sea Eye 4 con oltre 800 migranti a bordo e che nel pomeriggio dovrebbe arrivare in Sicilia.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Si fanno sbarcare e poi si redistribuiscono: meta a casa di tranchida, meta a casa di ollando!
    Loro (pseudo)comunisti saranno felici di ospitarli e poter passare dalle parole ai fatti

    Malta, Grecia e Spagna si rifiutano sistematicamente di intervenire pertanto tocca soltanto a noi italiani soccorrere tutte le migliaia di persone che attraversano il Mediterraneo per fuggire da fame e guerre. Fiero di essere italiano e di avere un Premier dal grande cuore come Mario Draghi che finora non si è mai opposto al salvataggio ed all’accoglienza di chi è in difficoltà per mare così come purtroppo continuano vergognosamente a fare i suoi colleghi maltesi, greci e spagnoli.

    Allora, una volta che hai centrato il vero problema, perché non ci dici la verità per intero e non solamente la parte che ti conviene? Ti ricordo che alcuni di quei paesi che, come ammetti, sistematicamente si rifiutano di intervenire, sono gli stessi che poi concedono la bandiera alle navi di alcune Ong che vanno poi ad operare appunto a casa di altri stati…. Come mai poi per i colleghi maltesi, greci, spagnoli, etc… degli eroici “Draghi e Lamorgese” quando chiudono i porti od i confini, non c’è mai stato qualche solerte giudice pronto a metterli sotto processo per crimini contro l’umanità oppure star di Hollywood, con le tasche piene di denaro, pronte dopo a testimoniare negli eventuali processi ma solo a senso unico e solo contro determinati politici? Politici, questi ultimi, che poi a me non stanno neanche particolarmente simpatici ma è risaputo che poichè si è soliti usare 2 pesi e 2 misure,la verità bisogna pur dirla tutta!

    Ridistribuire a casa di tranchida e di ollando….

    Questi pseudo minori li conosciamo. Quando facevano gli esami per verificare l’età, il 99% risultavano maggiorenni. Ora hanno smesso di fare questi controlli, dicendo perché l’RX del polso costa 500€…. È così finti minorenni entrano e ci prendono per i fondelli….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.