"Truffa nella vendita dei loculi" | Erice, due persone a processo - Live Sicilia

“Truffa nella vendita dei loculi” | Erice, due persone a processo

Il tribunale di Trapani

L'inchiesta avrebbe fatto emergere contratti contraffatti per la cessione di cappelle cimiteriali.

Nel Trapanese
di
0 Commenti Condividi

ERICE (TRAPANI) – Avrebbero venduto cappelle e loculi al cimitero di Erice, intascando, in quattro anni, quasi 100 mila euro. Con le accuse di truffa, appropriazione indebita e abuso , il titolare di una impresa di onoranze funebri, Vincenzo Scaduto, 55 anni e Alessandro Baiata, 30 anni, dipendente della Cimer srl (società incaricata della costruzione e gestione del nuovo cimitero comunale), dovranno comparire il prossimo 5 dicembre dinanzi al giudice monocratico del Tribunale di Trapani, dottore Franco Messina. La citazione diretta in giudizio è stata decisa dal pubblico ministero della procura di Trapani, Franco Belvisi.

L’atto di citazione in giudizio è stato notificato alle parti offese, 22 in tutto, Comune di Erice compreso. L’inchiesta avrebbe fatto emergere una serie di contratti contraffatti per la cessione di cappelle e loculi cimiteriali, i reati sarebbero stati commessi tra il gennaio 2011 e il gennaio 2015. Secondo le indagini i due assieme avrebbero raggirato e truffato diverse persone offrendo loro, dietro pretesa di compenso, loculi per i loro cari. Sarebbe stato addirittura accertato che una intera cappella gentilizia, di 15 loculi, è stata venduta per circa 18 mila euro. La Cimer è risultata ignara di quanto accadeva, così come il Comune di Erice.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *