Ucciso a coltellate per cento euro | La polizia ferma padre e figlio - Live Sicilia

Ucciso a coltellate per cento euro | La polizia ferma padre e figlio

Si tratta di Guglielmo e Vincenzo Puglisi, di 20 e 52 anni. Gli agenti della mobile hanno trovato tre coltelli di cui uno insanguinato.

Piazza armerina
di
4 Commenti Condividi

PIAZZA ARMERINA (ENNA) – Due persone sono state fermate per l’omicidio di Calogero Abati, 29 anni, imbianchino, ucciso ieri pomeriggio in Via Carducci davanti ad un bar a Piazza Armerina, in provincia di Enna. Si tratta del proprietario del bar Vincenzo Puglisi, 20 anni e del padre Guglielmo 52 anni, proprietario di un negozio di abbigliamento. Gli agenti della mobile hanno trovato tre coltelli di cui uno insanguinato. A confermare la dinamica del delitto ci sarebbero delle registrazioni di telecamere di sicurezza.

Abati, che aveva fatto dei lavori per i Puglisi, era andato al bar a chiedere 100 euro che i due gli dovevano per comprare medicine alla figlia. Sarebbe scoppiata una lite degenerata nell-omicidio. E- stato Interrogato dal pm che segue l’indagine, Anna Granata, anche il genero di Puglisi. Ma l’uomo è stato poi rilasciato in quanto è emerso che avrebbe tentato di sedare la lite rischiando anche coltellate. Abati è stato ucciso con due profondi fendenti, uno al cuore e uno al polmone. Calogero è figlio di Riccardo Abati, coinvolto in vicende di mafia e condannato come appartenente a Cosa nostra nell’ambito della operazione “Piazza pulita”, negli anni ’90.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Poveretto. Chi si prenderà cura della figlia? E’ possibile morire per €100? Non può esserci tanta disperazione in giro…cavolo, erano 100 stramaledetti euro…

    poveretto.. era un pregiudicato mafioso…
    chissa’ qual è la vera storia

    Non mi interessa la motivazione…..buttate le chiavi

    Pregiudicato?
    Nemo, non mi sembra d’aver letto che abbia riportato condanne, e in specialmodo di mfia.
    L’articolo parla del padre, ma se tu vuoi far ricadere le colpe del padre sul figlio…
    Si è ammazzato un uomo per soldi… ruflettici…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *