Ue, ok a nuove sanzioni alla Russia: passi avanti sul tetto al prezzo del gas - Live Sicilia

Ue, ok a nuove sanzioni alla Russia: passi avanti sul tetto al prezzo del gas

La presidente della Commissione europea favorevole al price cup
EUROPA
di
1 Commenti Condividi

Accordo tra i 27 Paesi dell’Ue sul nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia, incluso il price cap al petrolio. Il via libera è arrivato in mattinata nel corso del Coreper, la riunione dei Rappresentanti dei Paesi membri. La formalizzazione dell’approvazione dell’ottavo pacchetto arriverà per procedura scritta.

La presidente della Commissione Europea alla plenaria del Parlamento Europeo si è espressa favorevolmente ad un tetto al prezzo del gas, che “deve essere concepito in modo adeguato per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento”.

“Si tratta di una soluzione temporanea – ha detto – per far fronte al fatto che il Ttf, il nostro principale parametro di riferimento per i prezzi, non è più rappresentativo del nostro mercato, che oggi comprende più Gnl”.

Intanto, sono ripresi oggi i flussi di gas approvvigionati da Gazprom all’Italia e “la ripresa delle forniture è stata resa possibile dalla risoluzione da parte di Eni e delle parti coinvolte dei vincoli che derivano dalla nuova normativa introdotta dalle autorità di regolamentazione austriache”.

Le forniture erano state interrotte lo scorso primo ottobre – spiega l’Eni – per “la dichiarata impossibilità di trasportare il gas attraverso l’Austria” motivata da Gazprom”. La Francia ha intanto raggiunto il 100% degli stoccaggi necessari per l’inverno.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ma è mai possibile che in questa Unione Europea dove tutti gli stati dovrebbero avere pari dignità gli incarichi di rilievo li debbano sempre ricoprire francesi e tedeschi? Anche perchè se non ve ne siete ancora accorti la sig.ra Ursula Von der Leyen, tanto apprezzata in Italia da Letta Renzi e Calenda, ha finora sempre fatto principalmente gli interessi della sua Germania senza ovviamente farlo vedere in modo evidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *