Vaiolo delle scimmie, si avvicina l'ipotesi quarantena per i contatti stretti - Live Sicilia

Vaiolo delle scimmie, si avvicina l’ipotesi quarantena per i contatti stretti

Una circolare del Ministero della Salute illustra come comportarsi in caso di contatto stretto
1 Commenti Condividi

ROMA – “In specifici contesti ambientali ed epidemiologici, sulla base delle valutazioni delle autorità sanitarie, potrebbe essere richiesta l’applicazione di misure quarantenarie”. E’ quanto si legge in una circolare del Ministero della Salute di aggiornamento della situazione sul vaiolo delle scimmie, per la segnalazione dei casi.

“I contatti stretti devono essere identificati il prima possibile e informati della loro esposizione e del rischio di sviluppare l’infezione”. Per i contatti con esposizioni a basso rischio “è possibile adottare la sorveglianza passiva, autocontrollarsi e informare il proprio medico di famiglia”.

“I contatti asintomatici che controllano adeguatamente e regolarmente il loro stato possono continuare le attività quotidiane di routine come andare al lavoro e frequentare la scuola (la quarantena non è necessaria)”, specifica ancora il ministero della Salute nella circolare.

Per i contatti stretti è indicato di evitare di donare sangue, cellule, tessuti, organi, latte materno o sperma mentre sono in regime di sorveglianza. L’auto-monitoraggio prevede il controllo della febbre (almeno due volte al giorno) o di altri sintomi come il mal di testa, mal di schiena, linfoadenopatia ecc. o eruzione cutanea da causa sconosciuta nei 21 giorni dall’ultima esposizione. Indicato anche di astenersi dalle attività sessuali per 21 giorni dopo l’ultima esposizione, igiene delle mani e respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, con fazzoletti monouso da smaltire correttamente e lavarsi spesso le mani); evitare il contatto con persone immunocompromesse, bambini sotto i 12 anni e donne in gravidanza per 21 giorni dopo l’ultima esposizione; evitare il contatto stretto diretto con animali, inclusi gli animali domestici, per 21 giorni dopo l’ultima esposizione.

“Le autorità sanitarie locali possono scegliere di escludere i bambini in età prescolare da asili nido, scuole materne o altri ambienti di gruppo”. Nella circolare, firmata dal direttore generale per la prevenzione Gianni Rezza, si specifica infine che “apposite indicazioni sulla strategia di vaccinazione in Italia contro il vaiolo delle scimmie saranno fornite con successiva pubblicazione”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Bill Gates ha assunto da molti anni la fama di filantropo. Noti sono i suoi lauti investimenti in fondazioni benefiche e per la ricerca. Ma le cose stanno veramente così? Uno schema pubblicato online ricostruisce tutti i legami tra le diverse aziende del magnate di Microsoft, evidenziando una rete diffusa e sconosciuta al grande pubblico. Il sistema tentacolare del business di Bill Gates mette in luce come molte società, apparentemente indipendenti e focalizzate sui settori economici più disparati, abbiano in realtà un legame diretto tra loro. Le donazioni perderebbero in tal modo ogni forma di valore disinteressato e puramente filantropico, assumendo in realtà una funzione di tipo prettamente fiscale. Oltre alla questione fisco, lo schema sottolinea anche come il sistema di ricerca medica sia sovvenzionato secondo un meccanismo di vasi comunicanti in modo da favorire la crescita dei profitti dell’ecosistema di Bill Gates. In tale struttura economica rientrerebbe anche la società produttrice del vaccino per il Monkeypox, il vaiolo delle scimmie. Tale aziende farmaceutica sarebbe infatti sempre riconducibile agli investimenti sovvenzionati dal miliardario americano. Se una malattia non c’è si crea avendo già il rimedio… che business

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.