Il giallo di via Roccazzo | Tutti i dubbi degli inquirenti - Live Sicilia

Il giallo di via Roccazzo | Tutti i dubbi degli inquirenti

Molte le anomalie dell'agguato. L'ipotesi più accreditata resta la rapina finita in tragedia.

il delitto a palermo
di
20 Commenti Condividi

PALERMO – Un uomo assassinato al termine di una giornata di lavoro. Davanti agli occhi della figlia. Un commando di tre persone. Una macchina bruciata. Sono i punti fermi di un puzzle investigativo ancora da completare mentre una famiglia piange un “grande lavoratore”, Daniele Discrede, 42 anni, marito, padre di due bambini. La morte è, purtroppo, la funesta conclusione di una serata di sangue in via Roccazzo. I punti da chiarire restano tanti.

Spuntano anomalie da qualunque prospettiva investigativa si analizzi l’agguato davanti al supermercato nei pressi del deposito Amat. Una rapina finita in tragedia o un agguato mascherato da rapina? Tre uomini armati si presentano in via Roccazzo. Sono le 22 e 30 di venerdì sera. Discrede esce dall’ufficio accanto al capannone delle vendite. È insieme alla figlia di otto anni. Due uomini del commando scendono dall’auto, una Citroen, di colore scuro, dove il terzo li aspetta al volante. Hanno il volto travisato. Irriconoscibili. Discrede accende la moto. Quando vede i due armati si avvicina alla figlia. Lasciando il casco cadere per terra.

Sembrerebbe non trovare conferme, dunque, la tesi secondo cui il commerciante avrebbe cercato di reagire. Se lo ha fatto, in ogni caso, non si sarebbe servito del casco per lanciarlo agli uomini che lo minacciavano armi in pugno. È stata la bambina ad avere la freddezza di prendere il suo telefonino per chiamare aiuto. Ha telefonato alla nonna. Sul posto è arrivata una volante. Quando gli agenti sono scesi nel piazzale antistante l’ufficio Discrede era ancora vivo. Ha fatto in tempo a dire “mi hanno rubato i soldi, sto morendo, sto morendo”, facendo riferimento al borsello con l’incasso, 4.500 euro, che gli era stato portato via.

La corsa in ospedale è stata inutile. Una rapina culminata in tragedia, dunque. Gli investigatori si chiedono, però, quale motivo c’era di fare fuoco davanti ad un uomo con la sua bambina. Già la minaccia verso la piccola indifesa sarebbe stata più che sufficiente per mettere a segno il colpo senza rischiare troppo. O forse proprio la presenza della bimba, la spontanea voglia di proteggerla, ha spinto il padre a fare qualche gesto che ha potuto spaventare i rapinatori. Solo che sembrerebbe che per prima cosa i malviventi abbiano allontanato la bambina.

Perché, per evitare che anche lei venisse colpita? Dunque avevano già intenzione di fare fuoco? E qui si presenta l’ipotesi dell’esecuzione. Che, però, non è stata portata a termine. Discrede è deceduto mentre tentavano, invano, di trasportarlo in ambulanza. Quando i te rapinatori sono scappati, l’uomo era ancora vivo. Un killer esperto che spara sei colpi con una calibro 9 a canna corta, fanno notare gli investigatori, non sarebbe andato via senza premere il grilletto un’ultima volta, per il colpo di grazia. Insomma, rapinatori inesperti o killer senza la freddezza necessaria? Che poi hanno bruciato la macchina ritrovata dai carabinieri lungo i tornanti che conducono alla discarica di Bellolampo. E una macchina si brucia in fretta e furia solo se ti sei portato dietro ciò che serve per appiccare le fiamme, se hai programmato anche questo passaggio per fare perdere le tracce.

Non ci sono precedenti penali e neppure episodi dubbi nella vita di Discrede. Dagli interrogatori di amici e parenti è venuta fuori la figura di un grande lavoratore. Che di recente si era lasciato alle spalle una non proprio positiva esperienza professionale. Circa sei mesi fa aveva chiuso la società che gestiva il supermercato ed era diventato il direttore commerciale del punto vendita che, nel frattempo, sotto la nuova proprietà, aveva cambiando nome in “L’isola del risparmio”.

Gli uomini della Squadra mobile, coordinati dal pubblico ministero Nino Di Matteo e dal dirigente Stefano Sorrentino, hanno chiesto il supporto dei finanzieri per fare uno screening della situazione economica di Discrede. Il compito di decriptare il codice di sicurezza con cui la vittima proteggeva le immagini delle telecamere di sicurezza è stato affidato ad un perito.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

20 Commenti Condividi

Commenti

    auto incendiata a bellolampo = esecuzione premeditata.
    Impossibile allontanarsi senza altro mezzo.
    L’agguato era già predisposto per il peggio, è impossibile che il commerciante abbia reagito trovandosi insieme alla bambina, sei o sette colpi sono troppi per credere ad una reazione impulsiva !!!

    ….. e poi visto che si sono recati in una zona isolata, non è più facile risalire ai cellulari presenti lì a quell’ora ???

    killer spietati,pistola calibro 9,4 colpi per una rapina, passamontagna e caschi integrali,auto bruciata a decine di chilometri di distanza. ma siamo sicuri che era una rapina??? mahhhhhhhhh

    Vedi troppi film

    perche’ secondo te chi commette un omicidio si porta dietro il cellulare? lo avranno lasciato a csa per avere un alibi. ormai pure i bambini di 2 anni sanno che il cellulare equivale a fare tombola

    Secondo me sono cani sciolti strafatti di coca

    Mi rivolgo a voi galantuomini che avete ammazzato un padre di famiglia ricordate che chi fa’ del male prima o poi questo ti torna contro e il doppio e se non a voi ai vostri figli o a le persone che volete bene e’ legge di natura non si scappa vedrete

    INTANTO, DUE BAMBINI NON AVRANNO PIU’ IL LORO PAPA’, CON TUTTO RISPETTO PER LA MOGLIE…

    Se fosse una rapina non avrebbe senso dare a fuoco un auto che di sicuro vale più di 4 mila euro

    Sparare per una rapina significa che o sono inesperti oppure non era una rapina. Speriamo che la bambina venga aiutata dal punto di vista psicologico.

    certo, se l’auto fosse stata la loro.
    Domanda: ma quale rapinatore andrebbe a commettere un delitto con un’auto a lui riconducibile? E se lo riprende una telecamera mentre è in fuga?
    PS: Il nostro Paese è bello per questo: una volta eravamo santi, poeti e navigatori, poi tutti allenatori di calcio ed ora tutti analisti politici e grandi investigatori.

    ho 3 bambini piccoli da crescere e in questa citta non vedo un futuro per loro e vero che sono tempi brutti per tutti ma non ce verso di niente

    mamma mia quanti investigatori….

    Io di rapina ci vedo solo l’aver preso i 4 mila euro…

    Ormai non ci sono parole siamo in mano a nessuno

    Cosa aspettarsi da un paese che per 10 anni su 20 è stato governato da un pregiudicato che negli anni 70 si era messo dentro casa un esponente della mafia?
    O una regione i cui due ultimi ex presidenti sono 2 bei tomi in galera o sotto processo per mafia?

    Ci si aspetta che la giustizia e la repressione del crimine siano state messe in condizione di funzionare?

    Ma perchè in Sud America i paesi detti “del terzo mondo” combattono la malavita con l’esercito armato di fucili automatici e noi dobbiamo assistere a cose del genere…è evidente che lo stato ha fallito e che bisogna seriamente pensare ad una pulizia a 360 gradi. Fino a stanarli tutti…forse sarebbe una Palermo più sicura.

    Ma come fai a dire che non abbia reagito??? con quale criterio?

    roberto credimi non ne capisci niente

    hai ragione basta fare 1+1 e il risultato è questo , governati da delinquenti, e ancora c’è chi si ostina a dargli il voto o sono stupidi o delinquenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *