Zaini e astucci contraffatti| Scoperta la centrale del falso - Live Sicilia

Zaini e astucci contraffatti| Scoperta la centrale del falso

Merce per duecentomila euro, interamente contraffatta, è stata scoperta dai finanzieri in un deposito vicino alla stazione. Denunciati due cinesi che stavano per immettere migliaia di prodotti per la scuola falsi.

PALERMO, STAZIONE CENTRALE
di
4 Commenti Condividi

Prodotti per la scuola di tutti i marchi, ma rigorosamente falsi. Quasi 83 mila pezzi venivano custoditi in un maxi deposito che si trova nei pressi della stazione centrale di Palermo ed erano pronti per essere rivenduti al dettaglio. Un piano andato in fumo in seguito al blitz effettuato dagli uomini della guardia di finanza che hanno fatto venire a galla una vera e propria centrale della contraffazione che serviva anche da base logistica per i “grossisti” cinesi. E così, astucci, zaini e altri tipi di prodotti per la scuola falsi, stavano per essere venduti nel mercato locale, finendo così, sui banchi degli alunni che in questi giorni, si apprestano ad iniziare il nuovo anno scolastico.

La denuncia è così scattata per due cinesi che, tra l’altro, in due pc, avevano memorizzato l’intero catalogo della merce illegalmente venduta. Una volta registrati gli ordini, gli zaini e altri prodotti, venivano poi consegnati a numerosi clienti, anche commercianti ambulanti: il movimento intorno al negozio era notevolmente aumentato negli ultimi giorni. La merce, fabbricata con materiale scadente – come hanno accertato i finanzieri – e rifinita in maniera approssimativa con piccole parti facilmente staccabili, con rischi per i bambini, se venduta avrebbe fruttato circa 200.000 euro.

 

 

 

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Il mercato sta morendo a causa di questo smercio illegale ed infinito!

    sono gli stessi cinesi che sono diventati i padroni della Via lincon?

    La merce contraffatta e’ dappertutto, dalle bancarelle in ogni angolo della città ed anche in alcune vetrine di negozi, e’ la solita storia ormai da anni, e parliamo di legalità ed evasione fiscale! Mah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *