Un anno senza Francesco | Il suo testamento dolce e severo - Live Sicilia

Un anno senza Francesco | Il suo testamento dolce e severo

Giuseppe Sottile e Francesco Foresta

Un anno è già passato. Un anno dalla scomparsa di Francesco Foresta, fondatore di LiveSicilia. Ci aveva chiesto tante cose durante la sua breve, atroce e fulminante agonia. Noi abbiamo fatto tutto ciò che ci è stato possibile fare, ma con una attenzione particolare ad evitare arroganze e banalità. Glielo dovevamo, come omaggio alla sua memoria.

La memoria
di
5 Commenti Condividi

Certo, avremmo dovuto trasformare il nostro amatissimo Livesicilia nel primo giornale della Sicilia, forte e invincibile come un eroe della mitologia greca, intransigente e disarmato come un profeta dell’Antico Testamento. Ce lo aveva chiesto lui, Francesco, nei giorni più atroci della nostra amicizia, quando la morte lo aveva già artigliato per il collo e aveva chiuso le porte a ogni speranza. Ce lo aveva chiesto senza mai cedere alla rassegnazione né alla disperazione. Anzi: furbescamente e amorevolmente spalmava sui nostri discorsi quel suo sorriso sbilenco, fatto per metà di gioia e per metà di pianto, con il quale puntualmente appannava ogni tristezza e ogni malinconia.

Ci aveva chiesto tante cose Francesco Foresta, giornalista di raffinato mestiere ed editore di brillanti intuizioni, strappato un anno fa ai suoi affetti, ai suoi sogni, alla sua giovinezza, alle sue legittime ambizioni. Ma ci aveva chiesto soprattutto di tenerci lontani dalle arroganze, dalle presunzioni e dalle placide infamie che giornali e giornalisti spesso finiscono per portare dentro ogni racconto, dentro ogni storia, dentro ogni fatto di cronaca. Professionalmente Francesco veniva da una grande scuola di libertà: mal sopportava le velleità dei cronisti che credono di avere capito tutto il bene e tutto il male del mondo; e, conseguentemente, si guardava bene dall’impartire fumose lezioni sull’obiettività dell’informazione o su quelle stucchevoli geometrie dell’equilibrio che, secondo i venerati maestri del quieto vivere, dovrebbero sovrintendere alla pura e semplice narrazione delle cose che accadono.

Più semplicemente si limitava a manifestare una smisurata fiducia nella notizia, elemento primario e insostituibile del nostro lavoro, e una naturale ripugnanza per quella banalità che, di fronte alla durezza di certi avvenimenti, riesce a trasformare ogni interrogativo in un pensiero comodo per chi scrive e altrettanto comodo per chi legge. Era forse per questo che prima di morire ci aveva pure chiesto, e Dio solo sa con quale insistenza, di non anteporre le nostre certezze ai dubbi degli altri e di non lasciarci mai incantare dalle formule magiche – come rivoluzione, come antimafia, come società civile – dispensate a piene mani, particolarmente in Sicilia, dagli impostori della politica e dai moralizzatori senza morale. Ci aveva chiesto tutte queste cose, Francesco Foresta. E ce le aveva chieste con il tono e lo sguardo di chi cerca in fondo alla strada un balsamo per alleviare il dolore di una sofferenza maligna o per allontanare la pena di una fine beffarda perché improvvisa, perché impietosa e immatura.

Per un anno noi siamo stati qui, senza di lui. Ma non siamo ancora in grado di dire se abbiamo mantenuto fede a tutte le promesse, se le nostre parole sono state scritte sull’acqua o sulla pietra, se abbiamo ricondotto in porto tutte le navi che lui aveva spinto coraggiosamente nei mari più alti. Abbiamo però la coscienza di avere fatto, con la decenza delle nostre forze, tutto quello che c’era da fare. Non ci sarebbe stato altro modo, del resto, per rendere onore alla sua memoria. La morte di un amico, ci ricorda il libro delle nostre mestizie e dei nostri rimpianti, si sconta solo vivendo.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Francesco Foresta ci manca , e’ fuor di dubbio;
    bisogna comunque essere contenti che Live Sicilia, oltre al condivibillissimo pensiero che scrive Giuseppe Sottile , e’ riuscita a non farsi mettere il BAVAGLIO ne da corrotti ne da consociazionisti.

    Beh forse da qualche finto coraggioso vi siete fatti incantare, lui non lo avrebbe fatto
    Ciao Francesco!

    Onore a Francesco. Ma soltanto a lui. Per il resto stiamo denotando,tutti, un decadimento generale della testata. Come sperperare un patrimonio!

    Concordo in pieno!

    La critica è sempre ammissibile, e lo è ancor di più se si critica un giornale che, proprio per essere un esempio di libertà di espressione, non potrà che accettare tale pensiero. Scrivere però che vi sia ” un decadimento generale della testata ” , dovendo essere onesti nel pensiero, a mio parere , non solo non corrisponde al vero ma ritengo che in questo anno si sia ancora di più sviluppata quella capacità di dare la notizia e di analizzare la stessa con entusiasmo e senza scadere in volgarità e faziosità alle quali qualche altro giornale ci ha abituato negli ultimi vent’anni. Riposa in pace Francesco !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.