Anello ferroviario, alberi tagliati| Raimondo: 'Ne pianteremo di nuovi' - Live Sicilia

Anello ferroviario, alberi tagliati| Raimondo: ‘Ne pianteremo di nuovi’

Alcuni alberi tagliati in viale Lazio (foto tratta da Facebook di M. Robotti)

L'annuncio dell'assessore al Verde: "Per ogni pianta che si toglie ne metteremo due, la compensazione deve essere in positivo”.

viale lazio
di
7 Commenti Condividi

PALERMO – Una settantina di alberi, tra viale Lazio e via Sicilia, che ricadono nell’area di cantiere dell’anello ferroviario e che saranno tagliati. O, per meglio dire, il taglio è già cominciato, come testimonia questa foto postata su Facebook da Marcello Robotti: è un tratta di viale Lazio, transennato per i cantieri, e sul marciapiede ci sono già alcuni arbusti abbattuti. Il taglio è necessario per via dei lavori, anche se già qualcuno, come il capogruppo Idv Filippo Occhipinti, chiede di correre ai ripari.

“Gli alberi saranno recuperati – annuncia l’assessore al Verde Francesco Raimondo – nel senso che ci sarà un intervento di compensazione. Dove possibile faremo in modo che questa compensazione avvenga negli stessi spazi, compatibilmente con l’impianto della struttura che sarà realizzata. Ho chiesto di avere il numero preciso di questi alberi, così come di tutte le piante che saranno interessate a espianto, per la realizzazione di questo progetto. Per ogni pianta che si toglie ne metteremo due, la compensazione deve essere in positivo”.

“Vogliamo sapere dall’assessore Raimondo come intende compensare il verde abbattuto per il cantiere dell’anello ferroviario, uno scempio a cui i palermitani hanno dovuto assistere inermi, e quali sono state le misure di compensazione a carico della ditta e previste per legge – dice Occhipinti – chiediamo inoltre che l’assessore predisponga per tempo un piano anche per i futuri cantieri, per il momento resta solo la rabbia di non aver salvato quanto più verde possibile. All’angolo tra la via Sicilia e viale Lazio c’è anche un ficus di pregio: speriamo che almeno questo venga salvato”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    E un forestale per ogni albero no?

    Poveri alberi, che brutta fine!

    IO CHIEDEREI ALL ASSESSORE QUANDO PIANTERA’ I PLATANI IN VIA LIBERTA’ NEI TRATTI ORMAI DESERTIFICATI O COME HANNO FATTO I SUOI PREDECESSORI SE NE INFISCHERA’

    “Vogliamo sapere dall’ assessore Raimondo come intende compensare il verde abbattuto per il cantiere dell’anello ferroviario, uno scempio a cui i palermitani hanno dovuto assistere inermi” ……

    Questo è il paradosso di una Città in balia di misere strumentalizzazioni …. Vorrei, io, chiedere al Sig. Occhipinti, perché anziché indignarsi per il sacrificio di qualche albero, necessario e fisiologico, alla realizzazione di un’opera pubblica in ambito urbano, non si indigna dello scempio messo in atto nelle ultime festività primaverili da una moltitudine di palermitani, che hanno trasformato in vere e proprie discariche luoghi come la Favorita, la riserva di monte pellegrino ed ogni angolo di verde cittadino?
    Il problema sono quattro alberi, che come giustamente affermato dall’Assessore, possono essere ripiantati anche in numero maggiore, e non la strada per monte pellegrino, tappezzata di fazzolettini e preservativi, oppure la favorita ridotta a discarica a cielo aperto, o peggio ancora un’intera città in stato di abbandono igienico-ambientale?
    Certamente ai Palermitani, mancherà quel po di ossigeno prodotto da quattro alberi!
    Poi se gli stessi faranno il bagno in un mare dove finisce il percolato di tutti i rifiuti abbandonati ad ogni angolo, non è un problema, come non è un problema che per portare un bimbo in bici per i viali della favorita (salvo prima arrivarci, visto come sono ridotti i marciapiedi), devo munirmi di cassetta pronto soccorso con antibiotici e disinfettante!
    Per favore caro Sig. Occhipinti, provi a strumentalizzare argomenti più utili ai Palermitani europei…..Grazie!

    Chissà se vivrò così a lungo da vedere se quanto dice oggi l’Assessore venga realmente realizzato, ma da come vanno le cose in questa città ritengo che oggi nessuno può impegnarsi su simili cose, ricordo tutte le promesse sul Real Parco della Favorita…., sul porticciolo dell’Arenella, su quello di S.Erasmo, sul Foro Italico, insomma opere la cui realizzazione impegna più generazioni!…….

    @tonogi si preoccupa della favorita ma se ne infischia degli alberi in città. questo fa capire quante motivazioni contrastanti ci siano nel suo ragionamento e poi parla di strumentalizzazioni. si metta daccordo con se stesso tonogi perchè il verde è lo stesso anche se cambia il posto.
    mamma mia cosa tocca leggere!!!

    Gentile Sig.ra Palermitana
    Volevo solo chiarire il mio concetto che lei interpreta contraddittorio ….. io non sono a favore del taglio degli alberi cittadini, ma se ciò si rende necessario alla realizzazione di un’opera di comune utilità e, sopratutto se, questi vengono sostituiti da altri, lo ritengo il male minore rispetto al degrado cittadino che ho evidenziato e che è ben visibile a tutti (si faccia una passeggiata a monte pellegrino). il mio intervento voleva solo evidenziare che che la polemica innescata dal Sig. Occhipinti è più o meno come la metafora di colui che vede il pelo e non si accorge della trave che gli cade addosso …. ecco semplicemente per precisare …. saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *