Bambini intubati: il più piccolo ha la variante inglese

Bambini intubati: il più piccolo ha la variante inglese

Le condizioni dei due piccoli pazienti.
2 Commenti Condividi

PALERMO- Variante inglese. Questo è il primo responso che arriva sui due bambini, un bambino e una bambina, intubati, entrambi affetti dall’infezione Covid. E’ una risposta che riguarda il più piccolo, di quasi due mesi, ricoverato alla terapia intensiva neonatale dell’ospedale ‘Cervello’. Per la bambina bisognerà attendere ancora qualche ora.

Le parole di chi sta combattendo questa battaglia sono caute. I due bimbi sono in condizioni gravi ma stabili. Sia al ‘Cervello’, sia all’Ospedale dei Bambini, dove è ricoverata la piccola, c’è un personale sanitario di eccellenza. E quando diciamo ‘eccellenza’ intendiamo riferirci a un valore che tiene insieme bravura e umanità. Insomma, i due pazienti sono nelle migliori mani possibili.

Il nonno del neonato ha contattato LiveSicilia.it: “Mio nipote non stava male, non ci risulta che avesse niente. E’ un bambino molto curato e circondato da attenzioni e da amore infinito, noi siamo stati e siamo attentissimi anche con le precauzioni della pandemia”.

Sono ore di comprensibile ansia. Innanzitutto per le famiglie, ma anche per Palermo. Riceviamo continuamente messaggi affettuosi di persone che vogliono sapere lo sviluppo della vicenda. La racconteremo passo per passo. Unendo le nostre speranze a quelle di tutti.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Io ascolto solo VAIA che dice sì di vaccinarsi, ma non è un catastrofista

    Molti si sono scordati la variante inglese che è ancora prevalente sia in Sicilia sia in Italia. E questa grave vicenda lo dimostra.
    Non si capisce perchè qualcuno voglia fare dimenticare la variante inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *