Biagio Conte dimesso dall'ospedale, i giorni difficili e il ritorno

Biagio Conte dimesso dall’ospedale, i giorni difficili e il ritorno

La buona notizia, dopo giorni difficili.
0 Commenti Condividi

Fratel Biagio ha lasciato stamattina l’ospedale ‘Buccheri la Ferla’ e il reparto di Oncologia dove era ricoverato. La lotta al tumore continua con il ritorno alla Missione ‘Speranza e carità’. Sono stati giorni difficili, consapevoli della gravità, ma anche pieni di speranza e di cose belle, nonostante tutto. Biagio Conte, dopo la diagnosi del male al colon, è stato curato dal dottor Nicolò Borsellino e dalla sua squadra. E qui bisogna soffermarsi a parlare di una realtà medica che unisce il meglio della competenza, con il massimo dell’umanità.

Non sono stati giorni semplici, nemmeno per il primario, per ‘Nick’ Borsellino, come affettuosamente viene chiamato e non lo sono mai per chiunque cerchi la salvezza. Non contano soltanto i volti e i nomi, ma il dolore e la speranza che sono strumenti complicati, nell’alternanza che propongono al confine con tutti i significati della vita. Una citazione meritano, con tutto il personale, le dottoresse Valeria Albanese e Rosalia Nicastro, e il direttore del Dipartimento Medico, il dottore Fabio Cartabellotta che è stato prezioso, soprattutto, nelle fasi iniziali della diagnosi.

Qual è la situazione? Senza entrare nel dettaglio e mantenendosi al confine con il rispetto e con la privacy: un paziente che lascia l’ospedale ha superato la fase immediatamente preoccupante della sua patologia. Fratel Biagio ha reagito bene alle terapie, ha ripreso a mangiare e si trova in una condizione fisica migliore di quando è entrato in corsia. La battaglia si sposta su un altro fronte e, almeno per il momento, sarà combattuta nei locali della Missione ‘Speranza e carità’, con i supporti necessari e il continuo contatto con i medici.

Questa, comunque, appare già alla stregua di una svolta che apre il cuore alla speranza, dopo un primo momento in cui il dolore di tutti per la malattia del missionario laico che rischiara il cammino di Palermo aveva preso il sopravvento. Tanti sono quelli che hanno pregato, che ci sono stati, che hanno chiesto notizie e che si sono sentiti coinvolti in prima persona, come per un parente o per un amico. Ed è normale che sia così. Biagio è il fratello maggiore dei palermitani, ha il coraggio di chi affronta le privazioni a mani nude, pur di affermare un’idea di amore e di pace. Ora, tornerà un po’ silenzio sulla sua vicenda. Ma sarà scandito dai sussurri delle preghiere che non cesseranno. (Roberto Puglisi)

Il messaggio del sindaco

“È con sentimento di speranza e di fiducia che apprendo della notizia che Fratel Biagio Conte ha lasciato l’ospedale. La sua battaglia è ancora lunga ma sono certo che, con il continuo supporto dei fratelli della Missione Speranza e Carità e dei medici che ringrazio, potrà affrontare le terapie necessarie nel miglior modo possibile. Oggi la città tira un sospiro di sollievo”, così dichiara il sindaco Roberto Lagalla.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.