Carnevali, vini e spazzaneve: dall'Ars pioggia di finanziamenti - Live Sicilia

Carnevali, vini e spazzaneve: dall’Ars pioggia di finanziamenti

Tutti i territori e le categorie bagnati dalla pioggia di risorse della finanziaria elettorale
GLI EMENDAMENTI
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Carnevali, museo del vino ma anche vertenze industriali come quella della Blutec. E ancora canili, spazzaneve e iniziative sociali e umane come quella del contributo per l’acquisto di parrucche per le donne affette da patologie oncologiche o da alopecie. Dentro i tre maxi emendamenti approvati ieri dal parlamento siciliano in seno al voto alla legge di stabilità (altro nome della finanziaria, ndr) c’è di tutto. C’è il serio e il faceto. Ci sono progetti che i deputati portavano avanti da anni, c’è l’attenzione verso i territori di riferimento e alla fine il sentore è quello di non di una pioggia, ma di un temporale di finanziamenti.

LEGGI ANCHE: Vertenza Blutec, dall’Ars uno scivolo alla pensione

È questo, purtroppo, il prezzo dell’accordo raggiunto dalle forze politiche, mentre si avvicina la campagna elettorale: un prezzo che vale circa 30 milioni di euro. Non è certo colpa dell’assenza di una maggioranza forte: accadrebbe comunque anche con i numeri blindati. Va così la politica e forse vuole così il corpo elettorale. Certamente di questa legge di stabilità rimarranno quindi i finanziamenti da ex Tabella H insieme alla totale assenza di visione globale. Le iniziative, sia detto: risultano alle volte anche pregevoli. C’è da chiedersi, però, – sol per fare un esempio fra i tanti – perché piuttosto che destinare un contributo per l’accesso alle spiagge dei disabili nella sola provincia di Ragusa non si sia chiesto di farlo con più risorse in tutta la Sicilia.  

LEGGI ANCHE: Finanziaria, le parole di Miccichè e la vittoria dell’Ars

Ognuno guarda il suo. Ognuno ha fatto il suo. E questa sembra essere, così, la baronale malattia del parlamento più antico d’Europa. Ecco cosa c’è dunque fra i commi dei tre maxi emendamenti votati ieri sera.

Contributi e finanziamenti

Bipartisan la norma, voluta dall’assessore Toto Cordaro e sostenuta dal fronte dei Comuni madoniti della reale di Piano Battaglia, che stanzia 2,2 milioni di euro per gli spazzaneve: si tratta di una norma molto attesa e che consentirà l’acquisto dei mezzi che daranno ai Comuni delle Madonie (Polizzi, Petralia Sottana, Isnello e Collesano) di accelerare la valorizzazione dei territori e dare una svolta alle tante criticità che hanno impedito la valorizzazione di Piano Battaglia.

LEGGI ANCHE: Ars, via libera a Finanziaria e Bilancio: accordo raggiunto

Stabilito anche il finanziamento 500 mila euro per le donne affette da patologie oncologiche e di alopecia con un contributo di 300 euro per l’acquisto di parrucche e l’istituzione di una banca dei capelli.

Altri 10 milioni di contributi riguardano le imprese della pesca per abbattere il caro gasolio (norma del gruppo Attiva Sicilia): l’assessorato regionale per l’Agricoltura con decreto stabilirà criteri e modalità di erogazione.

Passando a temi più leggeri, i carnevali sono protagonisti: 500 mila euro vanno ai Carnevali storici, altri 400 mila vanno al carnevale di Melilli (Sr) e altri ancora alla sole sfilate allegoriche di Sciacca.

E ancora: 500 mila euro agli enti che gestiscono le riserve naturali, 100 mila euro all’Arpa Sicilia per realizzare il software che permetterà di analizzare ed elaborare i dati della rete di monitoraggio delle zone industriali. Una norma del M5s stanzia 200 mila euro per gli incentivi ai cittadini che acquistano un’auto elettrica, 400mila euro vanno al sito minerario di Castelluccio-Tabuna e la messa in sicurezza della limitrofa casina rossa di Castelluccio Streppenosa; 200 mila euro per istituire la sede dell’Enoteca regionale a Vittoria.

In questo contesto i comunicati dei deputati che rivendicano il loro operato sono protagonisti.

“Abbiamo messo in sicurezza i Comuni ed anche le società partecipate – dice il deputato della Lega Vincenzo Figuccia – previsti anche i fondi per i rinnovi contrattuali dei regionali e per i forestali. Importante anche la dotazione di 5 milioni di euro per progetti nel settore agroalimentare gestiti dall’Istituto regionale Zootecnico”.

I deputati del Movimento 5 Stelle all’Ars Giampiero Trizzino, Salvo Siragusa e Luigi Sunseri gioiscono perché “Bagheria avrà finalmente il proprio canile, risolvendo un problema annoso sul duplice fronte della gestione del randagismo e delle onerose spese a carico del Comune, costretto a spedire i cani in strutture private fuori dal proprio territorio”. Lo stanziamento è di  100 mila euro come contributo.

“Dopo 7 lunghissimi anni Realmonte avrà di nuovo il suo campo di calcio comunale”, annuncia con soddisfazione Michele Catanzaro parlamentare regionale del partito democratico.

“Approvato in finanziaria regionale siciliana un contributo straordinario di 250 mila euro per la valorizzazione del sito archeologico ‘Campanarazzu’ a Misterbianco” dà notizia la deputata del Movimento Cinque Stelle Jose Marano.

Eleonora Lo Curto rivendica l’approvazione della norma che riapre i termini per i contributi ai privati per lo smaltimento dell’amianto sia nelle costruzioni per civili abitazioni, sia per i fabbricati insistenti su terreni agricoli e del contributo per le parrucche. “Un’altra norma che sono riuscita a far approvare assegna un contributo di 310 mila euro, oltre al trasferimento ordinario, al nuovo Comune di Misiliscemi. I fondi serviranno per la creazione del parco cittadino quale centro principale del territorio dell’ente locale e fulcro del progetto di sviluppo economico e sociale su cui è stato centrato l’obiettivo della creazione del nuovo Comune” E ancora: arrivano 111 mila euro per la fondazione Orestiadi di Gibellina.

Risorse regionali per 160 mila euro consentiranno finalmente di completare l’iter per la creazione del museo regionale di Sciacca. “Queste risorse, per quanto esigue – spiega la deputata Fi Margherita La Rocca Ruvolo – permetteranno di sbloccare l’iter per il trasferimento del complesso monumentale Santa Margherita di Sciacca dall’Asp di Agrigento al patrimonio della Regione che per la musealizzazione ha già stanziato 7 milioni di euro”.

Dal canto suo Nello Dipasquale ricorda “il caso delle riserve necessarie a rifinanziare la legge speciale per Ragusa Ibla e quella per Ortigia dimenticate dal Governo che, invece, aveva preferito Agrigento. Con grande determinazione non solo siamo riusciti a confermare le riserve, ma abbiamo ottenuto un incremento di mezzo milione di euro per ognuno dei due importanti centri storici. Sono passati, poi – aggiunge l’esponente del Pd – : un emendamento grazie al quale vengono stanziati 500mila euro per il completamento dei lavori a Palazzo Iacono, sede del municipio di Vittoria; un emendamento finalizzato all’istituzione dell’Osservatorio sui Cambiamenti Climatici”. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Con una mamma Regione così facoltosa e che pensa proprio a tutto ed a tutti potremmo pure fare a meno dello Stato. Per trovare un simile bilancio così ricco di mecenatismo verso il prossimo dobbiamo andare negli Emirati Arabi o in Qatar…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.