Catania, ancora un passo indietro | L'arbitro non può essere un alibi - Live Sicilia

Catania, ancora un passo indietro | L’arbitro non può essere un alibi

I rossoazzurri, contro il Crotone, non sono stati capaci di rimontare dall'iniziale svantaggio se non al 90', per giunta sugli sviluppi di un calcio piazzato. Si è vista un'involuzione nel gioco e nella personalità, la gara di Pescara può essere decisiva anche per fare punti-chiave per evitare la Lega Pro.

5 Commenti Condividi

CATANIA – Quattordici conclusioni verso la porta, due traverse colpite da Sciaudone nel primo tempo e da Maniero nella ripresa, eppure il Catania esce dal campo del “Massimino” con un solo punto dopo la sfida contro il Crotone. Doveva essere l’occasione per proseguire la scalata della classifica, dopo la doppia e convincente vittoria contro Pro Vercelli e Perugia, invece è stato un modo per tirare nuovamente fuori i limiti di una squadra, che ha giocato sull’onda dell’entusiasmo per i tanti cambiamenti apportati durante il mercato invernale, ma tuttora fragile e incapace di imporsi sugli avversari, tanto sul piano del gioco quanto a livello psicologico e dell’aggressività. I rossoazzurri sono riusciti solo al 90′ ad evitare un’altra sconfitta in casa e soprattutto l’umiliazione dell’ultimo posto in classifica, seppur condiviso, oltre che con lo stesso Crotone, anche con Latina e Varese.

Una prestazione per nulla convincente contro una squadra che ha avuto il merito di sbloccare subito il punteggio, sfruttando proprio questa condizione di risultato favorevole per impostare il proseguio dell’incontro con un atteggiamento difensivo. Tutto ciò non ha certamente giovato agli uomini di mister Marcolin, i quali sono stati certamente sfortunati nelle due situazioni in cui i legni della porta difesa da Cordaz hanno strozzato in gola la gioia del gol, prima all’ex barese e poi al capocannoniere del campionato. Il gioco che ha entusiasmato l’ambiente etneo nelle due precedenti uscite si è visto solo a sprazzi, gran parte delle occasioni avute da Calaiò e compagni sono arrivate dai calci piazzati, e da uno di questi è arrivata la zuccata di Castro, entrato dalla panchina e subito decisivo per evitare un altro ko. Proprio l’argentino, assieme all’altro recuperato Martinho, potrebbe rappresentare l’arma in più del Catania per il rush finale della stagione.

Non è passata inosservata la sfuriata, nell’immediato post-partita, dell’amministratore delegato Pablo Cosentino, presentatosi in sala stampa al fianco di Marcolin per denunciare gli errori commessi dall’arbitro Sacchi. Sia chiaro che il dirigente etneo non ha tutti i torti, ma è necessario non passi un messaggio tale da far pensare che il Catania limiti alle topiche del direttore di gara le responsabilità per una vittoria annunciata, forse con troppo ottimismo e poca concentrazione sul campo, e sfumata a causa di una prestazione al di sotto degli standard ai quali i rossoazzurri erano attesi. Nel prossimo weekend è prevista la complicata trasferta di Pescara, con il ritorno da grande ex di Riccardo Maniero e la sfida contro una squadra che non vince dalla fortunata trasferta di Trapani di un mese fa e che quindi vuole invertire la rotta per riagganciare il treno che porta ai playoff.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    L’arbitro non è una scusa…………….quando sei forte non ci sono arbitri che ti fermano!!!
    Dai dai che a 86 punti manca poco AHH AHHH!!!!

    Nooooo, non sono d’accordo! Se il cacania si trova in quella posizione di classifica è colpa dell’arbitro: se non li avessero favoriti sarebbero dietro il crotone. ghghghgh

    Scarsità…

    Marcolin…..scappa da Catania, finchè sei in tempo.

    Ma se gli arbitri hanno regalato loro come minimo una decina di punti…ma smettetela rossoazzurri dal cuore bianconero…smettetela…la vostra juve è prima…almeno gioite di questo anziché lamentarvi degli arbitri o di una vittoria del Palermo vostro RE.

    Forse mi metterò a stampare cartelli con le C…indovinate per quale coreografia? UUUAHHAHA UUAHAHA UAUUAHAHAHA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *