Catania, Ripa è il nuovo centravanti | Colpo a effetto prima dell’esordio - Live Sicilia

Catania, Ripa è il nuovo centravanti | Colpo a effetto prima dell’esordio

Lucarelli accoglie l’ex Juve Stabia a Torre del Grifo: allenamento in gruppo in vista della sfida di Coppa Italia in programma domenica con la Leonzio.

calcio - serie c
di
8 Commenti Condividi

CATANIA – Colpo a sensazione del Catania che, alla vigilia dell’esordio ufficiale nella nuova stagione fissato per domenica prossima in occasione del match di Coppa Italia contro la Sicula Leonzio, ha ufficializzato l’acquisto del forte centravanti Francesco Ripa, uno degli attaccanti più prolifici della categoria come confermato anche nella scorsa stagione in cui il giocatore, originario di Battipaglia, ha timbrato 15 volte il cartellino nelle 27 gare disputate con la maglia della Juve Stabia. Ripa compirà 32 anni il prossimo 5 novembre e ha sottoscritto un contratto biennale col Catania sino al 30 giugno 2019.

Nelle ultime tre annate calcistiche in cui il neo centravanti rossazzurro ha giocato a Castellamare di Stabia, il numero 9 ha totalizzato 59 presenze siglando complessivamente 26 gol con una media realizzativa di quasi un gol ogni due gare. Ripa, inoltre, andato ben otto volte in “doppia cifra”: per due stagioni in serie D e poi in sei occasioni in C. Il suo score si sintetizza così: Battipagliese nel 2004 (10 centri): Sorrento nel 2006 e nel 2007 (16 e 23 gol con i rossoneri campani artefici di due promozioni consecutive e vittosriosi della Coppa Italia di Lega Pro); Pro Patria nel 2010 e nel 2011 (12 e 16 reti); Arzanese nel 2014 (18 reti); Juve Stabia nel 2015 e nel 2017 (10 e 15 gol all’attivo). Inoltre, con la casacca della Nocerina, nel 2011, Ripa è stato promosso in serie B vincendo la Supercoppa di Lega di Prima Divisione. Nel 2013 ha contribuito alla promozione in Prima Divisione dell’Aquila, indossando successivamente anche le maglie di Potenza e Como.

Dopo essere stato inseguito a lungo e con la trattativa che sembrava essersi irrimediabilmente arenata, Francesco Ripa ha apposto la firma sul contratto che lo lega al Calcio Catania e si è subito aggregato ai nuovi compagni, partecipando oggi all’allenamento pomeridiano, a Torre del Grifo, agli ordini di Cristiano Lucarelli che – ovviamente – ha accolto a braccia aperte questo ulteriore rinforzo. Adesso il mercato in entrata del Catania può ritenersi concluso. La dirigenza dovrà lavorare solo per smaltire gli esuberi e piazzare adeguatamente alcuni calciatori non ritenuti utili per il nuovo progetto tattico. Innanzitutto ci sarà da trovare una sistemazione per Calil. Intabto, gongolano i tifosi rossazzurri: con un attacco così, con i vari Ripa, Curiale, Anastasi, Di Grazia, Russotto ed un regista come Ciccio Lodi – oltre alla difesa rocciosa che si è costruita – i sogni promozione posso cominciare ad essere concretamente cullati.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    Bene, la classica ciliegina sulla torta. Un’attaccante prolifico. L’anno scorso ha realizzato 15 marcature con la Juve Stabia. Giocatore esperto, adatto alla categoria. Dovra’ integrarsi con i compagni di reparto e beneficiare della classe di Ciccio Lodi per andare a bersaglio. Lucarelli ( che di attaccanti se ne intende) sapra’ piazzarlo per sfruttare le sue doti. L’ ariete che mancava e’ arrivata. Adesso sognare non e’ vietato-

    Forza CCCCCCCCCCatania, ti aspetta un altro anno di CCCCCCCCCCCC. Più di questo non riuscite a fare e sono convinto che arriverete a metà classifica…..un ottimo piazzamento.

    spertu da quello che dici si capisce ca” hai a testa bona sulu ppi spaddari shampoo” cmq..se sei palermitano hai poco da gioire, se sei messinese non ne parliamo, il resto…è solo noia!

    Ma non sarebbe meglio che chi non tifa Catania si facesse i casi suoi …?

    “u spertu”, di nome ma non di fatto, è la mascotte dei meusari

    Si vola si vola in champions league

    Ma non sarebbe meglio che chi non tifa Palermo si facesse i casi suoi…?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.