Cimiteri al collasso, il Comune "arruola" boy scout e volontari - Live Sicilia

Cimiteri al collasso, il Comune “arruola” boy scout e volontari

L'idea dell'assessore Sala: "Aiuteranno anziani e diversamente abili"
PALERMO
di
16 Commenti Condividi

PALERMO – I cimiteri di Palermo hanno bisogno di aiuto e il Comune arruola volontari, partendo dai boy scout. Ragazze e ragazzi, dai 16 anni in su, a cui chiedere di accogliere i diversamente abili o le persone anziane che vanno a visitare i propri cari, aiutarli a percorrere i viali più stretti o a cambiare l’acqua dei vasi, buttare i fiori marci che appestano l’aria nelle strutture temporanee che ospitano oltre 900 bare in attesa.

L’iniziativa è dell’assessore Toni Sala che giovedì scorso ha scritto ad alcuni gruppi scout, annunciando l’intenzione di creare una rete di volontari che renda più accoglienti non solo l’impianto dei Rotoli ma anche i Cappuccini e Santa Maria di Gesù. “Vi chiediamo, ispirati dal motto del vostro fondatore Baden Powell, di aiutarci ‘a lasciare il mondo un po’ meglio di come l’abbiamo trovato’ – si legge nella missiva – partecipando alla costruzione di una rete di volontari a supporto dei cimiteri comunali”.

Un appello a cui i gruppi scout, almeno informalmente, hanno risposto in modo positivo: non è chiaro quanti saranno i ragazzi coinvolti, ma l’età minima sarà di 16 anni. “Ci stiamo muovendo su due piani – spiega l’assessore Sala – Da un lato seppellire tutte le salme in attesa attraverso interventi di breve, medio e lungo termine, ma dall’altro migliorare il decoro di questi luoghi visitati spesso da persone anziane o con problemi di deambulazione”. Il Comune inizierà dagli scout, anche se l’intenzione è di allargare la rete chiedendo ai volontari di impegnarsi nei periodi di maggiore affluenza e in occasione di alcune festività, non solo accogliendo i familiari dei defunti ma anche rimuovendo l’acqua e i fiori secchi.

“La nostra idea è di partire già a giugno – continua Sala – I cimieri sono spesso visti come luoghi estranei alla città e invece dobbiamo sentirli come parte integrante, di cui prenderci cura. Servono decoro, pulizia e accoglienza: le persone che vanno a visitare i propri cari e vivono già una situazione di dolore e sofferenza non possono trovare anche difficoltà nel percorrere i viali o nel salire su una scala o, peggio, essere infastiditi da rifiuti e cattivi odori di fiori ormai appassiti”.

L’emergenza però ha bisogno anche di interventi d’urto per accorciare la lista delle bare in attesa, che ha ormai sforato quota 900. Il sindaco Leoluca Orlando ha firmato un’ordinanza con cui si attua il protocollo d’intesa con Sant’Orsola revocando 449 concessioni perenni, contro cui nessuno ha mosso obiezione, e in cui collocare altrettante salme in attesa. “Ho chiesto agli uffici comunali di organizzare le operazioni di trasporto in modo che siano celeri ed efficienti – aggiunge l’assessore Sala – Contatteremo le famiglie chiedendo se vogliono aderire a questa possibilità, grazie alla quale potranno acquistare un loculo a Sant’Orsola, che è gestito da una fondazione privata, allo stesso prezzo dei Rotoli, cioè 800 euro circa. La differenza sarà a carico del Comune”. Un obiettivo ambizioso che, se raggiunto, consentirebbe entro l’estate di dimezzare le bare in deposito.

La situazione però resta critica, come ha ammesso anche il Capo di Gabinetto Sergio Pollicita ascoltato dalla Quarta commissione una settimana fa. “Gli sforzi contano ma i risultati sono più importanti e ad oggi sono mortificanti – ha detto Pollicita – Lottiamo contro i mulini a vento, il cimitero dei Rotoli è saturo, siamo senza bilancio e ci ritroviamo a rimbalzare contro un muro di gomma. I 489 loculi fuori terra non possono andare a gara perché non è stato approvato il piano triennale delle opere pubbliche, così come il campo di inumazione che potrebbe contenere 109 posti, pur avendo i soldi a disposizione. Non ci sono invece le risorse per utilizzare il parcheggio adiacente a Santa Maria di Gesù”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

16 Commenti Condividi

Commenti

    Senza Nulla togliere a boy scout e volontari….ma quà a sto punto c’è bisogno proprio di….SUPERMAN E L’UOMO RAGNO!!!!

    No, qua c’è bisogno che la Magistratura inquirente faccia luce su cosa è successo e ne dia contezza a noi cittadini!!

    Se il soggetto che diceva di sapere fare il sindaco (minuscoli x sminuire la sua arrogante megalomania) e che avrebbe risolto il problema in oggetto avesse un po’ di dignità, dovrebbe dimettersi purtroppo, non ha nessun requisito che gli permetta fare il mia culpa.

    certo che veramente giunta piu’ vergognosa di questa in 30 anni non si e’ vista, il dottor ollando sta finendo con il botto, sta lasciando quanti piu’ danni possibili cosi’ la prossima amminisrazione avra’ vita dura,durissima, di certo non c’era da aspettarsi diversamente da un sindaco del genere, ultimo in classifica in tutta italia, io al suo posto abdicherei fuori dal mondo

    Intervistato da Palermo Today ha detto : ” minni staiu futtiennu ” !! Complimenti veramente!

    Oramai è diventata una vergogna e mi stupisco come mai gli organi istituzionali di controllo, ispettivi ed quanti ce ne volete mettere siano completamente fermi e pongano fine al mo’ vediamo e mo’ faremo dell’amministrazione comunale (almeno stando alle notizie)

    Assessore sala sei ben pagato x risolvere il poblema delle bare non scaricare tutto su dei bambini che vergogna di umo coplimenti

    Ammesso ( ma ci credo poco, anzi niente! ) che si possa aderire al trasporto del proprio defunto a “deposito” da più di 1 anno ai Rotoli per 800 euro, verrà stornata la somma pagata ai servizi cimiteriali per il seppellimento a terra che non è ancora avvenuto ai Rotoli?

    Siamo alla FARSA. E non Si vergognano…

    Appello agli amici Boy Scout e volontari: lasciateli perdere, poi diranno che la colpa delle centinaia di bare accatastate è vostra. Lasciate perdere il Comune di Palermo…cercano Capri espiatori e basta

    Ottima idea. perche non creiamo una specie di Confraternita della buona morte?
    Questi ragazzi, ormai allo sbando a causa della sfrenata movida, hanno proprio bisogno di essere rieducati al vero senso della vita. Forza Sala!

    Dice questo Sala che i cimiteri sono spesso visti come luoghi estranei alla città e che invece dobbiamo sentirli come parte integrante. Come dargli torto, Palermo è ormai morta e sepolta e non ci resta che addolcirla con qualche mazzo di bei crisantemi!
    Quindi QUOTO.

    Visto che non mi è stata pubblicata ( forse era errata? ) reitero la domanda : la quota tassa pagata ai servizi cimiteriali per l’inumazione di una salma in giacenza ai Rotoli da più di 1 anno, viene stornata dalle 800 euro se si aderisce all’iniziativa?

    Tutto questo deriva che non sa fare bene il suo lavoro non ha esperienza, addirittura offende i lavoratori della RESET, che lavorano al cimitero, sta organizzando l’armata Brancaleone, complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.