Gela, confisca per un commercialista: c'è pure la riserva di caccia

Confisca per un commercialista: c’è pure la riserva di caccia VIDEO

Beni per 4 milioni di euro.
1 Commenti Condividi

GELA – Beni per 4 milioni di euro sono stati confiscati definitivamente a Salvatore Cascino, 49 anni, commercialista di Gela. Il provvedimento si basa sulle indagini patrimoniali della Direzione investigativa antimafia ed è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Caltanissetta, su proposta della Procura gelese.

Vanno in confisca una lussuosa struttura agro-venatoria a Piazza Armerina, costituita da una riserva di caccia di 30 ettari, un salone ristorante e 7 residence frutto del restauro di caseggiati dell’800, 74 beni immobili (fabbricati e terreni), quote societarie in due società di Gela, autoveicoli e rapporti bancari.

Cascino fu arrestato nel 2010 nell’ambito di un’indagine della Procura di Brescia per associazione a delinquere, truffa ai danni dello Stato e indebite compensazioni fiscali.

Per questi reati aveva patteggiato una condanna a 2 anni e mezzo. Poi sono iniziate le indagini patrimoniali che avrebbero fatto emergere la sproporzione tra il suo tenore di vita, i redditi dichiarati e gli investimenti.


1 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *