"Contento di non aver preso gol|Io a Roma? Temevo servisse un medico" - Live Sicilia

“Contento di non aver preso gol|Io a Roma? Temevo servisse un medico”

parla devis mangia
di
4 Commenti Condividi

Volti decisamente contenti e brillanti nella sala stampa dello stadio Olimpico, dopo Lazio-Palermo, sponda rosanero. Prima parla Devis Mangia: “Meglio nel primo tempo. La classifica non mi interessa. Secondo tempo siamo calati ma la voglia, l’atteggiamento e lo spirito c’erano. Finalmente, dopo molto tempo non abbiamo preso gol. Sono molto contento di questo. E’ una gran cosa. Bene tutta la squadra. Ripeto, siamo calati fisicamente ma non di testa e ci può stare dopo tre partite in una settimana”.

“Ilicic? Giocatore importante come gli altri 26 della rosa. Ha grandissime qualità. Abbiamo preso dei gol strani a volte ma la responsabilità nel bene e nel male non è dei difensori ma di tutta la squadra. Avevo chiesto ai miei di non  portare i loro attaccanti troppo in area per la forza fisica e di non lasciargli spazio perché sono fortissimi. Gli attaccanti della Lazio sono completi”.

“Miccoli in panchina? Fabrizio è un grande, prima della partita avevamo parlato dell’ipotesi di non impiegarlo almeno inizialmente. Questa partita l’avevamo anche preparata in un altro modo, ma negli ultimi 25 minuti ho fatto scelte diverse perché avevamo bisogno di mettere un un uomo in più a centrocampo per proteggere i centrali. Nelle ultime partite avevamo sofferto sotto questo aspetto. Zahavi poi è calato e mettere Fabrizio per farlo giocare sull’esterno non aveva senso. Lui è una punta ma la squadra non poteva reggerlo. Vorrei ringraziare Reja perché so che ha speso parole positive nei miei confronti.  Sono l’ultimo arrivato e lo ringrazio veramente. Entrata all’Olimpico? Mi sono tenuto vicino il dottore…”.

Poi tocca a Balzaretti: “Passo avanti rispetto alla trasferta di Bergamo e rispetto alle partite della scorsa stagione. Avevamo fatto buone gare solo contro le grandi. Il fattore campo è giusto che ci sia e per noi è molto particolare. Negli anni passati, a Milano, a Torino, a Roma abbiamo vinto. E’ un brutto percorso con le squadre medio basse. Lazio squadra fortissima soprattutto davanti. Ottimo pareggio”.

L’allenatore della Lazio, Reja, la pensa così: “Il Palermo ci ha fatto soffrire ed era molto organizzato, una squadra molto quadrata a centrocampo che ha giocato bene. Noi abbiamo avuto le nostre occasioni e speravo di poterla vincere questa partita, ma portiamo a casa un punto importante. Lo ripeto, avevamo di fronte una squadra molto organizzata”.

Infine è il turno di Pinilla: “Un punto davvero importante, soprattutto contro una squadra che è di qualità. Siamo un pò stanchi, anche perchè abbiamo giocato in poco tempo tre partite, oggi è importante prendere confidenza tra di noi, oggi conta solo la squadra e i gol arriveranno da soli, perchè con queste prestazioni è naturale che dobbiamo segnare. Non pensiamo alla classifica, dobbiamo solo lavorare con intensità e testa alta, questa squadra può fare molto di più”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    il MISTER 4 fili di ferro s’i MANCIa

    Grande riscatto di Tzorvas (chissà cosa diranno adesso i gufi), anche se sono sicuro che sarebbe bastato crederci di più e con un pò cinismo e fredezza davanti, avremmo portato a casa i 3 punti.

    IO STO COL PRESIDENTE

    Ma se il Paleemo non vince quste partite contro una Lazio men he mediocre, quando vincerà mai in trasferta!Michele

    Michele se capisci di calcio come scrivi allora capisco il tuo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.