Corruzione elettorale: assolto l'ex deputato Roberto Clemente - Live Sicilia

Corruzione elettorale: assolto l’ex deputato Roberto Clemente

La Corte di appello ribalta la sentenza di primo grado. Era finito ai domiciliari
4 Commenti Condividi

PALERMO – Cade l’accusa di corruzione elettorale. La Corte di appello di Palermo ha assolto l’ex deputato regionale Roberto Clemente, condannato in primo grado a sei mesi di reclusione.

Il collegio presieduto da Maria Elena Gamberini ha ridotto a sei mesi la pena inflitta a Salvatore Ingrassia (difeso dall’avvocato Giuseppe Gerbino, in primo grado era stato condannato a otto mesi). Confermati gli otto mesi inflitti ad Antonino Fiorentino. Per entrambi la pena è stata sospesa, ma nel caso di Fiorentino a condizione che svolga attività sociale per la collettività.

Il processo era una tranche di un procedimento penale sui presunti casi di corruzione elettorale che, nel 2015, sfociò in diversi arresti. Alcuni indagati hanno patteggiato la pena, altri sono condannati a pene pesanti. Tra cui Giuseppe Bevilacqua, considerato l’uomo chiave dell’indagine.

Clemente, difeso dagli avvocati Marco Clementi e Franco Inzerillo finì agli arresti domiciliari assieme ad altri politici. Secondo la ricostruzione che non ha retto al giudizio di appello, Giuseppe Bevilacqua fallì per una manciata di voti l’elezione al consiglio comunale di Palermo.

Alle elezioni regionali nel 2012 avrebbe spostato il suo pacchetto di voti su Roberto Clemente (che poi sarà eletto all’Ars nelle file del Pid cantiere popolari) in cambio della promessa di dimettersi da consigliere comunale. Una manovra che avrebbe consentito a Bevilacqua di entrare a Palazzo delle Aquile (Bevilacqua era il primo dei non eletti). Promesse mai mantenute. Così Clemente si è sempre difeso dalle accuse: “Solo un accordo politico”.

“L’assoluzione dell’amico Roberto Clemente – dice Saverio Romano, leader di Cantiere Popolare – è una notizia che mi riempie di gioia e che voglio condividere con la comunità politica che ho l’onore di rappresentare e alla quale, in modo autorevole, appartiene Roberto. Rinnovo a lui il mio affetto e la stima e questa non è una notizia”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    É ormai ovvio che nei tribunali c’é qualcosa o qualcuno che dovrebbe cambiare lavoro.

    Complimenti ed Auguroni a Roberto. Piano piano si arriva sempre alla verità. Mario Munafò

    Complimenti Roberto , Giustizia Trionfa.

    IL CASO DI CLEMENTE, DOVREBBE ESSERE UN ESEMPIO CAMPIONE, UTILE, PER TUTTI COLORO CHE VOGLIONO EVIDENZIARE E PARLARE DI COME FUNZIONA LA MAGISTRATURA IN ITALIA.
    UN CASO NON COMMENTABILE, DI UN UOMO PROCESSATO, PER NON AVER COMMESSO IL REATO, MA LO POTEVA COMMETTERE.
    LA GIUSTIZIA, DI UN TANTO A KILO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *