Rapinatore e imputato sono due persone diverse: assolto

Rapinatore e imputato sono persone diverse: assolto

Una perizia disposta dalla difesa svelerebbe l'errore
0 Commenti Condividi

PALERMO – La forma del viso, il naso, il mento, la mandibola, le rughe. Tutti i tratti somatici del rapinatore filmato dalle telecamere di sicurezza erano diversi da quelli dell’imputato.

Da qui l’assoluzione di Francesco Di Maria, accusato di avere rapinato e tentato di rapinare due farmacie il 3 e 4 gennaio 2019, entrambe nel rione Brancaccio.

Il primo assalto, armato di coltello, alle 9:30 del mattino in via Pecori Giraldi. Il malvivente ruba 300 dalla cassa. Nel pomeriggio il rapinatore torna sul luogo del delitto, ma stavolta i dipendenti riescono a chiudere la porta e a non farlo entrare.

All’indomani il terzo colpo in via XXVII Maggio. Ancora una volta un uomo armato di coltello riesce a farsi consegnare 400 euro da un impiegato.

Gli investigatori ritengono di avere individuato in Di Maria l’autore dei colpi. Abita a poca distanza dalle due farmacie, di cui è cliente. Le certezze iniziano a vacillare quando uno dei due titolari riconosce in dell’imputato l’autore del colpo mentre, mentre il secondo esclude che sia lui.

L’avvocato Tommaso De Lisi

Investigatori acquisiscono le telecamere di sicurezza. A questo punto diventa decisiva la perizia che il legale della difesa, l’avvocato Tommaso de Lisi, affida a un consulente, il quale conclude senza alcuna esitazione: sono due persone diverse.

Davanti al giudice per l’udienza preliminare Ermelinda Marfia l’imputato si sottopone all’interrogatorio: “Non esiste, non esiste proprio non sono stato io, guardate le foto sono diverse, è più magro, è tutto diverso secondo me. Io sono un lavoratore e basta, faccio l’ambulante”. Il giudice Ermelinda Marfia ha dato ragione alla difesa mandando assolto l’imputato


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *