Covid, due bambini intubati all'Ospedale dei Bambini

Covid, due bambini intubati all’Ospedale dei Bambini

Due bambini sono in gravi condizioni all'Ospedale dei Bambini. Gli aggiornamenti.
3 Commenti Condividi

PALERMO- Ci sono due bambini intubati, entrambi con una infezione da Covid, all’Ospedale dei Bambini di Palermo. Uno ha circa due mesi, l’altro ha dieci anni. Sono in gravi condizioni e sono monitorati costantemente. Questo è quanto apprende LiveSicilia.it. Hanno patologie pregresse. Una notizia che viene confermata dalla direzione sanitaria dell’ospedale.

E’ una notizia di quelle che non si vorrebbero mai scrivere. La sofferenza fa male a qualsiasi livello. Ma, quando colpisce i bambini, ne siamo scossi in profondità, per motivi che è perfettamente inutile spiegare. Adesso, oltretutto, si dovrà capire quale sia la variante del Coronavirus. Ci sono altro casi di piccoli pazienti ricoverati, in altri reparti e in condizioni meno difficili, che sembrerebbero ascrivibili alla variante Delta. Bisognerà attendere le verifiche complete. Intanto, in serata, come abbiamo successivamente appreso, il più piccolo è stato trasferito alla terapia intensiva neonatale Covid dell’ospedale ‘Cervello’.

“Purtroppo ci stiamo occupando di due casi gravi. Anche i bambini si ammalano e possono avere patologie acute o importanti o avere anche delle patologie infiammatorie dopo la guarigione dal Covid ed è quindi necessario, se i bambini sono al di sotto dei dodici anni, che i familiari si vaccinano. Se sono in età da essere vaccinati, che si vaccinano essi stessi”, così la dottoressa Maria Lucia Furnari, responsabile della direzione medica dell’Ospedale dei Bambini. Al momento poco altro, anche per discrezione nei confronti di due famiglie che hanno il cuore in pena.

Altro, invece, si può aggiungere sul frangente delicato che la Sicilia sta attraversando, proprio sul fronte dei contagi Covid. Gli ultimi bollettini non lasciano tranquilli. Secondo il più recente, l’incidenza dei casi è salita ancora. Siamo in estate, in un tempo che vogliamo libero e spensierato e va benissimo. Purché ci sia prudenza.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Mi scusi dott puglisi ma perché utilizzare il covid su 2 bimbi con gravi patologie? È veramente questo il giornalismo che serve a questo paese in questo momento?

    Gentile amico, nessuna utilità, come dice lei. Non abbiamo assolutamente piacere a raccontare storie del genere e ne faremmo volentieri a meno. Ma i giornalisti devono raccontare i fatti e, purtroppo, non possono esimersi dal farlo. Questo è il giornalismo che serve in ogni tempo. Mi creda, avrei pagato di tasca mia per non raccontare tutte le tragedie che siamo stati costretti a riportare. Affettuosi saluti.

    Credo che l’articolo abbia anche l’obiettivo di sensibilizzare sulla necessità di vaccinarsi e di essere prudenti, purtroppo, quando si cominciano ad allentare i controlli, sembriamo galline appena uscite da un pollaio, chi ha patologie deve essere tutelato da chi gli sta attorno,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *