Crisi di governo, Pd e M5s: "Avanti con le primarie" - Live Sicilia

Crisi di governo, Pd e M5s: “Avanti con le primarie”

L'impegno dei protagonisti.
LE DIMISSIONI DI DRAGHI
di
1 Commenti Condividi

CATANIA – L’alleanza tra il Partito democratico e il Movimento cinque stelle dovrebbe reggere, nonostante la crisi del governo nazionale. Avanti con le primarie in Sicilia del campo progressista, dunque. Il voto delle primarie è fissato per il 23 luglio e fino ad allora Barbara Floridia (M5s), Caterina Chinnici (Pd) e Claudio Fava (Cento Passi) sono impegnati in una serie di incontri tematici in tutta l’Isola.

Sulla stessa linea Nuccio Di Paola, il referente per i pentastellati in Sicilia: “Noi stiamo andando dritti per la strada delle primarie. Ad oggi – ha detto – non mi e’ arrivata alcuna indicazione di segnale opposto da Rona. Siamo concentrati e impegnati su un percorso frutto di un lungo lavoro, mancano ancora pochi giorni e lo vogliamo portar a termine”.

Due giorni fa la stessa candidata pentastellata Floridia assicurava: “Qualunque cosa accada al governo, in Sicilia e’ un’altra partita. In Sicilia il Movimento cinque stelle e il Pd sono insieme e continuano a lavorare insieme. La spaccatura a livello nazionale non creera’ problemi alle Regionali, perche’ non e’ tra Movimento cinque stelle e Pd. Le richieste di Conte, non sono una spaccatura, sono soltanto delle richieste chiare al governo che e’ complesso e ricco di diverse forze politiche. Non e’ assolutamente un problema con il Pd con cui abbiamo temi chiari e condivisi soprattutto alle Regionali”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Un idea vincente , visto tuo ciò che si legge . Iniziate con le primarie , poi andate scremando ,
    e seguite con le secondarie , poi finite con le terziarie. Solo così potete essere sicuri del candidato
    scelto da quei pochi che seguono queste idee di trasformazione del nobile concetto della
    partecipazione …. bla , bla , bla , dai mettiamoci un altro bla . ed abbiamo trasformato la corsa alla presenza
    in regione in una corsa ad ostacoli . Ma andando in giro , non sentite il giudizio della gente ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.